Switch to desktop
News Cultura

La copertina del catalogoSabato 9 ottobre si terrà l'inaugurazione della mostra intitolata "Alla ricerca della purezza perduta" dell'artista Fabrizio N. Mitidieri alla Casa di Rigoletto a Mantova in piazza Sordello 23. L'appuntamento è alle 18. L'esposizione è organizzata da Francesca Simonini con la collaborazione del Comune di Mantova e sarà aperta al pubblico fino a domenica 7 novembre.

Si tratta di un percorso di due anni di attività dell'artista attraverso tematiche che si legano l'una con l'altra, in una ricerca ispirata dagli artisti del passato e da quelli contemporanei. La mostra è pensata e ispirata al movimento della vita in continua trasformazione, dove il colore si scontra col bianco e nero.

Per partecipare all'inaugurazione di sabato 9 ottobre occorre prenotarsi al numero 3334565740 o scrivere all'email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'esposizione sarà aperta tutti i giorni, con ingresso gratuito, dalle 9 alle 18.

Giovedì, 07 Ottobre 2021 11:24
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Più di 500 accreditati, 30 anteprime, la presenza di grandi artisti e numerosi appuntamenti aperti al pubblico cittadino. Sono alcuni numeri della XXI edizione degli Incontri del Cinema d’Essai, principale appuntamento professionale del cinema di qualità che termina oggi a Mantova, dopo quattro giornate.
Tra le anteprime in programma nell’ultima giornata spicca The French Dispatch di Wes Anderson, in concorso al 74° Festival di Cannes e distribuito da Walt Disney Pictures. La manifestazione ha vissuto ieri due dei suoi momenti più importanti. Nella mattinata si è svolto il convegno Che ne sarà di noi - Cosa cambia per il cinema di qualità, moderato da Piera Detassis e nel quale si sono confrontati sull’attuale situazione del settore esercenti, distributori e rappresentanti istituzionali.

In serata è andato invece in scena uno dei momenti clou della manifestazione, ossia la consegna al Teatro Bibiena dei Premi Fice. A ricevere il riconoscimento alcuni dei volti più noti del cinema italiano. Tra loro i registi Leonardo Di Costanzo e Laura Bispuri e, come attori, Alba Rohrwacher e Silvio Orlando. A premiare gli artisti sono stati, tra gli altri, il sindaco di Mantova Mattia Palazzi, il presidente Fice Domenico Dinoia e il presidente di Media Salles ed esercente del cinema Ariston di Mantova Paolo Protti.

“Sono estremamente soddisfatto - commenta Domenico Dinoia, presidente Fice - per i numeri di questa edizione che, come e forse più dello scorso anno, ha dimostrato tutta la sua forza nonostante abbia dovuto fare ancora i conti con le restrizioni anti-covid”.

“Il numero degli accreditati - prosegue Dinoia -, la qualità delle numerose anteprime proposte, tra cui i numerosi film italiani, e la grande partecipazione del pubblico cittadino hanno testimoniato anche in questa occasione come gli Incontri Fice siano ormai diventato un appuntamento imprescindibile per i professionisti del settore”.
Un’edizione, questa, andata in scena proprio nei giorni in cui il CTS ha espresso un parere favorevole sull’aumento della capienza in sala dal 50 all’80%. Una decisione che il Presidente della Fice accoglie con “cauto ottimismo”. “Apprendiamo con piacere che finalmente qualcosa si sta muovendo a favore di un comparto che ha dovuto subire in questi mesi limitazioni eccessive, tanto più se pensiamo come i cinema, insieme ai teatri, si siano dimostrati luoghi assolutamente sicuri e scrupolosi nell’attenersi alle norme in vigore”. “Riteniamo il parere del CTS - conclude Dinoia - un segnale importante verso il ritorno alla normalità, anche se sorprende il rinvio di una settimana dell’emanazione del testo che ne recepisce le indicazioni. Ribadiamo con forza che questa normalità potrà essere raggiunta soltanto con il via libera alla capienza al 100%”.

Giovedì, 30 Settembre 2021 17:27
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

“Decimo anno di guerra nell’amata Siria” è il titolo dell’iniziativa che si terrà mercoledì 29 settembre a Mantova e che rientra nel progetto Amata Siria, prima causa trattata dal metodo “In ManTua”. Nahel Al Halabi, fondatore ed anima del progetto, ha pensato ad una tappa speciale la cui parte formativa-educativa è estremamente attiva. L’iniziativa è stata presentata sabato 25 settembre, nella sala Bonaffini del Municipio, dall’assessore al Welfare del Comune di Mantova Andrea Caprini, dal redattore di SettimanaNews Giordano Cavallari, da Federica Restani di Ars e dal presidente di “Amata Siria” Marta Cicu.

“Decimo anno di guerra nell’amata Siria” prenderà forma il 29 settembre nell’Auditorium “Claudio Monteverdi” del Conservatorio di Musica “Lucio Campiani”, in via Conciliazione 33, e prevede due appuntamenti distinti, uno alle 10 e l’altro alle 19. Al mattino l’evento è riservato alle scuole, mentre alla sera l’appuntamento è aperto gratuitamente al pubblico. Per partecipare bisogna prenotarsi tramite il portale web Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. L’ingresso sarà consentito solo con mascherina, green pass e documento valido.

L’importante iniziativa di sensibilizzazione si concretizza in uno spettacolo musicale-multimediale ricco di interventi artistici (musica, danza, teatro, video) e in un dibattito tra studenti di varie età, esperti e cittadinanza.
Gli studenti del Liceo “Isabella d’Este” indirizzo Scienze Umane e della Scuola Secondaria di I grado “Bertazzolo” parteciperanno per esprimere e approfondire i punti di vista relativi alle varie tematiche della crisi siriana, dopo un accurato lavoro di informazione svolto in classe con i propri docenti di Lettere. Gli studenti del Liceo Coreutico “Isabella d’Este” interverranno, anche in questa tappa, con il linguaggio della danza che, sposandosi con quello della musica, darà vita a coreografie di danza contemporanea ideate e realizzate durante la didattica. Anche l’Istituto Comprensivo Ceresara ha aderito al progetto che non terminerà con questa tappa, ma proseguirà per l’intero anno scolastico guidato dai docenti dell’istituto.

La tappa speciale dell’iniziativa in città è stata voluta dal Comune di Mantova come risposta all’urgenza della trattazione di una delle maggiori problematiche mondiali.
La novità è rappresentata dalla presenza di un ricco dibattito/dialogo inquadrato artisticamente per essere incluso nello spettacolo: interverranno infatti Achille Amerio, diplomatico, esperto di politica internazionale, ex Ambasciatore d’Italia in Siria, che ha potuto osservare da vicino gli anni pre e post inizio di conflitto; Nabil Al Lao, esperto di Geopolitica e Docente presso le Università Italiane; Riccardo Cristiano, che dopo aver coordinato l’informazione religiosa di Radio Rai si occupa di Vaticano per Reset, rivista per il dialogo, collabora con diversi siti di informazione e ha fondato l’Associazione Giornalisti Amici di Padre Dall’Oglio; Cristina Franchini, UNHCR, Rappresentanza per l’Italia, la Santa Sede e San Marino. Moderatore del dibattito sarà Giordano Cavallari, redattore della rivista online SettimanaNews.
La voce narrante è affidata a Federica Restani, uno dei pilastri artistici del progetto Amata Siria; al pianoforte Roberto Martinelli che eseguirà la prima riduzione pianistica delle musiche del Maestro Nahel Al Halabi; le coreografie sono affidate a Maria Grazia Marrazzo ed infine la conduzione dell’evento, insieme al riadattamento del libretto, è di Marta Cicu.

I Partner principali sono il Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova e l’Associazione Culturale “Amici del Conservatorio”, mentre l’organizzazione della tappa è affidata al Partner “ARS Creazione e Spettacolo”. Amata Siria è stato riconosciuto ad alti livelli: è stato benedetto da Papa Francesco, patrocinato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), dalla Provincia, dalla Diocesi e dal Comune di Mantova. E’ stato inoltre accolto dal Principe Albert II, dal Principe Amyn Aga Khan, da Kerry Kennedy e da altre figure riconosciute per proprie azioni mirate al bene umanitario.
Amata Siria non solo è un progetto musicale che racconta storie vere attraverso una performance multimediale, ma anche attua e unisce forti azioni di formazione artistica, di educazione civica e di coinvolgimento e sensibilizzazione del territorio. A tale proposito è doveroso ricordare che è frutto del metodo di lavoro artistico-educativo-formativo “In ManTua”, creato a Mantova, che tratta cause umanitarie di interesse mondiale trasformandole in performance artistiche e coinvolgendo Istituzioni pubbliche e private di varie dimensioni, contribuendo alla risoluzione della causa, fornendo un’adeguata sensibilizzazione e sostegno.

Lunedì, 27 Settembre 2021 09:23
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Trenta anteprime, trailer, incontri con i protagonisti del cinema, i premi alle eccellenze del cinema italiano e molti appuntamenti aperti al pubblico. È il ricco programma della XXI edizione degli Incontri del Cinema d’Essai, per la tredicesima volta consecutiva a Mantova, dal 27 al 30 settembre.

Un’edizione che, come lo scorso anno, si svolgerà nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza e delle regole di prevenzione, e che potrà contare sulla collaborazione con l’Accademia del Cinema Italiano - Premio David di Donatello, la cui piattaforma streaming sarà a disposizione degli esercenti accreditati per la visione di anteprime e trailer.

La manifestazione, promossa dalla FICE - Federazione Italiana Cinema d’Essai, è stata presentata giovedì 23 settembre, nella sala Consiliare del Comune di Mantova, dall’Assessore al Welfare, Terzo Settore e Immigrazione Andrea Caprini, dal Presidente Fice Domenico Dinoia e da Paolo Protti, titolare del cinema Ariston e Presidente MEDIA Salles.

Momento clou degli Incontri sarà la consegna dei PREMI FICE, che, nella serata del 29 settembre e nella splendida cornice del Teatro Bibiena vedrà sul palco alcune delle eccellenze del cinema d’autore italiano, in una cerimonia condotta dal giornalista Maurizio De Rienzo. Si tratta delle attrici Alba Rohrwacher e Barbara Ronchi, degli attori Silvio Orlando e Paolo Pierobon, dei registi Laura Bispuri, Leonardo Di Costanzo e Mauro Mancini. Inoltre, saranno premiati la sceneggiatrice Valia Santella e il direttore della fotografia Michele D’Attanasio.

Come sempre foltissimo il programma della anteprime, di cui un paio a sorpresa. Alle già annunciate I’m your man di Maria Schrader (premio per l'interpretazione alla Berlinale e film di apertura per il pubblico cittadino), Ariaferma di Leonardo Di Costanzo con Silvio Orlando e Toni Servillo; Il paradiso del pavone di Laura Bispuri con Alba Rohrwacher, Dominique Sanda e Maya Sansa; l'opera prima Il legionario di Hleb Papou (premiato a Locarno); A Chiara di Jonas Carpignano (Label Europa Cinemas alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes); La persona peggiore del mondo di Joachim Trier (vincitore della Palma alla migliore attrice a Cannes); Piazzolla, la rivoluzione del tango di Daniel Rosenfeld si aggiungono: The French Dispatch di Wes Anderson, Il bambino nascosto di Roberto Andò, Competencia oficial di Mariano Cohen e Gaston Duprat, Scompartimento N. 6 di Juho Kuosmanen, Un autre monde di Stéphane Brizé, True mothers di Naomi Kawase, A white, white day - Segreti nella nebbia di Hlynur Palmason, I giganti di Bonifacio Angius, Io sono Vera di Beniamino Catena, la copia restaurata di Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard, La pittrice e il ladro di Benjamin Ree, Italia K2 di Mario Fantin, Verso la notte di Vincenzo Lauria, La signora delle rose di Pierre Pinaud, #Iosonoqui di Eric Lartigau, Le ricette dello chef Antonio per la rivoluzione di Trevor Graham, il film di animazione Il naso o la cospirazione degli anticonformisti di Andrey Zhrzhanovsky, Adorazione di Fabrice Du Welz. Molte di esse saranno aperte al pubblico mantovano, come il film di chiusura: il recente Leone d’Oro veneziano La scelta di Anne - L’événement di Audrey Diwan.

Sedi degli Incontri del Cinema d’Essai saranno la Multisala Ariston, il Cinema Mignon, il Cinema del Carbone, il Teatro Bibiena ed il Museo Diocesano F. Gonzaga.
Non mancheranno, ovviamente, momenti di riflessione per gli addetti ai lavori. Due infatti gli appuntamenti in programma: un’assemblea aperta degli esercenti d’essai (lunedì 27 settembre) e il Convegno Che ne sarà di noi - Cosa cambia per il cinema di qualità, un confronto sull’evoluzione del settore tra esercenti, distributori, registi e rappresentanti delle istituzioni (mercoledì 29 settembre), moderato da Piera Detassis.

“Siamo estremamente felici – ha dichiarato l’Assessore Andrea Caprini – di accogliere ancora una volta nella nostra città questa manifestazione, che nel corso degli anni ha sempre di più ricevuto un riscontro estremamente positivo da parte dei nostri cittadini. E mi auguro che questa edizione degli Incontri Fice possa contribuire ad accelerare il ritorno in sala”.
“Abbiamo tenuto duro lo scorso anno, quando siamo riusciti a riunirci in presenza - ha invece sottolineato Domenico Dinoia, Presidente FICE. Quest'anno a Mantova ci proponiamo di contribuire al rilancio del cinema d’autore. Abbiamo allestito un programma davvero notevole, raccogliendo il meglio dei grandi festival internazionali e della produzione nazionale”. Il Presidente della FICE ha poi commentato le notizie degli ultimi giorni in merito al probabile aumento delle capienze nei luoghi di spettacolo, ribadendo come “tale decisione sia improcrastinabile per il rilancio del nostro settore, che ha sofferto molto più di altri, nonostante abbia dimostrato di essere assolutamente sicuro per la salute del pubblico”.

Il programma (oltre che in allegato unitamente al manifesto, è consultabile sul sito www.fice.it.)

 

Sabato, 25 Settembre 2021 00:00
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Torna a Mantova “NoBody”, l’installazione teatrale realizzata dalla Compagnia Teatrale FavolaFolle, in collaborazione con Cooperativa Lule Onlus, sul fenomeno della tratta e dello sfruttamento sessuale. L’iniziativa è ideata all’interno del progetto “Mettiamo le Ali – Dall’emersione all’integrazione”, di cui il Comune di Mantova è partner.

Sarà possibile assistere a “NoBody - Viaggio sensoriale attraverso la tratta e lo sfruttamento sessuale” nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 settembre presso la sala delle Capriate in piazza Leon Battista Alberti 13. L’iniziativa “offre” un viaggio sensoriale che invita il pubblico a guardare oltre il velo dell’apparenza, prendendo coscienza in maniera immediata ed epidermica, degli aspetti più oscuri del fenomeno. L’installazione teatrale è vietata ai minori di 14 anni, ha una durata di 45 minuti in cui il pubblico, composto da 15 persone alla volta, attraverserà 5 spazi dove incontrerà 5 attrici che lo accompagneranno in un viaggio sensoriale. NoBody porta il pubblico a “ri-conoscere” come certe persone, soprattutto donne, non siano libere, ma piuttosto vittime di sfruttamento sessuale, violenza e tratta. Un percorso esperienziale che vuole condurre i partecipanti a fare i conti con il fenomeno nella sua interezza.

Durante l’arco delle giornate sono previsti diversi orari d’ingresso, pertanto è consigliata la prenotazione. Sabato 25 dalle 17 alle 21 e domenica 26 settembre dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Info e prenotazioni: al numero 392 9939299; email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure online (https://www.eventbrite.it/e/biglietti-nobody-mantova-25-26-settembre-172903748767) – www.luleonlus.it/nobody.

L’iniziativa, realizzata con il patrocinio del Comune di Mantova, è gratuita al pubblico. Per partecipare è richiesto il Green Pass.

Mercoledì, 22 Settembre 2021 09:48
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Da mercoledì 8 settembre a domenica 31 ottobre, la Biblioteca Teresiana ospiterà la mostra bibliografica "Comedia. L'evoluzione tipografica delle edizioni della Divina Commedia nei secoli XV e XVI", a cura di Pasquale Di Viesti e Francesca Ferrari. La mostra, realizzata in occasione del Settecentenario della morte di Dante Alighieri, è stata inaugurata mercoledì 8 settembre. Oltre ai curatori, è intervenuta l’assessore alle Biblioteche del Comune di Mantova Alessandra Riccadonna.

L’ingresso è gratuito. E’ necessario esibire il green pass. Le visite guidate alle sale monumentali e alla mostra, con ingressi contingentati, sono possibili nelle giornate di giovedì e venerdì alle 15.30 e alle 16.30, il sabato mattina alle 10.30 e alle 11.30.
Sono previste aperture straordinarie della biblioteca per la visita alle sale monumentali e alla mostra (non saranno attivi gli altri servizi) sabato 11 settembre dalle 13 alle 18 (visite guidate alle 15 e alle 16.30) e domenica 12 settembre dalle 9 alle 13 (visite guidate alle 10 e alle 11.30).

Al di fuori degli orari delle visite guidate sono possibili visite libere accompagnate dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18, il sabato dalle 9 alle 13.
Per informazioni: tel. 0376 338460.

Giovedì, 09 Settembre 2021 10:38
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

E’ stata inaugurata, giovedì 12 agosto, nella Casa di Rigoletto, in piazza Sordello 23, la mostra “(Un) Vaxxed, un’indagine fotografica” di Francesco Andreoli a cura della Biennale di Fotografia Femminile in collaborazione con il Comune di Mantova. Sono intervenuti, oltre ad Andreoli, la presidente dell'associazione Papessa, che organizza la Bff, Anna Volpi e l’assessore comunale al Welfare Andrea Caprini.

Il tema è di grande attualità, i vaccini. “Certe persone quando vanno in ambulatorio tremano per tutto il tempo della visita, sono terrorizzate dall’idea di farsi vaccinare e non è la paura dell’ago, ma del vaccino”. Sono le parole che compaiono in una didascalia pronunciate dalla madre di Andreoli, infermiera del reparto vaccinazioni per adulti presso l’ospedale Ramazzini di Carpi. “Da questa testimonianza diretta – ha detto il giovane fotografo – ho deciso di mostrare uno spaccato della realtà italiana sul tema delle vaccinazioni, ma senza dividere la questione in due fazioni contrapposte (Novax e Sìvax), ma bensì cercando di approfondire le diverse sfumature di verità che ruotano attorno ad essa. Dal 2017, anno di introduzione del Decreto Lorenzin, che impone l’obbligo per dieci vaccini, le proteste sono state tante e in tutta Italia. Con il Coronavirus la questione vaccinale è tornata a farsi spazio nell’opinione pubblica, alimentando vecchie proteste e attirando gli interessi delle case farmaceutiche in corsa per un vaccino”.

Sono una decina le foto allestite alla Casa di Rigoletto che mostrano ritratti di medici, donne, uomini e bambine che variamente si approcciano al tema, si alternano a nature morte fatte di siringhe e aghi e scatole di farmaci. “Sin da subito – ha aggiunto Andreoli – mi sono reso conto che per affrontare un tema del genere dovevo guardare la realtà dall’alto, senza prendere una posizione e senza giudicare nessuno. Questa foto-inchiesta mi ha portato a contatto con ricercatori, scienziati, aziende, sportivi, famiglie, bambini, registi, avvocati, militari e tantissime altre persone da varie parti d’Italia, di ogni età ed estrazione sociale, perché di fatto i vaccini riguardano tutti noi e la nostra salute. Visionando le foto e leggendo le storie dei suoi protagonisti, (Un)Vaxxed lascia la scelta allo spettatore, esattamente come fa con il suo titolo: Vaxxed o Unvaxxed?”.
“La mostra è un'occasione importante per pensare e riflettere sul tema delle vaccinazioni – ha detto l'assessore Caprini –. Gli scatti di Andreoli ci offrono l’opportunità, inoltre, di approfondire tale argomento”.

L’esposizione è aperta gratuitamente al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 18, fino al 28 agosto.

Venerdì, 13 Agosto 2021 11:23
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Angelo GoffrediTorna anche quest’anno, la nuova edizione di Mantovaincanto, la rassegna ideata dall’Associazione AmareMantova. Giovedì 19 agosto alle 20.45 del Cortile d’Onore di Palazzo Te la musica elettronica e l’opera si incontreranno nello spettacolo “Orizzonti elettro-sinfonici”, evento live in presenza che punta sull’innovazione.

“L’evento nasce dall’idea di poter fornire nuovi orizzonti al mio mondo, il mondo dell’opera – sottolinea il presidente dell’Associazione AmareMantova Angelo Goffredi -, ormai gioiosamente contaminato dall’ambito pop”.

Durante la serata sarà presentato il nuovo inedito di Goffredi il cui testo è frutto della sua anima musicale, mentre la musica scritta dal compositore mantovano maestro Filippo Lui appositamente per la voce del tenore.

“Siamo in un periodo storico molto cruciale e difficile per chi opera nel settore della cultura, ma non abbiamo mai smesso di creare – ha proseguito Goffredi -. Ricordiamo che la nostra associazione senza scopo di lucro nel 2014 ha assunto la denominazione e l'assetto definitivi. Nata dall'idea di un pool di musicisti ed esperti del settore dello spettacolo ha come obiettivo la valorizzazione del ricchissimo patrimonio musicale, con un occhio di riguardo all'opera lirica, riportandola alla sua originaria vocazione pop, incursioni nella classica e nel barocco, contaminazioni con musical, temi da film e melodie d'autore. Un'altra finalità dell'associazione è quella di dare spazio ai giovani, siano essi impegnati sul palco o spettatori, affezionati o neofiti e agli artisti e maestranze mantovane”.

Oltre al tenore mantovano Goffredi, protagonisti della serata al Te saranno il pianoforte e i sintetizzatori del compositore mantovano Lui, fondatore della Crystal Music Records, pianista, autore di colonne sonore per il cinema e per il Vaticano e il noto soprano Cecilia Rizzetto. Del cast faranno parte anche i musicisti del quartetto d’archi “Evequartett”: Violino I Eugjen Gargjola, Violino II Augusto Parma, Viola Eva Impellizzeri, Cello Silvia Dal Paos; alle tastiere Stefano Farì e alle chitarre Stefano Tiranti. La realizzazione scenica e le luci saranno affidate a Gianluca Spaggiari di Fabbricamente, la fonica a Matteo Aaron Cipolla.

La prenotazione è obbligatoria al numero telefonico 348 7993738, il costo del biglietto è di 15 euro (gratuito per i minori di 10 anni e i disabili).

In caso di maltempo l'evento si terrà nella Sala dei Cavalli di Palazzo Te.

La rassegna Mantovaincanto 2021 è resa possibile grazie al sostegno e al contributo del Comune di Mantova e della collaborazione del Centro Antiviolenza “Telefono Rosa” di Mantova, dell’Associazione Nazionale Italiana Cantanti, della Partita del Cuor, degli studi Crystal Music Records” e dell’associazione “ConviviumMusarum”.

Mercoledì, 11 Agosto 2021 17:43
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version