Switch to desktop

Evita Andùjar alla Casa di Rigoletto In evidenza

Sabato 2 marzo è stata inaugurata presso la Casa del Rigoletto la mostra personale di pittura di Evita Andújar che ha per titolo "Memorie liquide".

 Alla presentazione della nuova esposizione, oltre all’artista, erano presenti il curatore Carlo Micheli dell’ufficio mostre del Comune di Mantova e il consigliere comunale delegato alla Cultura Giovanni Pasetti.

La pittura di Evita Andújar è una sferzata rivitalizzante all’intero mondo dell’arte contemporanea. Ne fan fede il cospicuo numero di premi vinti e la frenetica partecipazione a mostre nazionali e internazionali che sottintende un apprezzamento incondizionato del suo fare artistico. Proveniente dal restauro, Evita ha conoscenze approfondite di materiali e tecniche, della classicità come della contemporaneità: ne deriva una proposta artistica che attraversa il Novecento cogliendone gli insegnamenti e le innovazioni, per proiettarsi in un Terzo Millennio all’insegna delle fibrillazioni e dell’inquietudine.


Così ne parla Roberto Gramiccia: “Non solo piega e fonde, con sapienza e duttilità, codici espressivi diversi per confezionare un proprio personalissimo linguaggio unitario, ma, quel che più conta, è capace di mettere in scena la rappresentazione più efficace della vita nel suo divenire imprevedibile, contraddittorio, dialettico.” Le figure femminili, percorse da una vibrazione che le sdoppia, le destruttura, le scioglie, sono immagini paradigmatiche delle eroine inquiete dei nostri giorni, donne “moltiplicate”, preda di un vortice dinamico che ne offusca quasi le sembianze, per trasformarle in archetipi di una nuova femminilità, più complessa, più multiforme, più consapevole. Per Lorenzo Canova quello di Evita è “Un mondo sospeso tra memoria e futuro, una pittura dove il tempo sedimentato e interiore si intreccia al dinamismo contemporaneo della percezione elettronica, uno sguardo in cui la forma si blocca e si disperde in una dialettica costante tra la millenaria fissità dell’immagine e la sua accelerazione contemporanea: l’opera di Evita Andújar si muove su queste coordinate dove la pittura è allo stesso tempo condensata e dissolta in un sistema costruttivo dove i contrari si uniscono e si allontanano in un perenne moto circolare”.


“Memorie liquide” si terrà a Mantova alla Casa di Rigoletto fino al 31 marzo 2019. Rappresenta la prima personale istituzionale dell’artista d’origine spagnola. Il progetto, dell’Ufficio Mostre del Comune di Mantova, si avvale della preziosa collaborazione della Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia e del sostegno di Espoarte. Mediapartner Frattura Scomposta. L'ingresso è libero.




Info: Casa di Rigoletto Piazza Sordello, 23
tel. 0376 288208 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari d'apertura: tutti i giorni dalle 9 alle 18.

Ultima modifica il Lunedì, 04 Marzo 2019 10:21

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version