Switch to desktop
News dal Comune


Sabato 17 febbraio alle ore 17.00 presso il Museo Archeologico Nazionale di Mantova si inaugura la mostra Icone politiche. Celebrità e nuovi media al tempo del Risorgimento, curata da Costanza Bertolotti, Gian Luca Fruci e Alessio Petrizzo, promossa e organizzata dall'Istituto mantovano di storia contemporanea, in collaborazione con Istituto Superiore "Carlo d'Arco e Isabella d'Este", Diabolus in Musica, Brown University (Providence, USA), Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Bari e Museo Archeologico Nazionale di Mantova, con la partecipazione dell'Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei mantovani, grazie al sostegno della Fondazione Cariverona e del Comune di Mantova e con il patrocinio della Provincia di Mantova.

La mostra si propone di indagare i rapporti che la politica nell’Italia in costruzione intrattenne con i canali della cultura visuale e materiale del tempo. Fenomeni come la personalizzazione e la spettacolarizzazione della politica, infatti, non sono caratteristici del tardo Novecento, ma sono tratti costitutivi della politica moderna e delle democrazie di massa, che almeno dalla fine del Settecento si avvalsero dei media coevi più popolari per colpire l’immaginazione e le emozioni di donne e uomini del tempo. La mostra ripercorre questa storia con reperti d'epoca, e con l'ausilio di tecnologie digitali che immergono gli spettatori nei media del tempo.
La mostra include, inoltre, un approfondimento dedicato alla sezione iconografica dell’Archivio Chiara Sacchi (conservato presso il nostro Istituto), curato da Marida Brignani, con la collaborazione degli studenti del Liceo Linguistico "Virgilio" nel contesto del progetto di Alternanza scuola-lavoro. Questa documentazione fotografica, sia per la connotazione politica e sociale della famiglia, sia per l'arco temporale che attraversa, offre l'occasione di approfondire alcuni temi della mostra e più in generale la storia della famiglia Sacchi, che ebbe un ruolo di primo piano nella storia del Risorgimento mantovano e italiano.

La mostra sarà aperta fino al 18 marzo 2018 nei seguenti orari: martedì-sabato, ore 10.00-17.00; domenica, ore 10.00-13.00.



Istituto mantovano di storia contemporanea onlus - Corso Garibaldi 88 - 46100 Mantova
Coordinamento: 0376 352706 - Biblioteca e Archivio: 0376 352713
Indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Indirizzo web: www.istitutomantovanodistoriacontemporanea.it

Lunedì, 12 Febbraio 2018 12:08
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Il sindaco Palazzi interviene nel Giorno del RicordoLe vittime delle foibe sono state rievocate anche a Mantova sabato 10 febbraio nel Giorno del Ricordo istituito in Italia nel 2004 per conservare e rinnovare la memoria di questa tragedia che ha interessato almeno 10mila italiani e ha riguardato anche l’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra nella più complessa vicenda del confine orientale.

Nella prima mattinata è stata deposta una ghirlanda nei giardini dedicati alle vittime delle foibe nei presso del Castello di San Giorgio. Alla commemorazione hanno partecipato il prefetto Sandro Lombardi, il sindaco Mattia Palazzi, il presidente del consiglio comunale Massimo Allegretti, il presidente della Provincia Beniamino Morselli, le autorità e i rappresentanti delle associazioni degli esuli italiani provenienti dall’Istria, dalla Dalmazia e da Fiume.

Più tardi all’Auditorium del Conservatorio Campiani, in via Conciliazione 33, si è tenuta la cerimonia commemorativa con il sindaco Palazzi, il presidente Morselli e il presidente del consiglio comunale Allegretti. Il professor Andrea Di Michele, davanti ad un pubblico formato dai consiglieri comunali e provinciali, dalle autorità cittadine, degli esponenti delle associazioni dei profughi e dagli studenti dell’Istituto Bonomi-Mazzolari, ha tenuto la prolusione dal titolo: “Il confine orientale nella storia europea del Novecento”.


Di Michele, docente della Libera Università di Bolzano e autore di ricerche sul campo e numerose pubblicazioni storiche, ha analizzato i fenomeni delle foibe e dell’esodo inquadrandoli in un contesto europeo carico di tensioni e di violenze che ebbero il loro culmine tra il 1943 e il 1945, alla fine della Grande Guerra, e che ebbero ripercussioni anche negli anni successivi con l’espulsione di almeno 250mila italiani dalla Jugoslavia di Tito.

Secondo il presidente della Provincia Morselli questi fatti sono stati dimenticati dai libri di storia utilizzati nelle scuole. “Occorre colmare questa lacuna – ha sottolineato – perché i giovani devono sapere quello che è successo per non ripetere gli errori del passato”. “Come rispondere a drammi come questi – si è chiesto il sindaco Palazzi -? La risposta va ricercata nella necessità di costruire un’Europa fondata sulla convivenza tra i popoli, nel recupero dei valori della solidarietà e della tolleranza. Il populismo e la paura dell’altro ci portano nella direzione opposta”.

Domenica, 11 Febbraio 2018 10:44
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Il mercato di LunettaI banchi dei commercianti ambulanti saranno ogni sabato in piazza Unione Europea. Il mercato settimanale del quartiere, trasferito dodici anni fa nel decentrato viale Val d'Aosta, torna finalmente nel cuore del rione, in quella nuova piazza destinata a divenire il luogo principale della vita sociale degli abitanti di Lunetta. E così l'ultimo capitolo del contratto di quartiere si è concluso. Ad annunciare l'evento sono il vicesindaco e assessore al commercio del Comune di Mantova Giovanni Buvoli e l'assessore ai lavori pubblici Nicola Martinelli. "Dopo tanti anni concludiamo finalmente il contratto di quartiere che ha trasformato Lunetta - spiegano i due assessori - . Nell'area dove un tempo c'erano molti palazzoni popolari in stato di decadimento, ora c'è una piazza che nelle nostre intenzioni non sarà soltanto la nuova sede del mercato settimanale, ma uno spazio urbano con più funzioni". Il trasloco del mercato era molto atteso. Inizialmente venne trasferito da piazzale Trentino, per costruire la chiesa del rione, in viale Val d'Aosta, tra il vecchio Palasport e la scuola elementare. 

"Per ora si sono trasferite nella nuova area attrezzata le otto bancarelle già presenti nel mercato in viale Val d'Aosta  - ha detto Buvoli - ma è già uscito il bando per l'occupazione degli altri undici posti liberi. Per la fine di marzo contiamo di avere il mercato al completo, con 19 bancarelle. Il 24 febbraio aprirà i battenti il chiosco gestito da personale dell'Aspef, che costituirà un elemento importante per la piazza. Un chiosco che non venderà bevande alcoliche e che potrà diventare un punto di riferimento per i momenti di relax per gli abitanti. C'è anche un'area giochi per i bimbi". Via Roma ha speso 900mila euro per dare forma e funzioni alla piazza. "Duecentomila euro in più rispetto al previsto perché abbiamo voluto dare appunto un carattere polifunzionale - ha detto Martinelli - ci sono i pilomat per impedire l'accesso ai veicoli, tranne che a quelli dei commercianti. Saranno anche fatte iniziative pubbliche rivolte al tempo libero dei residenti e non solo". Gli ambulanti del nuovo mercato di Lunetta che utilizzeranno l'energia elettrica, erogata dalle colonnine a scomparsa, dovranno pagare al Comune un forfait annuale di 100 euro, fino al 31 dicembre prossimo. Lo ha deciso la giunta Palazzi. 

Giovedì, 08 Febbraio 2018 00:00
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Una guardia impegnata con i ragazziSono aperte le iscrizioni per seguire il corso di formazione per le aspiranti guardie ecozoofile appartenenti alla “Guardia nazionale ambientale onlus”. Le iscrizioni devono avvenire entro venerdì 28 febbraio. L’obiettivo è di aumentare qualitativamente e quantitativamente la vigilanza su tutto il territorio del Mantovano e del Cremonese. Il corso si terrà presso la Sala conferenze del Parco rifugio “La Cuccia e il Nido” in strada provinciale - ex strada statale 10 - a Calvatone in provincia di Cremona. La prima lezione è in programma venerdì 28 febbraio alle 21. La quota d'iscrizione è di 100 euro. Per ulteriori informazioni: telefono 3468252685, oppure sul sito www.GuardiaNazionaleAmbientale.eu

Giovedì, 08 Febbraio 2018 18:33
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

La presentazione degli eventi in ComuneEntrano nel vivo gli eventi in vista della manifestazione a livello regionale della 23esima Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie in programma il 21 marzo. Il programma delle iniziative “100 passi verso il 21 marzo”, incontri e spettacoli per contrastare la mafia è stato presentato venerdì 2 febbraio nella sede del Comune di Mantova. Ne hanno parlato l’assessore alla Legalità del Comune di Mantova Iacopo Rebecchi, l’esponente di Libera Maria Regina Brun e i dirigenti scolastici dell’Istituto Comprensivo Borgo.

"Quest'anno Mantova ospiterà la manifestazione regionale - spiega Rebecchi - ogni anno vi è una manifestazione nazionale, in cui parla Don Ciotti. La scelta nazionale per il 2018 è caduta su Foggia, tuttavia, in ogni regione viene scelta una città in particolare nella quale ogni scuola del territorio partecipa a varie manifestazioni insieme alla cittadinanza. Oggi presentiamo questo eventi preparatori che si terranno tra Mantova, Borgo Virgilio e Castiglione delle Stiviere".

Martedì 6 febbraio, alle 17.30, presso il Centro Sociale – Associazione Borgo Angeli, Rosaria Cascio, docente, scrittrice e divulgatrice del metodo didattico di don Puglisi, porterà la sua testimonianza di lotta quotidiana alla cultura mafiosa. Sempre martedì, alle 21, al Teatro Bibiena andrà in scena lo spettacolo teatrale "Io pretendo la mia felicità frutto del lavoro di scrittura collettiva, curato da Cascio, che è l'insieme dei pensieri e dei vissuti dei ragazzi del liceo di Scienze Umane Regina Margherita di Palermo. L’ingresso è gratuito.

Lo spettacolo sarà riproposto mercoledì 7 febbraio alle 10 presso l'Istituto Comprensivo di Borgo Virgilio e alle 20.30 al Teatro Comunale di Gonzaga, mentre giovedì 8 febbraio alle 9.15, Cascio e i suoi ragazzi lo porteranno all'Istituto Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. E’ in agenda anche un incontro di formazione rivolta ai docenti che Cascio terrà mercoledì 6 febbraio alle 16.30, presso l'Istituto Comprensivo di Borgo Virgilio. Il programma delle iniziative denominate "100 passi verso il 21 marzo" è promosso dal Coordinamento di Libera Mantova in collaborazione con i Comuni di Mantova, Gonzaga, Borgo Virgilio e Castiglione, con Acli Gonzaga, Associazione Borgo Virgilio e gli Istituti Comprensivi di Borgo Virgilio e Castiglione.

Martedì, 06 Febbraio 2018 16:06
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Un momento della fiaccolata davanti al ComuneGiovedì 25 gennaio alle 19.41 in via Roma, davanti alla sede del Comune, con un minuto di silenzio, è stato ricordato il momento di due anni fa in cui è scomparso Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano ucciso in Egitto in circostanze ancora tutte da chiarire. Il corpo senza vita è stato ritrovato nove giorni dopo.

Anche a Mantova Amnesty International ha organizzato una fiaccolata che è iniziata alle 19 in via Verdi ed è transitata in corso Umberto I, via Grazioli e via Roma per chiedere verità e giustizia. Al corteo hanno partecipato anche l’assessore al Welfare Andrea Caprini e la consigliere comunale Paola Radaelli che hanno espresso il sostegno dell’ente locale. In piazza Mantegna è stato letto l’appello dei genitori. Prima della fiaccolata, alla libreria Ibs in via Verdi è stato presentato il libro sui sulla tortura e sull’omicidio di Regeni "Voci per la Libertà".

Venerdì, 26 Gennaio 2018 10:12
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

billoniAlla Casa di Rigoletto in Piazza Sordello sabato 20 gennaio alle ore 18.00 si tiene l'inaugurazione della mostra "Criptica", antologica di Giuseppe Billoni: Billoni, artista multiforme e profondo, propone con “criptica” una breve antologia del suo lavoro di artista. La mostra, che inaugura la stagione 2018 alla Casa di Rigoletto, è costituita di una trentina di opere che si affacciano su dimensioni imperscrutabili, in equilibrio sul filo invisibile che separa la realtà dalla fantasia. L’arte criptica è il frutto della personalissima ricerca che Billoni ha affinato nel tempo.

Organizzazione: Comune di Mantova - Ufficio Mostre
A cura di Carlo Micheli con la collaborazione di Alberto Butera
Stampa catalogo: Paolo Etturi - Mantova

Casa del Rigoletto, tel. 0376 288208
Orari: tutti i giorni 9.00-18.00


Info: www.billoni.it 

Lunedì, 15 Gennaio 2018 15:17
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

rac defSi informa che, anche per il 2018, sono state approvate le agevolazioni tariffarie riguardanti i rifiuti. Con Delibera di Consiglio Comunale n. 77 del 20/12/2017 sono state, infatti, confermate le agevolazioni sociali per nuclei familiari economicamente svantaggiati, musei, organizzazioni di volontariato/Onlus.
Le domande di agevolazione devono essere presentate IMPROROGABILMENTE entro il 31/07/2018 al Gestore Mantova Ambiente (sportello di Vicolo Stretto, 12) utilizzando l'apposita modulistica a disposizione.

Mercoledì, 10 Gennaio 2018 14:36
Pubblicato in Ambiente
Leggi tutto...

Lo smog in cittàIn conseguenza del rientro dei valori di qualità dell'aria per due consecutivi, considerato l’abbassamento delle concentrazioni di polveri sottili registrate nei giorni scorsi, si comunica che a partire da martedì 2 gennaio i provvedimenti di I e II livello delle limitazioni al traffico veicolare e del riscaldamento domestico non saranno più attivi nel Comune di Mantova.

Sono mantenute, invece, le limitazioni strutturali invernali.

Martedì, 02 Gennaio 2018 13:42
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

clothing 2100208 640

Il comune di Mantova ha scelto, in accordo con Mantova Ambiente, di avviare una revisione delle modalità di raccolta differenziata degli abiti usati, oggi attuata con una serie di contenitori di colore giallo, dislocati su alcune vie del territorio comunale. L’obiettivo è di collocare i contenitori in luoghi più idonei a un loro corretto utilizzo e tali da disincentivare i comportamenti impropri e gli abbandoni indiscriminati di rifiuti all’interno e all’esterno degli stessi. La raccolta degli abiti usati, infatti, pur essendo consolidata tra la cittadinanza, ha spesso registrato occasioni di degrado a causa delle sue caratteristiche logistico-organizzative. Dopo esserci confrontati con la cooperativa che effettua la raccolta degli abiti, l’Amministrazione ha deciso di limitare i punti di conferimento ai soli luoghi presidiati fisicamente o da video sorveglianza.

 

 


 

Dal 2018 sarà possibile conferire gli indumenti usati presso le seguenti postazioni:
-       ecoisola di P.za Virgiliana,
-       ecoisola di P.le Gramsci,
-       sportello del gruppo TEA in V. lo Stretto, 12
-       centro di raccolta di Via Visi, 1/A
-       centro di raccolta di Strada Soave, 25
 
Si ricorda che recuperando gli abiti usati si riduce la quantità di rifiuti indifferenziati da smaltire. Nei contenitori è possibile conferire abiti, maglieria, biancheria, cappelli, borse, coperte, scarpe e altri accessori per l'abbigliamento, in buono stato e introdotti nei contenitori in buste ben chiuse.

Mercoledì, 20 Dicembre 2017 12:46
Pubblicato in Ambiente
Leggi tutto...

ecoDurante il periodo natalizio, il servizio rifiuti in città sarà garantito con un calendario che terrà conto delle festività.
Il servizio di raccolta domiciliare in centro storico (zona A e zona B) non subirà variazioni e sarà regolarmente effettuato (anche nei giorni 25 dicembre e 1° gennaio). Si ricorda che sono inoltre a disposizione H24 le ecopiazzole di P.le Gramsci e P.za Virgiliana, per gli utenti in possesso dell’apposita tessera.
Per quanto riguarda i quartieri, la raccolta rifiuti seguirà il programma indicato nell’Ecocalendario per le diverse zone del territorio comunale.
I centri di raccolta di via Visi e di strada Soave saranno chiusi nei giorni 25, 26 dicembre e 1,6 gennaio.

Mercoledì, 20 Dicembre 2017 12:41
Pubblicato in Ambiente
Leggi tutto...

Il profilo di Mantova visto dal Lago InferioreAnche nel Comune di Mantova è stata istituita l’imposta di soggiorno. Il tributo, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2018, è dovuto da coloro che pernottano nelle strutture ricettive presenti sul territorio comunale.

L’imposta è determinata per persona e per pernottamento ed è articolata in maniera differenziata in base alla tipologia della struttura ricettiva. Sono previste tre diverse tariffe: 2,50 euro per i pernottamenti presso gli alberghi di categoria oltre 3 stelle, 2 euro per i pernottamenti presso gli alberghi di categoria fino 3 stelle, e presso tutte le altre strutture ricettive situate all’interno della cerchia Unesco, 1 euro per i pernottamenti presso le strutture ricettive diverse dagli alberghi situate fuori dalla cerchia Unesco.

Per il turismo scolastico la tariffa è sempre pari ad 1 euro per pernottamento, indipendentemente dalla tipologia della struttura ricettiva e a prescindere dall’età dell’ospite. Sono inoltre previste esenzioni dall’imposta.
Per le modalità applicative si può consultare la nota informativa pubblicata qui sotto. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’ufficio tributi del Comune di Mantova al numero 0376 338209.



Lunedì, 18 Dicembre 2017 18:40
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

La presentazione nel cortile del ComuneMobike, il più grande smart bike-sharing a flusso libero al mondo, arriva a Mantova città d’arte e di cultura, non a caso dichiarata dall'Unesco Patrimonio mondiale dell’Umanità.
Dopo Milano e Firenze, Mobike ha deciso di testare il servizio a Mantova per l’impegno profuso da parte dell’amministrazione nel rafforzamento della mobilità sostenibile. Insieme al Comune di Mantova verranno calendarizzati momenti promozionali del servizio.

Il progetto è stato presentato venerdì 15 dicembre nella sede del Comune dagli assessori Paola Nobis e Iacopo Rebecchi, affiancati da Davide Lazzari di Idri Bk Srl, responsabile di Mobike, e da Alessandro Felici, amministratore delegato di Evlonet, la società che gestisce in Italia l'attività creata nel 2016 in Cina.

L’amministrazione comunale, nel 2018, investirà molto sulla mobilità sostenibile e sull’idea di smart city; la presenza di Mobike, contribuirà a rafforzare questa idea di città eco-sostenibile.
La bellezza di Mobike è evidenziata dalla semplicità del suo utilizzo. Le smart bikes si trovano tramite l'app, non hanno bisogno di postazioni fisse e vengono distribuite in modo omogeneo in tutta la città, sono facili da prenotare e utilizzare. A differenza dei servizi di noleggio tradizionali, anche parcheggiare la bicicletta è un’operazione ben più semplice: nessun luogo predefinito ma semplicemente parcheggiare dove si vuole nel rispetto delle regole, bloccando il lucchetto, la app farà il resto. Mobike, quindi, è il primo bike-sharing senza rastrelliere.

Le biciclette Mobike sono pensate e realizzate grazie a un design innovativo, in alluminio, sono dotate di cestino, hanno sellino regolabile e sono equipaggiate di Gps, tessera Sim e di un lucchetto intelligente brevettato.

A Mantova si partirà con 300 biciclette ed in base alle esigenze ci sarà la possibilità di metterne a disposizione della città fino a mille. Il progetto pilota è a costo zero per il Comune di Mantova.

Il progetto pilota-sperimentale
Per la città di Mantova, il piano iniziale prevede 500 bici, con un incremento progressivo fino a 1000 biciclette. Sarà un progetto pilota-sperimentale per capire come il servizio verrà recepito dalla città e dai cittadini.

La cosiddetta “sharing economy” si sta sviluppando nel settore dei trasporti urbani grazie a numerosi vantaggi rispetto ai mezzi privati: costi di esercizio minori per l’utente, riduzione del numero di mezzi in circolazione, minor impatto ambientale, praticità (parcheggi liberi, no ZTL, no manutenzione, no riparazioni).

Il bike-sharing rappresenta la soluzione ideale per i percorsi brevi dando grande impulso alla cosiddetta “intermodalità”: il cittadino prende la bicicletta sotto casa, pedala fino ad un mezzo pubblico e arriva alla destinazione finale con un’altra bicicletta. L’intermodalità legata al bike-sharing ha già ridotto l’uso delle auto private del 5% in Cina a meno di un anno dal lancio del servizio.

Il sistema “a flusso libero”, oltre a potenziare il numero di biciclette in condivisione a disposizione dei cittadini, offre al pubblico un servizio facile e veloce, basato su una semplicità di utilizzo orientato alle esigenze della comunità. Mobike lavorerà a stretto contatto con l’amministrazione comunale per ottimizzare il servizio e identificare i luoghi più adatti alla sviluppo, per rendere semplice l’utilizzo della biciletta e migliorare il trasporto.
Rispetto alla manutenzione delle biciclette, Mobike ha lavorato in questi anni per rendere il servizio più affidabile e sicuro sia nei confronti del pubblico. Il comportamento degli utenti viene monitorato e la tariffa viene modificata per premiare l’utilizzo corretto e responsabile, sia nei confronti di possibili furti e danni (il 100% dei componenti di Mobike non possono essere utilizzati su altre biciclette). Le biciclette sono tracciabili con il GPS, sono dotate di antifurto e in caso di furto alcuni componenti come i freni si azionano solo se Mobike viene attivata tramite la app.
Fondato nel 2016 da Hu Weiwei e Davis Wang, Mobike in poco tempo sta conquistando il mondo e i suoi fruitori hanno percorso pedalando su 6 milioni di biciclette più di 2,5 miliardi di chilometri, equivalente a una riduzione di più di 610,000 tonnellate di emissioni di Co2 (dati raccolti e stime realizzate da Wwf).


Come funziona
1. App e registrazione
Scaricando l’applicazione gratuita Mobike nell’App Store o su Google Play si crea un account utilizzando un numero di cellulare. L’utente riceverà un codice di verifica da inserire per pagare il deposito (totalmente rimborsabile).

2. Localizzazione Mobike più vicina
Grazie all’App si può consultare la mappa e trovare la bicicletta più vicina, è anche possibile prenotare qualsiasi Mobike per un periodo di 15 minuti semplicemente selezionando la biciletta e cliccando “prenota”.

3. Sblocca Mobike
Cliccando il pulsante “sblocca” sulla App e scansionando il Qr code vicino al manubrio della bicicletta, il lucchetto si apre automaticamente e può iniziare il viaggio.

4. Parcheggio
Una volta giunti a destinazione è possibile lasciare la bicicletta in modo sicuro in qualsiasi parcheggio pubblico, chiudendo la leva sul lucchetto intelligente. Una volta bloccato, la App provvederà automaticamente a terminare il viaggio.

Tariffe e Mobike Pass
La tariffa prevista per l’utilizzo sarà, in fase promozionale, di 0,30 euro per 30 minuti.
Nella fase di lancio l’utente dovrà anche depositare la cifra di 1 euro per attivare il servizio. (next step: 50 euro).
Oltre all’opzione di utilizzo a consumo, saranno disponibili agli utenti anche alcuni abbonamenti, i Mobike Pass.
I Mobike Pass sono abbonamenti che permettono agli utenti di effettuare un numero illimitato di corse gratuite durante periodi di: 30, 90, 180 e 360 giorni. La durata massima di una corsa gratuita effettuata con un Mobike Pass è di 2 ore: dopodichè verrà applicata la tariffa standard sopra descritta.

About Mobike
Mobike è la prima e la più grande azienda di smart-bike sharing nel mondo con circa 3000 dipendenti e liquidità pari a 1 miliardo. La sua mission è portare più biciclette possibile nel maggior numero di città, utilizzando la sua innovativa tecnologia per rendere l’andare in bicicletta la scelta più conveniente ed ecologica.
Utilizzando biciclette dal design innovativo, equipaggiate di Gps e un lucchetto intelligente brevettato, Mobike consente ai fruitori della App di trovare una bici nelle vicinanze, di prenotarla e sbloccarla, il tutto utilizzando lo smartphone. Una volta raggiunta la destinazione, il fruitore parcheggia la bicicletta e la blocca, rendendola immediatamente disponibile per il prossimo ciclista.
L’azienda ha lanciato ufficialmente questo servizio a Shangai nell’aprile 2016 e, in solo un anno, ha esteso il servizio in 150 città in tutto il mondo. Nel 2017 le città con il servizio Mobike sono diventate 200. Mobike sta distribuendo soluzioni sostenibili e personalizzate per persone e città di ogni paese, rendendo l’andare in bicicletta accessibile, facile e semplice.

About Evlonet
Mobike arriva in Italia grazie alla collaborazione con l’azienda italiana Evlonet.
Evlonet è la più grande azienda italiana di e-commerce in Cina. È stata fondata nel 2014 da Alessandro Felici (fondatore e Ad di Evlonet e di Idri Bk srl, la società che ha aderito alla manifestazione di interesse) e da Number1 Logistic, azienda leader in Italia nella logistica integrata.
Evlonet distribuisce in Cina marchi italiani e internazionali sui canali on line e svolge per conto delle aziende tutte le attività di logistica, digital marketing e distribuzione.
Evlonet opera nei settori food, fashion, personal & beauty care, accessori, piccoli elettrodomestici e distribuisce circa 30 marchi con un team internazionale di 300 persone basato in Italia (Milano, Parma) Cina (Shanghai, Guangzhou) e Hong Kong.
Evlonet rappresenta il partner ideale per Mobike in Italia grazie alle competenze logistiche essenziali per distribuire e manutenere le smart bikes, oltre alla profonda conoscenza del contesto italiano e cinese che permette di abbattere le barriere culturali tra i due paesi e operare in modo efficiente.

Lunedì, 18 Dicembre 2017 18:01
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Il tavolo con il ministro Martina alla PolivalenteNel solco di Expo 2015, il governo è pronto per istituire la certificazione nazionale delle mense biologiche per promuovere un’educazione alimentare sana e corretta nelle scuole.
A dirlo è stato il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina promotore dell'emendamento che affronta questo tema nella manovra economica in discussione in Parlamento.
L’esponente di Palazzo Chigi è intervenuto martedì 12 dicembre al termine di un convegno organizzato dal Comune di Mantova nella Sala Polivalente di Palazzo Te. “Per favorire la diffusione e l'utilizzo di prodotti biologici – ha sottolineato il ministro – propongo di istituire un fondo da 44 milioni di euro fino al 2021, 10 milioni di euro l'anno a regime, che sarà gestito dal Ministero per ridurre i costi a carico degli studenti e realizzare iniziative di informazione e promozione nelle scuole. La norma prevede che le scuole che vorranno attivare il servizio di mensa biologica dovranno inserire le percentuali minime di utilizzo di prodotti biologici”.


Il convegno si è aperto con i saluti degli assessori comunali alla Pubblica Istruzione Marianna Pavesi e al Welfare Andrea Caprini. In sala era presente il sindaco Mattia Palazzi che ha salutato il ministro Martina e gli ha fatto dono di una pubblicazione artistica su Mantova.
Roberta Garibaldi, direttrice scientifica di Ea(s)t Lombardy, ha illustrato le attività di promozione della ricchezza enogastronomica dei territori di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova svolte nel progetto, con uno sguardo alle iniziative di scambio di esperienze sulla sostenibilità nella filiera agroalimentare. Livia Consolo, del Comune di Brescia e coordinatrice del Tavolo sostenibilità di Ea(s)t Lombardy, ha parlato del ruolo che hanno le amministrazioni locali per fornire ai bambini un’alimentazione sana e l’opportunità di una educazione alimentare con l’obiettivo di prevenire le malattie metaboliche in età adulta.

Sono state presentate, inoltre, le esperienze di Riccardo Lenzi, che cura il settore didattico di Fico Eataly World e che ha messo l’accento sull'importanza di educare i bambini al biologico portando l'esempio del progetto Fico a Bologna, mentre Stefano Frisoli, presidente di Aiab Lombardia ha evidenziato il tema delle modifiche organizzative per gestire con la filiera corta nelle mense scolastiche le forniture provenienti dagli agricoltori biologici del territorio, fino ad affrontare il tema del costo dei prodotti biologici

Maria Chiara Bassi, biologa dell’Ats Val Padana, ha spiegato perché i processi naturali fisiologici della nutrizione sono aiutati dall'utilizzo dei prodotti biologici. Luisa Rodella, funzionaria del settore Pubblica Istruzione del Comune di Mantova, si è soffermata sul valore educativo del tempo trascorso in mensa dai ragazzi e sul ruolo determinante dell’ente locale nel promuovere una sana alimentazione e corretti stili di vita attraverso la selezione dei fornitori di ristorazione per le mense scolastiche. Ha portato l’esempio d’avanguardia delle mense scolastiche della città che dal 1997 hanno introdotto l’alimentazione biologica e in venti anni l’esperienza si è consolidata.
Infine, Paola Cortese ha illustrato il buffet a base di prodotti biologici con assaggi di cucina di velluto, promosso dall'Associazione Salvatore Calabrese onlus, che opera per sensibilizzare alla conoscenza della disfagia.

 

Mercoledì, 13 Dicembre 2017 13:45
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

I relatori alla conferenza stampaIl Comune di Mantova avrà un piano di Adattamento ai Cambiamenti Climatici prima del mese di settembre dell’anno prossimo, alla vigilia del forum mondiale della Fao sulle foreste urbane si terrà nel novembre del 2018 in città. Lunedì 11 dicembre, nel giorno del primo incontro tecnico-istituzionale, si è tenuta in via Roma la presentazione del percorso che è stato avviato e che durerà otto mesi. Ad illustrarlo sono stati gli assessori all’Ambiente Andrea Murari e alla Ricerca e Università Adriana Nepote, insieme al professor Francesco Musco, architetto e urbanista, docente di Pianificazione Urbanistica ed Ambientale presso l’Università Iuav di Venezia. Il Piano di Adattamento –ha spiegato Murari – è uno strumento strategico che fa i conti a livello locale con effetti dei mutamenti climatici. Coordineremo tutti i nostri piani, a partire dal Pums e dal Contratto di Fiume, per pianificate tutte le azioni necessarie in modo da rendere più resiliente e competitivo il territorio”.

“Mantova è una delle prime città a dotarsi di un proprio piano - ha sottolineato Musco -. Nei prossimi mesi definiremo le linee guida per fare interagire gli strumenti di cui già dispone il Comune con il necessario adattamento alla variabilità climatica che crea i danni maggiori proprio nelle aree urbane. Si tratta di individuare in primis le criticità esistenti, i rischi connessi agli agenti esterni su acqua, verde e calore e poi identificare le linee operative che entreranno a far parte integrante degli strumenti di governo del territorio urbano. Si tratta di misure di medio-lungo termine destinate a produrre un cambiamento di rotta anche nell'attuazione della rigenerazione urbana che tiene conto della legislazione comunitaria”.
Sul fronte risorse l'assessore alla Ricerca e Università l’assessore Nepote ha puntualizzato l'attenzione del Comune ai progetti comunitari europei come Life, già operativo, e Green Up a cui si farà riferimento per aiutare la realizzazione concreta del piano strategico, un passaggio essenziale per uniformare gli strumenti comunali verso la resilienza agli eventi determinati dai cambiamenti climatici già in atto.

Sarà messo in campo anche un intenso lavoro di ricerca di finanziamenti europei, considerando che il 70 per cento dei progetti Ue intervengono sulla riduzione dell’impatto climatico nel pianeta. Nel percorso tracciato saranno coinvolti i cittadini e le istituzioni, il mondo della ricerca, le associazioni e in generale tutti i portatori d’interesse che saranno chiamati ad esprimersi in vista dell’elaborazione e della stesura del documento.

Mercoledì, 13 Dicembre 2017 13:40
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...


Alla Casa del Rigoletto il 16 dicembre alle 18.00 si inaugura la  mostra fotografica di Patrizia Castellani POINTS DE VUE A PARIS.

INQUADRARE PARIGI
L’ennesima sfida di Patrizia Castellani avviene su un terreno all’apparenza agevole, quasi scontato, in una Parigi che pare proporsi all’obbiettivo senza pudori, senza remore etiche o estetiche. Ma proprio qui sta l’inghippo, la complicazione senza la quale non ci sarebbe gusto a mettersi in gioco: la scelta del formato quadrato. No, non ci siamo capiti, non l’uso di una 6x6, che renderebbe tutto più facile e immediato, ma foto “pensate quadrate” ma realizzate con una normale reflex. Ora, chiunque conosca Patrizia sa che una bizzarria di questo tipo rientra, per lei, nel novero della venialità, nell’ambito di quei capricci da artista che rivelano, di fatto, una visione “a parte” della realtà, più cangiante, più complessa. Ci troviamo dunque al cospetto di una Parigi vista dall’alto, dal basso, di scorcio, di sbieco, controluce, di notte, all’alba, al tramonto e poi... affollata, deserta, antica, futuribile, fruibile, leggera, scontata, sofisticata, intellettuale, popolare, tradizionale, unica. Ma proprio in questo tourbillon fotografico sta la novità dell’approccio proposto da Patrizia, la chiave di lettura di un nucleo di immagini inscritte sì in un quadrato, ma lasciate libere di interagire con la sensibilità dei fruitori; colpi d’occhio seguiti da puntini di sospensione, quasi a sfidare l’intelligenza e la capacità di astrazione di ognuno. Poi ci sarebbe da parlare di foto molto contrastate, della scelta di sperimentare supporti alternativi, della necessità da parte della Castellani di individuare percorsi altri, nuovi modi di raccontare, toni talvolta dissonanti, alla ricerca di armonie meno scontate. Già, si potrebbero aggiungere molte considerazioni, ma sarebbe come sovrapporsi al racconto per immagini che Patrizia ha costruito con grande sensibilità e con quel pizzico di follia che è il sale della vita.

Carlo Micheli

Giovedì, 07 Dicembre 2017 14:55
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

L'inaugurazione in piazza MartiriE’ stato accesso l’Albero di Natale delle città. Nella mattina di sabato 2 dicembre in piazza Martiri di Belfiore si è svolta la tradizionale cerimonia d’inaugurazione del grosso abete che è stato donato dal Comune di Bressanone. “Dopo le luminarie e il Thun Winter Village in piazza Virgiliana – ha detto l’assessore del Comune di Mantova Iacopo Rebecchi – oggi inauguriamo l’Albero di Natale che come di consueto ci è stato donato dalla città amica di Bressanone, che ringrazio. Oltre alle tante iniziative in programma, ricordo la festa di Capodanno in piazza Sordello con il concerto di Max Gazzè”.

Per il Comune di Bressanone era presente il vicesindaco Claudio Del Piero: “Vi porto gli auguri di buone feste da parte di tutta la nostra comunità – ha detto – e mi auguro che l’amicizia tra le nostre città possa continuare in futuro”. Dopo i saluti istituzionali, il Coro di Voci Bianche “Voci in Festa Città di Mantova”, diretti dal Maestro Marino Cavalca dell’associazione culturale Pietro Pomponazzo, ha intonato dei canti Natalizi. In piazza Martiri era presente anche il Quartetto di Clarinetti della Scuola di Musica di Bressanone che ha eseguito alcuni brani tradizionali. Infine, l’inaugurazione dell’Albero di Natale con le foto di rito e l’accensione delle luci.

Lunedì, 04 Dicembre 2017 17:02
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

 Torna con nuovi appuntamenti all’Hub Santagnese10 Officina Creativa il Living Lab, il laboratorio aperto ideato per favorire le opportunità di condivisione e conoscenza delle pratiche di rigenerazione sociale e dei territori. A dicembre arriva un ciclo di tre nuovi appuntamenti pensati per gli enti pubblici, le imprese culturali e creative, i professionisti, la scuola e l'Università, le associazioni. Stavolta però il focus sarà il maxi progetto Mantova Hub, fortemente voluto dal Comune di Mantova per il recupero dell’area di San Nicolò: una zona complessa, oggetto di interventi urbani di diversa natura all’insegna della sostenibilità ambientale e dell’eccellenza, per generare nuove attività e servizi. Da qui è nata l’esigenza di approfondire ciò che sarà e ciò che è già in altri luoghi, attorno a tre temi cardine: l’ostello, come luogo di accoglienza ma anche come strumento di promozione di un territorio, il cosiddetto “Farmer’s Market”, mercato urbano che accorcia la filiera produttiva e educa al consumo consapevole, e infine il Piano d’Uso della città, con il quale le eccellenze culturali e di promozione turistica lavorano in sinergia per ribadire sostenibilità urbana e obiettivi comuni. I tre incontri si terranno giovedì 7 dalle ore 14 alle 17.30, martedì 12 dalle 9.30 alle 12.30 e giovedì 14 dicembre dalle ore 14 alle 17 all’Hub Santagnese10 Officina Creativa. Sono aperti a tutti e la partecipazione è gratuita, previo iscrizione presso Cesvip Lombardia sede di Mantova.

Living Lab è un laboratorio aperto che coinvolge soggetti pubblici e privati per riflettere con approccio concreto sui temi della rigenerazione urbana e dei territori, e far crescere la città in modo culturale, sociale, creativo e innovativo. Il Living lab è un’idea di Pantacon, promossa dal Comune di Mantova che collabora alla costruzione degli incontri: il progetto Living Lab è infatti co-finanziato dal programma Riqualificazione Urbana per la Sicurezza delle Periferie delle città, della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Mantova Hub è un progetto strategico per la ricucitura urbanistica e socio-economica della Città di Mantova, nel segno della sostenibilità



Giovedì 7 dicembre, dalle 14 alle 17.30 - Hub Santagnese10, Mantova
L’ostello, per accogliere e per promuovere il territorio. Buone pratiche per il futuro di Mantova Hub

L’ostello è luogo di esperienza immersiva nel territorio, simbolo di turismo dell’ospitalità, di accoglienza e di condivisione. Mentre si preparano i lavori di Mantova Hub, dove sorgerà un Ecostello per il turismo sociale e ecosostenibile, conosciamo le storie di luoghi trasformati, che mentre accolgono sanno promuovere la storia e la natura attorno a sé.
Programma degli interventi in pdf allegato  oppure clicca qui



Martedì 12 dicembre, dalle 9.30 alle 12.30 - Hub Santagnese10, Mantova
Farmer’s Market: per ricucire città e territorio. Il futuro di Mantova Hub nella filiera agro-alimentare

Immaginiamo un moderno mercato con i produttori del territorio e attento all’alimentazione bio, con spazi e serra per la didattica, esposizioni e ristorazione: a Mantova Hub ci sarà, ma in altre città sono esperienze virtuose che già esistono, aggregano e rinsaldano il rapporto tra città e territorio circostante. Un incontro per conoscerli e capire come sono gestiti.
Programma degli interventi in pdf allegato   oppure clicca qui



Giovedì 14 dicembre, dalle 14 alle 17 - Hub Santagnese10, Mantova
Il Piano d’Uso della Città, per una sostenibilità culturale. Verso un modello di gestione condivisa

Il Piano d’uso degli spazi pubblici della città nasce da una proposta condivisa da Segni d’infanzia Associazione, Festivaletteratura, Orchestra da Camera di Mantova e Pantacon. L’anima poliedrica del tessuto culturale di Mantova si unisce nel cosiddetto “Piano d’uso della città”, per sistematizzare, facilitare, supportare reciprocamente il lavoro, l’organizzazione e la realizzazione delle varie manifestazioni mettendo a punto un modello di funzionamento coordinato e condiviso, con una promozione organizzata. In una parola, sostenibile. Una regia condivisa per facilitare il lavoro degli uffici pubblici, le pratiche di autorizzazione e accesso agli spazi, ma anche per favorire e facilitare l’accesso alla cultura da parte di mantovani e turisti. Il Piano d’uso coinvolge anche il Distretto Urbano del Commercio e le attività economiche, i cittadini e le istituzioni, rientra a pieno titolo nel piano d’azione per la gestione del patrimonio culturale che il GRUPPO LOCALE URBACT (composto da operatori privati e pubblici di più ambiti) sta predisponendo – come esercizio di progettazione integrata e partecipata - un’azione nell’ambito del progetto Int-herit (rete europea del programma europeo URBACT III). Il Piano d’uso di Mantova, Patrimonio Mondiale, coinvolge anche il Distretto Urbano del Commercio, le attività economiche, i cittadini e le istituzioni ed è parte del piano d’azione per la gestione del patrimonio culturale del Gruppo locale Urbact.
Programma degli interventi in pdf allegato  oppure clicca qui


INFORMAZIONI E ISCRIZIONI
La partecipazione all’evento è gratuita, previa conferma di iscrizione all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Informazioni:
Tel 0376/288025 – Cesvip Lombardia sede di Mantova
Tel 0376/355858 – Hub Santagnese10 Officina Creativa, sede di Pantacon - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione certificato da Regione Lombardia.

Lunedì, 04 Dicembre 2017 13:47
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

La conferenza stampa in Comune per Anche in Lombardia “Una Pila alla Volta”: il progetto che lancia la sfida della raccolta differenziata delle pile tra ragazzi di 10-14 anni. In palio decine di buoni acquisto da spendere in attrezzature didattiche e sportive.

Anche i ragazzi e le ragazze che vivono in Lombardia possono riunirsi in squadre e partecipare a “Una Pila Alla Volta”. La campagna patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, e promossa dal Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA) è stata presentata lunedì 27 novembre nella sala Consiliare del Comune di Mantova dal Segretario Generale del CDCNPA Luca Tepsich, dal Presidente di Ancitel EA Filippo Bernocchi e dall’assessore all’Ambiente del Comune di Mantova Andrea Murari. L’obiettivo è sensibilizzare i giovani sulla corretta gestione dei rifiuti delle pile esauste che non vanno gettate con i rifiuti indifferenziati ma separati e portati negli appositi punti di raccolta sul territorio. Nelle prime settimane di avvio del progetto, nella regione Lombardia, sono già oltre 50 i rappresentanti delle scuole iscritti al contest.

Già oggi i numeri della raccolta differenziata di pile e accumulatori portatili in Lombardia sono incoraggianti visto che con quasi 1,75 milioni di kg nel 2016 è la prima regione italiana per quantitativi raccolti. Da record anche il numero di punti di raccolta serviti dai Consorzi iscritti al CDCNPA che arriva a quota 1.128 con quasi 400 punti presso le isole ecologiche e oltre 700 presso le attività commerciali. Nella Provincia di Mantova in particolare vi sono 81 i luoghi di raccolta di cui 48 isole ecologiche e 33 punti vendita iscritti che complessivamente, nel 2016, hanno permesso di avviare al recupero circa 37mila kg di pile e accumulatori portatili.

Per far crescere ancora questi numeri, i ragazzi e le ragazze nati negli anni compresi tra il 2003 e il 2006 potranno formare una squadra e insieme ad un tutor maggiorenne andare sul sito www.unapilaallavolta.it e iscriversi al contest una vera e propria gara a chi si impegna di più nel fare e comunicare la raccolta differenziata delle batterie. Le squadre saranno chiamate ad affrontare 5 sfide legate alla raccolta differenziata di pile e accumulatori portatili. Si passa da un quiz sul tema delle batterie a creare una scultura con le pile scariche abbandonate in casa, passando per la realizzazione di video e canzoni a tema, Potranno poi condividere i contenuti sui social network per spingere i propri amici a votare la propria testimonianza sulla piattaforma e ottenere così punti utili a scalare la classifica.

In palio per le squadre più votate ci saranno voucher da spendere per l’acquisto di materiale scolastico o sportivo del valore compreso tra 1.000 e 2.500 euro, con un montepremi complessivo a livello nazionale di 55.000 euro. Inoltre i campioni di ogni area territoriale saranno chiamati nel mese di maggio a Como per partecipare all’evento finale.

“La Lombardia è sicuramente una delle Regioni meglio attrezzate e più virtuose nella raccolta differenziata di pile e accumulatori - ha spiegato Luca Tepsich, Segretario Generale del CDCNPA – nonostante questo la quantità avviata al riciclo non è ancora sufficiente e negli ultimi anni stiamo assistendo ad un leggero calo. Per questo abbiamo deciso di puntare sulle giovani generazioni per diffondere un messaggio semplice: le batterie non vanno gettate con la spazzatura indifferenziata ma nei contenitori loro dedicati. Abbiamo chiesto loro di mettersi in gioco e di farlo insieme perché la salvaguardia dell’ambiente è una sfida che si vince insieme raccogliendo Una Pila Alla Volta”.

“Le nuove generazioni sono sempre più consapevoli del valore dell'economia circolare e disponibili a collaborare da protagonisti per il bene del Paese - ha dichiarato Filippo Bernocchi Presidente di Ancitel Energia e Ambiente -. E’ per questo che campagne come “Una Pila Alla Volta” sono utili e significative per dare una spinta positiva sia dal punto di vista ambientale che economico. La raccolta differenziata è infatti il primo passo verso l'economia circolare; nel caso delle pile esauste, molto dannose per l'ambiente se non conferite correttamente, è ancora più importante.”

“Una bellissima iniziativa per la quale ringrazio il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori e Ancitel Energia e Ambiente - ha detto l'assessore all'Ambiente del Comune di Mantova Andrea Murari -. Si tratta di un progetto che si inserisce perfettamente nel lavoro che sta portando avanti la nostra Amministrazione sulla tutela dell'ambiente e sulla raccolta differenziata, che ci vede primeggiare a livello Nazionale. La città di Mantova, infatti, si è recentemente classificata al primo posto per l'Ecosistema urbano, secondo l'indagine di Legambiente e Ambiente Italia. La nostra volontà e quella di continuare a migliorarci e portare avanti progetti ed iniziative meritorie, soprattutto rivolti ai giovani, proprio come quella di 'Una Pila alla Volta' ".

 

Mantova, 27 novembre 2017

Contatti:
Ufficio Stampa CDCNPA c/o extra Comunicazione e Marketing
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 06 98966361
Serena Ferretti cell. 346 4182567 / Sciuscià Di Domenico cell. 346.4182411

Martedì, 28 Novembre 2017 18:07
Leggi tutto...

In occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne il Settore Pari Opportunità del Comune di Mantova promuove per sabato 25 novembre alle ore 20.30 presso il Teatro Bibiena lo spettacolo AMOROSI ASSASSINI ...facciamo finta di niente, dai! di e con Valeria Perdonò, gli arrangiamenti musicali e musiche dal vivo di Marco Sforza, con la regia di Paola Tiziana Cruciani, art director Federica Restani, produzione Ars. Creazione e Spettacolo.

Martedì, 21 Novembre 2017 16:27
Pubblicato in Servizi sociali
Leggi tutto...

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version