Switch to desktop
-->

In Bicicletta

Il Parco Periurbano

Attorno a Mantova si snoda una pista ciclabile di facile e piacevole percorrenza che costeggia i tre laghi, all’interno del Parco Periurbano della città, istituito nel 1998 con l'obiettivo di recuperare e dare continuità alle aree verdi localizzate sulle sponde dei laghi. Il tratto più caratteristico della ciclabile è quello che collega Via Fondamenta-zona Porto Catena (sul Lago Inferiore) a Porta Mulina (sul Lago di Mezzo). Il tratto offre una splendida vista dello skyline della città con il Cortile della Cavallerizza e il Castello di San Giorgio. Proprio davanti al castello si trovano i pontili da cui partono le motonavi per suggestive escursioni naturalistiche nella Riserva Naturale della Vallazza (con possibilità di trasporto biciclette a bordo). Una volta raggiunta Porta Mulina, al bivio è possibile proseguire a sinistra lungo la sponda ovest del Lago Superiore, per raggiungere, costeggiando l’area della Riserva Naturale Valli del Mincio, prima la Valletta di Belfiore e poi il borgo di Angeli, antico villaggio di pescatori. Lungo il tratto ciclabile si trova il porticciolo di Belfiore, da cui partire per piacevoli escursioni naturalistiche in battello sul Lago Superiore, per raggiungere il borgo delle Grazie o proseguire fino a Rivalta s/Mincio. I battelli offrono anch’essi servizi di trasporto di biciclette.

Invece proseguendo in direzione opposta e partendo sempre dal bivio di Porta Mulina lungo la sponda est del Lago Superiore, si raggiunge il quartiere di Cittadella, con la cinquecentesca Porta Giulia, la cui edificazione è stata attribuita a Giulio Romano, e il monumento ad Andreas Hofer, eroe tirolese che ha guidato l’insurrezione antinapoleonica del Tirolo nel 1809 e sarà fucilato a Porta Giulia: qui oggi sorge il parco a lui dedicato. Da Porta Giulia è possibile continuare il percorso lungo il nuovo tratto che conduce a Sparafucile, sulla riva sinistra del Lago di Mezzo, un tratto particolarmente suggestivo per gli scorci paesaggistici e la ricca vegetazione. Il percorso arriva fino alla Rocca di Sparafucile (non visitabile internamente), parte di una fortificazione tardomedievale che proteggeva il borgo di San Giorgio. Alla sinistra della Rocca è possibile visitare il Parco dell'Arte, una galleria en plein air dedicata alla scultura contemporanea creato nel 2013 con la collocazione di opere d'arte come sculture-installazioni, un percorso d'arte in cui le opere sottolineassero il valore naturalistico in modo sostenibile, nel rispetto della vegetazione e dei vincoli ambientali.
Tornando poi verso la rocca e attraversando il Ponte di San Giorgio, si può riprendere la pista ciclabile che conduce in centro città, per una pausa rilassante in uno dei tanti caffè storici del centro, per una piacevole passeggiata tra le vie cittadine o per una visita ai musei cittadini.

Da Mantova al Lago di Garda: la ciclovia Mantova-Peschiera

La ciclabile Mantova-Peschiera parte dal capoluogo ed attraversando i comuni di Mantova, Porto Mantovano, Marmirolo, Volta Mantovana, Monzambano, Valeggio sul Mincio, Ponti sul Mincio e Peschiera del Garda, lungo il parco del Mincio, arriva alle porte di Peschiera e del lago di Garda. L'itinerario si snoda per circa 43 km, per lo più pianeggianti, senza particolari ostacoli e tratti impegnativi ed è quindi adatta a tutti. Il tempo di percorrenza è di circa 4 ore.

La partenza è da Porta Mulina. Parcheggiando l’auto nelle vicinanze del lungolago viale Mincio o del piazzale di Porta Mulina, si imbocca un breve scivolo che costeggia il lago e si passa sotto il ponte dei Mulini. Al bivio si prende a destra e si prosegue lungo una passerella sull’acqua in riva la Lago Superiore.

Giunti in fondo alla darsena della società Canottieri Mincio si svolta a sinistra per via San Giovanni Bono, dove, in fondo alla strada tenendo la destra, si riprende la pista ciclabile e costeggiando dei campi coltivati, si raggiunge l’abitato di Gambarara (2,5 km.).

Attraversata la strada comunale per Soave, si seguono le indicazioni che conducono sull’argine del canale artificiale Diversivo del Mincio e pochi metri dopo, un ponte conduce alla Riserva Statale Bosco della Fontana. Tornando sul Canale Diversivo si prosegue verso nord dove, dopo circa 3 km, si possono raggiungere le località di Maglio, Sacca di Goito, Rivalta sul Mincio e Grazie con il suo suggestivo Santuario, oppure proseguire a destra verso Peschiera. In prossimità di Marengo, svoltando a sinistra, è possibile raggiungere il borgo di Massimbona dove è presente un antico mulino ad acqua che risale al sec. XII-XIV, con attigua chiesetta romanica.

Seguendo il percorso principale si giunge poi a Pozzolo dove sulla sponda opposta si possono ammirare gli antichi Mulini di Volta e poco dopo, attraverso un ponte ciclabile, è possibile raggiungere l’abitato di Volta Mantovana. Proseguendo si raggiunge lo storico borgo di Borghetto, già in provincia di Verona, e successivamente la città di Monzambano. Da qui, con una deviazione di circa 7 km è possibile raggiungere la Riserva Naturale di Castellaro Lagusello, affascinante borgo medievale dichiarato Patrimonio mondiale Unesco. Proseguendo verso nord si arriva al ponte diga di Salionze per poi giungere a Peschiera.
APAM, l’azienda di trasporti mantovana, offre Bicibus, un servizio collegato alla linea 46 che connette Mantova e Peschiera del Garda, pensato per tutti gli amanti delle escursioni in bici e gli appassionati di ciclo-turismo: con Bicibus puoi portare con te la tua bicicletta grazie ad un apposito carrello (fino a 40 biciclette) trainato dai nostri bus.
Il servizio è attivo da marzo a ottobre.
Info: clicca qui   sito: www.apam.it 

Ciclovia Unesco, da Mantova a Sabbioneta

La ciclovia Mantova-Sabbioneta è un itinerario ciclabile promiscuo (per bici e auto) che collega le due città dell’UNESCO. Il percorso si snoda su strade a basso traffico, attraverso le zone umide del Parco Oglio Sud, consentendo di scoprire ambienti altrimenti inesplorati e apprezzare al meglio le caratteristiche paesaggistico-culturali del territorio.

47 chilometri (circa tre o quattro ore di pedalata), per perdersi nelle bellezze del paesaggio, tra vigneti e frutteti di mele, ombrosi boschi di latifoglie ed enormi distese di campi coltivati. Scoprire piccoli tesori al di fuori dei soliti circuiti.

Lasciata alle spalle Mantova, durante il lungo ma facile percorso (su strade a basso traffico e pianeggianti) s’incontrano vari paesi, ciascuno con le proprie eccellenze: Buscoldo con la chiesa parrocchiale tardo barocca; a Torre d’Oglio, il ponte di barche e l’oratorio del Correggioli; San Matteo delle Chiaviche (km. 28, nel comune di Viadana) con l’area golenale, il cui nome si rifà all’impianto idrovoro che prende acqua dall’Oglio per irrigare le fertili campagne circostanti; Commessaggio con il Torrazzo fatto erigere da Vespasiano Gonzaga e il paese dove assaggiare i dolcissimi meloni che qui si producono in quantità. Percorrendo, infine, la strada Vitelliana, l’antica strada militare romana fatta costruire dal proconsole Vitellio, si nota l’eremo di San Remigio, edificato nel XVII secolo per i pellegrini che si recavano a Roma. Pedalata dopo pedalata, mentre i dettagli si perdono e le case sembrano un impasto di colori caldi, si arriva, quasi improvvisamente, a Sabbioneta (edificata tra il 1556 e il 1591 per volere di Vespasiano Gonzaga), la “piccola Atene” del Rinascimento, “la città ideale”, come è stata definita. Si sbuca direttamente in piazza Ducale che si svela in tutta la sua bellezza, con il Palazzo Ducale simbolo della sua grandezza (Info:www.mantovasabbioneta-unesco.it).

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version