Switch to desktop
News Governo

Palazzi davanti alla bandiera a mezz'astaIl sindaco Mattia Palazzi giovedì 18 marzo ha aderito all’iniziativa di Anci rivolta ai primi cittadini di ritrovarsi nei municipi indossando la fascia tricolore e osservando un minuto di silenzio al cospetto della bandiera italiana esposta a mezz’asta. Il momento di raccoglimento si è tenuto in occasione della prima giornata nazionale in memoria delle vittime dell'epidemia da Coronavirus.

Si è trattato di un gesto significativo in concomitanza con l’arrivo a Bergamo del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi ed è stato un segnale importante di fiducia e di speranza da trasmettere alle comunità ancora fortemente provate dell'emergenza sanitaria, economica e sociale.

Venerdì, 19 Marzo 2021 11:04
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Anche giovedì 18 marzo il mercato settimanale di Mantova, già limitato ai banchi che vendono generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, sarà allestito in piazza Sordello. E sempre nella piazza del centro storico vi rimarrà fino alla revoca della zona rossa. A stabilirlo è l’ordinanza firmata dal sindaco Palazzi, che dispone anche il limite massimo all’interno dell’area mercatale di 50 persone contemporaneamente, per evitare il rischio contagi. Naturalmente, per accedere al mercato è obbligatorio osservare tutte le disposizioni fissate per l'emergenza sanitaria: indossare la mascherina, mantenere il distanziamento sociale e igienizzarsi le mani con il disinfettante messo a disposizione dagli organizzatori.

Anche gli accessi ai mercati contadini di Borgochiesanuova e del Lungorio saranno contingentati: duecentocinquanta persone nel primo caso, cento nel secondo. Per il mercato rionale pomeridiano di piazzale Gramsci il numero massimo consentito contemporaneamente è di 20 persone. Infine, per i mercati rionali di Lunetta, via Allende, Te Brunetti e per il mercato contadino di Cittadella, tenuto conto dell’ampia area a disposizione, potranno essere servite due persone per ogni banco presente.

Mercoledì, 17 Marzo 2021 00:00
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Lavori in corsoSi informa che l'intervento di rifacimento della pavimentazione in acciottolato in via Dell'Arco e vicolo Serpe comincerà lunedì 22 marzo anziché mercoledì 17 marzo per consentire la chiusura del vicino cantiere di via Monteverdi e piazza Filippini che si protrarrà ancora qualche giorno per consentire la manutenzione urgente di una tubatura dell'acqua.

Il rifacimento della pavimentazione prevede la chiusura sino al 9 aprile di via Dell'Arco e di vicolo Serpe, con l'imposizione del divieto di transito e del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24; l'istituzione del doppio senso di circolazione da piazza D'Arco, con l'imposizione del divieto di transito eccetto veicoli diretti ai passi carrabili, in vicolo Sant'Ambrogio. I titolari di pass ricovero potranno richiedere ad Aster il rilascio di pass di sosta gratuito nella Ztl "A" e in piazza Virgiliana.

Martedì, 16 Marzo 2021 16:39
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

La Giunta Palazzi ha approvato lo studio di fattibilità tecnico-economica per la riqualificazione del parcheggio ex Kennedy del Te. L’importo complessivo del progetto, redatto dal settore Lavori pubblici del Comune di Mantova, è di 510.000 euro. Lo studio di fattibilità verrà candidato all’interno di un bando di Regione Lombardia, inerente ad “Interventi finalizzati all’avvio di processi di rigenerazione urbana”, per ottenere dalla Regione un finanziamento di 480mila euro. I rimanenti 30.000 euro di cofinanziamento saranno a carico del Comune per la progettazione definitiva ed esecutiva.

Il parcheggio, situato in prossimità di Palazzo Te, si presenta oggi in condizioni di degrado, per questo l’Amministrazione ha deciso di reperire le risorse necessarie alla sua riqualificazione, anche in funzione della riqualificazione complessiva dell’area, già interamente coperta con 5 milioni dal finanziamento Mibact, che vedrà la creazione del nuovo Parco del Te.

L’intervento, progettato dal settore Lavori Pubblici del Comune di Mantova, prevede l’adeguamento funzionale degli spazi adibiti a parcheggio, il riallineamento di viale Primaticcio posto sull’asse di simmetria e di ingresso a Palazzo Te, la riqualificazione degli spazi a verde e la rimozione di barriere visive.

I lavori consisteranno principalmente in opere di demolizione e pulizia dell’area, scavo di sbancamento generale, potenziamento della rete di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche, predisposizione dei cavidotti della rete di distribuzione dell’energia elettrica per l’illuminazione pubblica, che vedrà l’installazione di punti luce a basso consumo energetico, e della videosorveglianza. Sono previsti inoltre interventi per la posa di cordoli in calcestruzzo, riempimenti con materiale inerte con sovrastante stesa di stabilizzato e pavimentazione drenante, formazione di prato armato carrabile con finitura a prato per gli stalli delle auto e vi sarà anche la formazione di marciapiedi a verde. Inoltre, sono previsti lavori per la rigenerazione di aree verdi, la piantumazione di nuovi alberi, graminacee, specie arboree d’alto fusto e siepi, con un impianto di irrigazione automatizzato. Vi sarà anche un nuovo arredo urbano e nuova segnaletica. Infine, saranno installati impianti per la ricarica di auto elettriche.

La superficie d’intervento per tali opere di rigenerazione e riqualificazione ricoprirà un’area di circa 1.500 metri quadrati e i tempi di esecuzione, qualora il progetto venisse finanziato, sono di circa 310 giorni.

Martedì, 16 Marzo 2021 13:01
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

La locandinaIl Comune di Mantova ha dato il patrocinio alla X Giornata del Fiocchetto Lilla, che si celebra in Italia ogni anno il 15 marzo. L’evento ha avuto tante adesioni da parte di tanti enti pubblici e privati.

A promuoverlo è stata l'Associazione “ilfilolilla” fondata nel 2018 da genitori e familiari di ragazze e ragazzi di diverse regioni d’Italia affetti da disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, obesità, binge eating, eccetra),

L’assessore al Welfare del Comune di Mantova Andrea Caprini ha ritenuto importante aderire a questa iniziativa al fine di sensibilizzare la cittadinanza.

La giornata nazionale del “Fiocchetto Lilla”, riconosciuta ufficialmente con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8 maggio 2018, ha come scopo la sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare. In Italia ne soffrono più di tre milioni e mezzo di persone, con 8.500 nuovi casi all'anno. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha considerato tali malattie la seconda causa di morte per gli adolescenti dopo gli incidenti stradali.

In ambito internazionale, il “Fiocchetto Lilla” rappresenta da più di 30 anni la lotta contro i disturbi del comportamento alimentare, con la consapevolezza che queste patologie si possono oggi curare. Esso vuole essere simbolo di aggregazione per chi ha vissuto nell’isolamento della malattia; simbolo di rispetto verso chi soffre; simbolo di speranza per chi per troppo tempo è rimasto costretto in silenzio dalla sofferenza; simbolo di ricordo per non dimenticare chi non ce l’ha fatta.

Lunedì, 15 Marzo 2021 11:33
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

La Lombardia sarà in zona rossa da lunedì 15 marzo. Ciò comporterà un ulteriore cambiamento delle regole. Chiuse anche le scuole: gli studenti frequenteranno le lezioni con la didattica a distanza al cento per cento. Ecco tutte le nuove regole per la Lombardia.

Spostamenti
Tutti gli spostamenti sono vietati. Per lasciare la propria abitazione serve comprovare un'esigenza lavorativa, una situazione di necessità o di salute. In caso di controllo da parte delle forze dell'ordine servirà l'autocertificazione. Resteranno vietati gli spostamenti in direzione delle seconde case e verso le altre regioni. Proibite anche le visite a casa di amici e parenti, a meno che non ci siano motivi di estrema necessità o di visite per sostegno e aiuto alle persone con disabilità. Vietato, dunque, ogni tipo di spostamento in entrata, uscita e all'interno dei comuni di residenza. Resta ovviamente in vigore il coprifuoco nelle ore notturne, dalle 22 alle 5 del mattino.

Scuole
Tutte le scuole sono chiuse, compresi gli asili nido. Applicata la didattica a distanza al 100 per cento. Resta la possibilità di accedere agli istituti per gli studenti con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Negozi, bar e ristoranti
I negozi dovranno chiudere. A differenza della zona arancione e della zona arancione rafforzato, le attività commerciali che non vendono beni di prima necessità non potranno più accogliere clienti all'interno dei loro spazi. Confermata la chiusura anche di bar e ristoranti che potranno continuare ad effettuare servizi di vendita ad asporto (fino alle 18 i primi, fino alle 22 i secondi) e di consegna a domicilio senza limiti di orario. Resteranno aperti i negozi come alimentari, supermercati e tutti gli esercizi che vendono beni di prima necessità. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

Chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Sport e tempo libero
Chiuse palestre, piscine, centri sportivi e ricreativi. Chiusi circoli sportivi, pubblici e privati, sia all'aperto che al chiuso. Tuttavia è consentito svolgere all’aperto e a livello individuale attività di allenamento. Consentita dunque l'attività sportiva come la corsa o la bicicletta, ma solo in forma individuale e nei pressi della propria abitazione. Chiusi ovviamente teatri, musei, mostre e cinema.

Per le festività di Pasqua, dal 3 al 5 aprile, le misure previste per la zona rossa si applicheranno su tutto il territorio nazionale. Sarà comunque possibile spostarsi all'interno della propria regione verso una sola abitazione privata, una volta al giorno, massimo due persone.

 

Sabato, 13 Marzo 2021 10:45
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Il Grana Padano ArenaPrima di Pasqua aprirà il Centro vaccinale La Favorita Mantova, all’interno del Grana Padano Arena & Theatre, grazie a un contratto di comodato d’uso gratuito concesso da Imemi srl ad Asst in accordo con il Comune capoluogo.

Si tratta di uno spazio di 3.200 metri quadrati, che prevede l’attivazione di un numero di box compreso fra 12 e 16, con una potenzialità giornaliera di più di 1.000 vaccini. L’iniziativa sarà destinata, almeno in una prima fase, all’attività vaccinale massiva che non si svolge nelle strutture sanitarie già abilitate, le quali continueranno in parallelo a occuparsi delle categorie più fragili della popolazione.

La macchina organizzativa di Asst sta lavorando a pieno ritmo per impostare nei dettagli l’attività dal punto di vista logistico, strutturale, della gestione delle risorse umane e dell’utenza.

Il personale sanitario dedicato è messo a disposizione da Asst e comprende anche figure professionali che si sono offerte per attività volontaria o di collaborazione. Il personale di accoglienza e amministrativo sarà sempre fornito da Asst, con un significativo supporto della Protezione Civile provinciale.

Uno sforzo notevole in un’ottica di rete fra istituzioni e terzo settore che intende offrire una risposta efficace alla richiesta di vaccinazioni sempre più urgente. Ancora una volta si ringraziano i professionisti della sanità per il grande impegno profuso in tutti i settori nel corso di questa emergenza pandemica.

Venerdì, 12 Marzo 2021 17:57
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Documenti anagraficiSono già 113 i certificati anagrafici rilasciati sino al 28 febbraio 2021 dai 10 sportelli convenzionati per il rilascio dei certificati anagrafici e di stato civile del Comune di Mantova attivi in città. Un servizio che inizia ad essere apprezzato dai cittadini che così risparmiano tempo, non devono fare file e possono evitare spostamenti, il tutto in sicurezza.

Il servizio dell’anagrafe decentrata è stato voluto dall’Amministrazione Palazzi per semplificare ai mantovani queste operazioni e ha l’obiettivo di portare in ogni quartiere punti autorizzati al rilascio dei principali certificati dell’anagrafe, prima ottenibili solo presso gli uffici comunali di via Gandolfo o attraverso i servizi online del Comune. Meno code, tempi più rapidi e, in periodo di pandemia, anche più sicurezza. Inoltre, grazie al convenzionamento di questi soggetti privati, si rende più semplice e immediato il reperimento dei certificati anche a coloro che non riescono ad usare i servizi on line, ad esempio le persone più anziane o con meno dimestichezza con il computer.

Ogni sportello convenzionato espone sulle vetrine, sulle porte d’ingresso, sul proprio sito web una targa che segnala la possibilità di avvalersi di questo servizio.

“Gli sportelli decentrati dell’anagrafe – ha detto l’assessore Iacopo Rebecchi - sono molto apprezzati dai cittadini e rappresentano un efficiente servizio di prossimità. Confidiamo che si diffondano sempre di più nel territorio in modo che vi sia una loro presenza capillare”.

Gli sportelli convenzionati possono rilasciare le seguenti certificazioni anagrafiche: residenza; stato di famiglia; stato libero; esistenza in vita; contestuale di residenza, di stato di famiglia, cittadinanza; contestuale di residenza, cittadinanza, stato libero; cittadinanza (solo per i cittadini italiani e per i residenti a Mantova – no Aire); certificati ed estratti di stato civile; nascita (dal 1971) senza indicazione di paternità e maternità, matrimonio (dal 1991), morte (dal 1991); unione civile.

Si ricorda, comunque, che il Comune di Mantova possiede una struttura tecnologica (Portale dei servizi demografici) che consente di scaricare i certificati da qualsiasi Pc. I certificati online recano la firma del sindaco Palazzi e il timbro digitale che garantisce l’autenticità del documento anche nella forma cartacea.

Venerdì, 12 Marzo 2021 10:49
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Via GiustiziatiProsegue, insieme agli interventi per il recupero, la valorizzazione e il riuso funzionale del complesso monumentale, la rimozione dei ponteggi dalle facciate del Palazzo del Podestà. Lo smontaggio vedrà la rimozione dell’ultima porzione di ponteggio sulla facciata del palazzo prospicente via Giustiziati e via Ardigò.

“Continuano senza sosta i lavori del cantiere del Palazzo del Podestà – ha sottolineato l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Mantova Nicola Martinelli -. Verranno smontati i ponteggi, presenti dal 2012, delle facciate su via Giustiziati e via Ardigò. Un ulteriore passo importante per arrivare alla fine del cantiere”.

Vista la necessità di modificare le aree di cantiere relative alla realizzazione dei lavori, dalle 7 di lunedì 15 marzo vi sarà la contestuale chiusura del traffico veicolare del tratto di via Giustiziati, compreso tra via Dottrina Cristiana e via Ardigò, e del tratto di via Ardigò compreso tra il civico 12/A e la stessa via Giustiziati. Il cantiere andrà avanti fino a venerdì 19 marzo.

La chiusura al traffico veicolare comporterà alcune modifiche temporanee della circolazione del tratto aperto di via Giustiziati, con l’inversione del senso unico di marcia che dall’intersezione con via Dottrina Cristina sarà in direzione piazza Concordia-via Bertani. Nel tratto invece di via Ardigò, compreso tra via Giustiziati e il civico 12/A, vi sarà l’istituzione del doppio senso di circolazione con transito riservato ai soli veicoli diretti ai passi carrabili.

I veicoli su via Dottrina Cristiana, dunque, dovranno svoltare con direzione obbligatoria a sinistra in via Giustiziati, mentre quelli provenienti da via Spagnoli dovranno svoltare a destra su via Bertani.

Nel tratto di via Giustiziati chiuso al traffico, sarà comunque garantito il transito in sicurezza dei pedoni, che potranno raggiungere le abitazioni o gli esercizi commerciali che resteranno regolarmente aperti.

Divieto di sosta, con rimozione coatta, in corrispondenza degli stalli di sosta di via Giustiziati, di piazza Concordia e del tratto di via Ardigò compreso tra via Giustiziati e piazza Dante Alighieri.

La chiusura e modifica delle viabilità saranno segnalati preventivamente agli abitanti della zona del centro storico e sarà posizionata nell’area la necessaria cartellonistica e segnaletica di avviso.

Venerdì, 12 Marzo 2021 10:42
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

La facciata del ComuneLe conseguenze della pandemia hanno colpito duramente su tutti i fronti, da quello sociale a quello economico. Anche le casse del Comune hanno subito il contraccolpo sia a causa delle minori entrate sia per le ingenti risorse stanziate a sostegno delle famiglie e delle attività economiche più penalizzate dalle conseguenze dell’emergenza Covid-19. Tuttavia il Comune ha saputo garantire tutti i servizi e trovare risorse aggiuntive per aiutare chi era più in difficoltà.

Un esempio è stata la capacità dell’Amministrazione di saldare i pagamenti per lavori e servizi svolti dalle imprese fornitrici riuscendo a portare a zero il saldo al 31 dicembre 2020. Infatti tutte le scadenze dei pagamenti previsti entro la fine dell’anno sono state rispettate addirittura con una media dei pagamenti di 11 giorni di anticipo rispetto alla scadenza.

Per quanto riguarda il 2021 ad oggi si sono registrati circa 15 milioni di euro dovuti ai fornitori maturati nel 2020 ma non ancora arrivati in scadenza, e di questi 8,5 milioni sono già stati saldati, confermando anche per questi pagamenti una media di 11 giorni di anticipo. Nel pieno di una crisi aggravata dalle conseguenze della pandemia l’impegno dell’Amministrazione è stato, tra gli altri, quello di rispettare i pagamenti con le attività fornitrici, garantendo loro liquidità, che rappresenta, oggi più che mai, ossigeno per la tenuta delle imprese.

Questa tempestività nel pagare lavori e servizi, a beneficio delle imprese fornitrici, conferma il Comune di Mantova come buon pagatore, un dato attestato dal report annuale sul rating pubblico stilato da Fondazione Etica e pubblicato dal quotidiano economico Italia Oggi, che vede il nostro Comune nella top ten dei comuni solvibili e affidabili. Tra i primi 10 Comuni con rating di macro-area migliore, 7 sono lombardi (in ordine decrescente di score: Cuneo, Sondrio, Reggio Emilia, Gorizia, Mantova, Bergamo e Lecco), 2 sono del Sud (Matera e L’Aquila) e solo 1 del Centro Italia (Arezzo, con 82).

“Anche nel 2020 – ha osservato il vicesindaco e assessore al Bilancio Giovanni Buvoli mercoledì 10 marzo - nonostante gli ingenti investimenti in opere attuati dall’Amministrazione e le note difficoltà create dall’emergenza sanitaria sui bilanci degli enti locali, l’equilibrio del nostro bilancio non viene messo a rischio, anzi si conferma una virtuosa tempestività nel pagare i debiti, a beneficio delle imprese fornitrici, confermando il Comune di Mantova come buon pagatore, un dato attestato in questi giorni dal report annuale sul rating pubblico stilato da Fondazione Etica e pubblicato dal quotidiano economico Italia Oggi, che vede il nostro Comune nella top ten dei Comuni solvibili e affidabili. La puntualità nei pagamenti di lavori e servizi è una cosa cui teniamo molto perché garantisce alle attività liquidità, ovvero ossigeno in questo periodo difficile”.

Un altro esempio riguarda le morosità incolpevoli. Molte famiglie infatti si sono trovate nell’impossibilità di far fronte in modo regolare al pagamento dell’affitto. Le ragioni che hanno portato in molti casi ad una drastica riduzione del reddito familiare, vanno dalla perdita del lavoro, alla riduzione degli orari di lavoro, alla chiusura obbligata della propria attività per lunghi periodi sino all’impossibilità di lavorare a causa del contagio Covid.

Sul fronte degli alloggi comunali sono circa 1 milione di euro all’anno le entrate previste da affitti Erp. L’incidenza della morosità incolpevole è stata nel 2019 del 19% e nel 2020 del 18%. Il 50% circa viene recuperato nell’anno successivo con piani di rientro. Nonostante la crisi dovuta alla pandemia che ha colpito famiglie e attività, il Comune è riuscito a tenere bloccato il tasso di morosità, riducendolo addirittura di un punto, grazie a numerosi bandi a sostegno delle famiglie in difficoltà che nel 2020 ha visto stanziare dal Comune risorse per 175.000 euro.

Più preoccupante è invece la situazione degli affitti sul libero mercato dove l’Amministrazione ha erogato nel 2020 contributi a sostegno delle morosità incolpevoli e degli over 65 per più di 300 mila euro.

“Per gli alloggi Erp – ha concluso l’assessore alle Politiche abitative Nicola Martinelli - abbiamo contenuto, addirittura ridotto, le morosità, anche per gli affitti su libero mercato non abbiamo fatto mancare il nostro sostegno, ma Il punto interrogativo è cosa accadrà su questo fronte quando non ci sarà più il blocco degli sfratti. Per questo ci aspettiamo che da Governo e Regione giungano risorse adeguate per sostenere le famiglie che alloggiano in abitazioni di proprietà privata. Il Comune ha fatto la propria parte e continuerà a farla ma l’emergenza temo vada oltre le nostre capacità finanziarie”.

Mercoledì, 10 Marzo 2021 15:28
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version