Comune Mantova

Switch to desktop

News dal Comune

Venerdì 29 marzo presso il Teatro Scientifico Bibiena, alle 2, proiezione del Docu-Film dedicato alla celebre Villa di Lainate. Ingresso gratuito.
Dopo il successo dell’anteprima a Milano, all’Anteo Palazzo del Cinema, prosegue il tour di presentazione del docu-film Villa Visconti Borromeo Litta, quattro secoli di storia, un viaggio nel tempo tra delizie arte e giochi d’acqua, diretto da Francesco Vitali e scritto con la collaborazione di Claudia Botta.

Il prossimo 29 marzo, in occasione della presentazione alla città di Mantova presso lo storico Teatro Scientifico Bibiena, il sindaco Mattia Palazzi introdurrà la serata insieme a Italo Scaietta, Presidente degli Amici di Palazzo Te, dei Musei Mantovani e della Federazione Italiana degli Amici dei Musei. A seguire un breve intervento da parte del regista Francesco Vitali.

Liberamente tratto dal volume di Alessandro Morandotti Milano profana nell’Età dei Borromeo, il Docu-Film è prodotto da Francesco Vitali, Comune di Lainate, Associazione Amici di Villa Litta Onlus e Roadmovie.
In collaborazione con Comune di Mantova - Musei Civici di Mantova



PRENOTAZIONI

Venerdì 29 marzo - Teatro Scientifico Bibiena - ore 21.00
Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.
È possibile ritirare il biglietto direttamente al botteghino del Teatro negli orari di apertura.
Per informazioni chiamare il 0376 327653.

Venerdì, 22 Marzo 2019 13:20
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Le sale monumentali della Biblioteca Comunale Teresiana di Mantova dal 21 marzo al 4 maggio 2019 ospitano una raffinata esposizione dedicata ai codici miniati polironiani dall’XI al XV secolo. Focus della mostra, a cura di Giuseppa Z. Zanichelli, sono le miniature contenute nei manoscritti provenienti dallo scriptorium e dalla biblioteca del monastero di S. Benedetto in Polirone e dal 1797, a seguito delle soppressioni monastiche napoleoniche, conservati presso la storica Biblioteca Teresiana di Mantova. Il progetto prevede l’esposizione di 34 codici miniati, tutti appartenenti al Fondo di manoscritti medievali della Biblioteca Teresiana. Si tratta di un nucleo di manoscritti di valore inestimabile per organicità, antichità, aspetti testuali e artistici e oggetto di profondo e sistematico interesse da parte di studiosi italiani e stranieri.
Il percorso espositivo si articolerà in tre sezioni che, partendo dalla nascita dello scriptorium benedettino, guideranno il visitatore attraverso le varie fasi del suo sviluppo nei secoli, ricostruendo gli scambi di codici e il contesto in cui si sono verificati, per ripercorrere la memoria della straordinaria storia culturale e spirituale di quello che fu, dall’XI al XVIII secolo, uno dei più prestigiosi monasteri europei.

 

INAUGURAZIONE 21 Marzo 2019

ore 16.00 - Sala delle Vedute
Aprono i lavori
Paola Nobis, Assessore Biblioteche e Archivi
Irma Pagliari, Dirigente Settore Biblioteche e Archivi
Cesare Guerra, Responsabile Servizi Bibliotecari

Presentazione del volume Il Catalogo dei manoscritti Polironiani III
Relazione di Massimiliano Bassetti, Università degli Studi di Verona
Interventi di Corrado Corradini e Paolo Golinelli, curatori del catalogo dei manoscritti

ore 17,30 - Sale Teresiane
Inaugurazione della mostra ISTE LIBER EST. Codici miniati da Polirone alla Teresiana
Introduce Giuseppa Z. Zanichelli, curatrice della mostra



In allegato l’invito all’inaugurazione e la presentazione della mostra



Orari mostra: martedì- venerdì: 9-12.30 / 14.30 – 17.30 | sabato: 9 -12.30




Biblioteca Teresiana
Via Ardigò 13 – Mantova
Tel. 0376 338450
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
www.bibliotecateresiana.it 

Venerdì, 15 Marzo 2019 12:43
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Sabato 16 marzo alle ore 18.00 a Palazzo Te si inaugura una mostra-dossier dedicata alle ossessioni vitali e sorprendenti di Carlo Zinelli (1916 – 1974), esponente dell’Art Brut in Italia e riferimento visivo ancora tutto da scoprire, oggi di grandissima attualità. Un corpus di 32 opere su carta, in maggioranza bifacciali, custodite dalla Fondazione Cariverona e visibili dal 17 marzo al 9 giugno attraverso una struttura espositiva creata per le sale di Palazzo Te a Mantova.
Negli ultimi anni alcune mostre internazionali hanno dato spazio, insieme alle opere di grandi protagonisti dell’arte italiana, a quelle di un artista sorprendente e attualissimo rivelando al grande pubblico l’opera di Carlo Zinelli (1916 – 1974). Attraverso un corpus di 32 lavori, realizzati tra il 1958 e il 1970 e custoditi da Fondazione Cariverona, i visitatori della mostra Carlo Zinelli. Visione Continua potranno conoscere e apprezzare un pittore unico e dirompente che a oggi continua a essere un nome segreto e, quindi, ancora una rivelazione.
Prodotta da Comune di Mantova, Fondazione Palazzo Te e Fondazione Cariverona Cultura, la mostra rientra nelle iniziative culturali di Fondazione Cariverona e si svilupperà nelle Sale Napoleoniche di Palazzo Te dal 17 marzo al 9 giugno 2019, riflettendo sull’esperienza di un artista dalla fervida immaginazione attraverso tempere, collage e disegni su carta mai esposti precedentemente nella loro totalità.
L’allestimento immersivo ed evocativo, creato ad hoc per la mostra e in armonico contrasto con le specificità rinascimentali del palazzo, consentirà al visitatore di ammirare le opere in modo completo, potendone ammirare pienamente i colori e i tratti oltre a permettere la visione totale dei 26 lavori fronte-retro, una delle particolarità del modus operandi di Zinelli che lavorava sempre istintivamente sulla totalità della superficie del foglio.

Carlo Zinelli. Visione Continua è prodotta da Comune di Mantova, Fondazione Palazzo Te e Fondazione Cariverona Cultura. Progetto e sviluppo a cura di BARCOR17.
La mostra rientra tra le iniziative culturali di Fondazione Cariverona nell’ambito del progetto Fondazione Cariverona Cultura, realizzato dalla propria società strumentale.


In allegato l'invito alla inaugurazione e il comunicato stampa


Info: www.fondazionepalazzote.it



Giovedì, 14 Marzo 2019 16:24
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

CalcuttaE’ sempre più ricco il cartellone di concerti estivi in programma in piazza Sordello. Venerdì 12 luglio sarà di scena Calcutta, cantautore molto noto fra i giovani e considerato uno degli artisti più interessanti degli ultimi anni. “Calcutta – ha osservato il sindaco Mattia Palazzi - è uno dei cantautori nuovi più interessanti e di successo, piace ai giovani e non solo sarà un bellissimo concerto”.


Il tour a supporto dell'ultimo album Evergreen ha riempito stadi, arene e palazzetti italiani tra la scorsa estate e questo inverno. Il film del concerto all'Arena di Verona è stato evento speciale nei cinema e distribuito su Timvision. "Se piovesse il tuo nome", canzone disco di platino che ha scritto per Elisa, è stato ben quattro settimane di fila in cima alle classifiche radio italiane. Calcutta, dopo Core Festival di Treviso, Milano Summer Festival, Rock In Roma e Lucca Summer Festival, ha annunciato altri appuntamenti estivi.


I biglietti del concerto: posto unico in piedi PIT1 e PIT2 al costo di 30 euro + prevendita, in vendita a partire dalle 11 di mercoledì 13 marzo presso i circuiti www.ticketone.it - www.geticket.it
Informazioni: telefono 0458039156.

Mercoledì, 13 Marzo 2019 18:44
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Sisi, Benetti, Scaietta e Palazzi con le opere di SpadiniCompleanno con regalo all’intera città per la festa dei 22 anni della costituzione degli Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani. Nella serata di domenica 10 marzo, nella sala dei Cavalli di Palazzo Te, l'Associazione ha donato al Comune di Mantova due opere di Armando Spadini (Firenze 1883-Roma 1925) appositamente acquistate presso la casa d'aste Farsettiarte. Si tratta di “Via Ripetta” (olio su tela) e “Studio di figura" (matita su carta) che vanno così ad arricchire l'importante nucleo di tele del pittore già esposte nella Collezione Mondadori a Palazzo Te e la raccolta di grafica contemporanea dei Musei Civici.

L’iniziativa è stata presentata dal direttore dei Musei Civici Stefano Benetti e dal presidente dell’Associazione Italo Scaletta. Alla cerimonia è intervenuto anche il sindaco di Mantova Mattia Palazzi che ha ringraziato gli Amici di Palazzo Te per l’importante lavoro che svolgono sempre con impegno e passione per il bene culturale della città e del territorio. Infine, una volta scoperte le due opere d’arte, si è tenuta una relazione a cura dello storico dell'arte Carlo Sisi, presidente dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, che, oltre ad illustrare i dipinti, ha presentato la biografia artistica di Spadini.

Domenica, 10 Marzo 2019 00:00
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Il gruppo che ha partecipato all'eventoSabato 9 marzo un nutrito gruppo di piccoli e grandi e camminatori nel pomeriggio hanno partecipato ad un evento “La filosofia a piccoli passi”. In prima fila gli alunni delle scuole primarie mantovane che hanno seguito un percorso di circa diecimila passi. Durante l’itinerario sono stati organizzati i giochi e si è sviluppata una riflessione sul valore del cammino come incontro con l'altro e con l'ambiente.

L'iniziativa Strapedibus si è svolta all'interno del progetto Pedibus Millepiedini di Comune di Mantova, grazie a Nordic Walking Mantova, Università Verde Pietro Toesca, Gev del Parco del Mincio e Avis di Mantova.

Sabato, 09 Marzo 2019 00:00
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Noel GallegherNoel Gallagher si esibirà in piazza Sordello martedì 9 luglio. L’ex chitarrista degli Oasis sarà protagonista dell'estate con il suo complesso High Flying Birds. Torna, dunque, in città la grande musica internazionale.

Sarà la seconda e ultima tappa italiana, dopo quella di Pistoia. I Noel Gallagher's High Flying Birds, subito dopo la pubblicazione del terzo disco Who Built The Moon?, sono tornati on the road con concerti in tutto il mondo. Una band di 11 elementi e una ricca selezione dei brani composti e pubblicati da Noel nelle ultime tre decadi saranno la colonna sonora della sera. Who Built The Moon?, uscito nel 2017 su etichetta Sour Mash Records, ha debuttato alla posizione numero uno in Gran Bretagna, segnando il record di essere il 10° disco di Gallagher a raggiungere la prima posizione in classifica. Gallagher, è uno degli artisti inglesi più amati, nonché uno degli autori più talentuosi da 25 anni a questa parte.


Soddisfatto il sindaco Mattia Palazzi. “Sarà un'altra estate con grandissimi concerti per ogni età - ha detto -, con nomi che anche quest'anno porteranno a Mantova turisti e consumi, per il commercio, gli alberghi e i servizi del centro. Mantova è diventata una del le principali piazze italiane delle musica live internazionale. Non è finita qui, presto annunceremo altri due grandi concerti”.


I biglietti sono in vendita nei circuiti Ticketone e Ticketmaster a partire dalle 10 di lunedì 11 marzo.

Lunedì, 11 Marzo 2019 18:55
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Sono iniziati i percorsi e i laboratori di IncontrArti3: mentre è partito con grande successo il percorso con Davide Bregola dedicato alla scrittura in libertà, si prosegue "Con occhi diversi" – percorsi alla scoperta di storia e natura nella città dei Gonzaga”, otto appuntamenti a cura di Alkemica e Charta, per esplorare e conoscere alcuni luoghi della città solitamente al di fuori dei percorsi canonici di conoscenza delle eccellenze storiche, e naturalistiche della città di Mantova. Ogni incontro un nuovo luogo: Museo Diocesano, Master, Museo dei Vigili del Fuoco, Parcobaleno, Museo Tazio Nuvolari, Museo di Palazzo d'Arco, Lungolago Gonzaga, Museo Archeologico nazionale.

Appuntamento a martedì 19 marzo alle ore 10 davanti all'ingresso del Museo Archeologico in Piazza Sordello, nel vecchio Mercato dei Bozzoli: il territorio Mantovano si presenta come uno dei più ricchi dal punto di vista archeologico e la sua varietà si sta mostrando attraverso le tante testimonianze venute alla luce negli ultimi anni e recentemente ricomposte nel Museo archeologico. Uniche e straordinarie risultano le sepolture Neolitiche ritrovate in località Valdaro: riallestite nella sezione a loro dedicata, ritroviamo tombe che ci parlano di cacciatori sepolti col loro cane, di “sciamani” oltre alla famosa tomba con “Gli Amanti”. Grazie al nuovo allestimento si attraversano le varie epoche, calandosi nella narrazione dei tanti popoli che hanno attraversato il territorio: Etruschi, Celti, Paleoveneti per arrivare ai Goti e ai Longobardi. Oltre ai numerosi oggetti ritrovati, anche l’architettura urbana ha permesso di riscoprire invece la Mantua romana: lo splendido pavimento musivo della Domus ritrovata in Piazza Sordello ci permette di intuire il volto della città al tempo di Virgilio. L'ingresso è gratuito per "disabili" e loro accompagnatori. Il massimo consentito è di 30 persone.

Il calendario prosegue il 30 aprile, 7 maggio, 28 maggio, 4 giugno, 11 giugno, 18 giugno, 25 giugno.

Iscrizioni e informazioni

Sistema dei Musei e dei Beni Culturali Mantovani


Dott.ssa Moira Sbravati - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - tel. 0376 357529 | www.sistemamusealeprovinciale.mantova.it 


IL PROGETTO

Incontrarti3 è organizzato in stretta sinergia da Centro diurno - Unità Operativa di Psichiatria – Mantova 1 - Asst di Mantova, il Sistema dei Musei e dei Beni culturali mantovano, i musei civici di Mantova e Pantacon e ha il suo cuore nei laboratori sperimentali di carattere artistico rivolti agli utenti del Centro diurno, agli operatori museali che si occupano dei servizi educativi, a insegnanti e docenti delle scuole, agli educatori e operatori sociali, ai cittadini. Ciascun laboratorio è condotto da un tutor appositamente individuato e si svolge in un luogo del "bello": Casa del Mantegna, Palazzo San Sebastiano ma anche le piazze cittadine, i parchi, i giardini. I temi toccati in questa terza edizione saranno la lettura a voce alta, la musica d'insieme, la natura l'arte e la storia. Gli obiettivi sono promuovere processi di inclusione sociale per persone con disagio psichico; sperimentare attività laboratoriali con la presenza di gruppi misti; suggerire percorsi creativi inclusivi attraverso linguaggi artistici; proporre il museo come luogo dell'inclusione sociale e della partecipazione democratica; contribuire al miglioramento della qualificazione e formazione degli addetti ai lavori (operatori museali, insegnanti, educatori, eccetera); attivare collaborazioni tra istituzioni pubbliche e soggetti privati sui temi dell'accessibilità e dell'inclusione; produrre un racconto dell'esperienza da condividere con la città.

Info: www.pantacon.it 

Giovedì, 07 Marzo 2019 09:26
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

I relatori alla conferenza stampaSi è concluso l’anno dedicato alle celebrazioni per il Decennale del sito Mantova e Sabbioneta, iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale l’8 luglio 2008. L’assessore all’Unesco del Comune di Mantova Paola Nobis, il sindaco di Sabbioneta Aldo Vincenzi e la dirigente comunale Irma Pagliari martedì 5 marzo nella sede municipale del capoluogo hanno presentato la pubblicazione #10anniMantovaSabbioneta: poco meno di 50 pagine per riassumente le caratteristiche eccezionali ed universali del sito, i progetti realizzati e quelli in corso, le parole chiave e gli obiettivi che hanno guidato il percorso compiuto dal 2004 (anno in cui è stata ufficialmente avviata la procedura di candidatura del sito), sino ad oggi. Tutti i temi presenti nella pubblicazione potranno essere approfonditi attraverso il sito web www.mantovasabbioneta-unesco.it, che a partire da martedì 6 marzo è pubblicato on line nella sua nuova veste, resa più chiara e accessibile.


“Abbiamo la responsabilità di conservare e valorizzare il sito – ha detto l’assessore Nobis -, per farlo conoscere meglio ai visitatori e agli studenti. Abbiamo operato e operiamo per promuoverlo, fornire più servizi innovativi e renderlo ancor più attrattivo”. “Lo studio sui giardini dei Gonzaga – ha aggiunto il sindaco Vincenzi – ci ha permesso di restaurare il giardino di Vespasiano a Sabbioneta e di questo sono molto orgoglioso. Grazie ai finanziamenti Unesco abbiamo aperto il parcheggio fuori dalle mura rendendo più visibile Porta Vittoria. Mantova e Sabbioneta sono più vicine perché la gestione del sito è comune”.


Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Mariangela Busi e Cristina Valenti dell’ufficio Unesco. Dieci anni, dunque, sono passati, ma l’attività dell’Ufficio non si ferma. Nel 2019, oltre a proseguire le attività oramai consolidate di comunicazione e di educazione al patrimonio, rivolte in particolare alle scuole del territorio, sarà presentato il nuovo Piano di Gestione di Mantova e Sabbioneta e organizzato un importante convegno il 13 settembre, in collaborazione con Regione Lombardia e con il Tavolo di coordinamento dei siti Unesco lombardi, finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, nell’ambito del progetto “La rete dei siti Unesco lombardi: comunicazione e promozione integrata”.

Tra le altre iniziative segnalate in via di realizzazione: l’ultra marathon Mantova Sabbioneta organizzata dalla Pro Loco di Sabbioneta l’11 e il 12 maggio; il ciclotour Mantova - Sabbioneta, organizzato in collaborazione con l’associazione Gli Scarponauti di Mantova il 5 maggio; il progetto Mobartech, seguito dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università Milano Bicocca.

Mercoledì, 06 Marzo 2019 12:59
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Perantoni, Rebecchi e Marcone presentano lo studio sull'incidentalitàSul territorio comunale, nell’anno 2018, la Polizia Locale ha rilevato un totale di 224 incidenti stradali, con un decremento percentuale pari al 17,78% rispetto all’anno precedente, nel corso del quale erano stati rilevati 266 incidenti.
Sul totale complessivo di 224 incidenti stradali registrati nel 2018, 174 sono stati con feriti (21 in meno dell’anno precedente), 48 con soli danni ai veicoli o alle cose e 2 incidenti mortali.

I dati dello studio sull’incidentalità nel territorio comunale di Mantova, relativo all’anno 2018, sono stati presentati giovedì 28 febbraio presso il comando della Polizia Locale, in viale Fiume 8, dall’assessore comunale alla Polizia Locale Iacopo Rebecchi, il comandante Paolo Perantoni e il vice Luigi Marcone.

Nel 2018, in linea con il generale decremento rispetto agli anni precedenti, sono diminuiti i sinistri con il coinvolgimento di velocipedi, ciclomotori, motocicli, autocarri ed autobus, mentre sono aumentati quelli con protagonisti autovetture e pedoni. Tra le violazioni più ricorrenti alle norme del Codice della Strada ravvisate nel corso dell’anno, 61 riguardano il mancato controllo del veicolo ed il suo arresto in condizioni di sicurezza, 53 l’inosservanza dei segnali dare precedenza, stop e mancata precedenza ai veicoli provenienti da destra, 30 il cambiamento di direzione, di corsia o altre manovre, 15 l’omessa precedenza ai pedoni in corrispondenza di strisce pedonali e 15 il mancato rispetto della segnaletica orizzontale.

I dati dello studio della Polizia Locale di Mantova testimoniano come la maggior parte degli incidenti stradali, verificatisi all’interno del territorio virgiliano, siano stati caratterizzati da tamponamenti e mancate precedenze dovuti, essenzialmente, a disattenzione e distrazione da parte dei conducenti dei veicoli coinvolti.

Giovedì, 28 Febbraio 2019 15:37
Pubblicato in Polizia locale
Leggi tutto...

Un momento dell'inaugurazioneE’ stato inaugurato sabato 23 febbraio in via Ariosto 2, presso il centro anziani di Valletta Valsecchi, il centro d’ascolto promosso dall’associazione Lotta all’Ictus Cerebrale. L’Associazione Alice Mantova onlus impegna circa 100 iscritti e l’utenza è rappresentata da tutti i pazienti affetti da malattie cerebrovascolari e dai familiari sul territorio provinciale. Mette a disposizione programmi di gestione ed assistenza in favore dei pazienti affetti da ictus. Al taglio del nastro sono intervenuti il segretario della associazione Alberto Malagutti e l’assessore al Welfare del Comune di Mantova Andrea Caprini, oltre ad un gruppo di aderenti.


Sul territorio mantovano vengono censiti circa 700 nuovi casi di ictus all’anno. Esiste quindi la necessità di soddisfare le richieste dei soggetti che fino a pochi minuti prima conducevano una vita normale e che improvvisamente si trovano a dover far fronte ad una disabilità che nella maggior parte dei casi, con il trascorrere del tempo, diventa cronica.
Nel Centro d’ascolto opererà il personale appositamente formato, che potrà contare sul contributo di conoscenze del Comitato Scientifico multidisciplinare appositamente costituito con il consenso dei professionisti che forniranno il supporto di conoscenze mediche e di procedure da seguire.


L’obbiettivo è di dare vita ad un luogo d’incontro, condiviso con il “Centro Sociale Valsecchi” per combattere il grande nemico che è l’isolamento e come primo effetto e quindi le crisi d’ansia e di depressione. Sarà un luogo che avrà anche uno scopo ludico, di aggregazione e di avvicinamento ai problemi individuali.


La sede può contare su tre locali: la sala d'attesa, la segreteria e un locale infermieristico.


L’accesso al Centro d'ascolto avverrà inizialmente due volte alla settimana per valutare e garantire la continuità delle prestazioni. Le aperture saranno il mercoledì e il venerdì, dalle 16 alle 18 per consentire l'interazione con le strutture pubbliche, trasporti e tenendo conto dell’eventuale attività fisica individuale dei pazienti.

Lunedì, 25 Febbraio 2019 17:15
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Il presidente Allegretti interviene alla cerimonia presso il monumento di Hofer a CittadellaQuattrocento Schützen, con delegazioni provenienti dalla Val Pusteria e Sud Tirolo, ma anche da Innsbruck, con i loro tipici costumi tirolesi e cappelli piumati, si sono radunati a Mantova per rendere onore al patriota Andreas Hofer, fucilato a Porta Giulia dall’esercito napoleonico il 20 febbraio del 1810.

La tradizionale cerimonia si è svolta in città nella mattina di martedì 20 febbraio e ha preso il via con lo schieramento nel piazzale di Porta Giulia a Cittadella con la sfilata verso il monumento dedicato ad Hofer dove è stata celebrata la santa Messa. Qui hanno preso la parole le autorità. Ad aprire la cerimonia è stato il Mjr. Erich Mayr, comandante del Bezirk Pustertal, che è intervenuto anche sulla vicenda di sabato scorso riguardante la posa di un mazzo di fiori davanti al monumento dedicato ad Hofer da parte del Veneto Fronte Skinheads. “Noi Schützen ci distanziamo da questa ideologia di estrema destra – ha detto Mayr – e non approviamo tale azione”.

Per il Comune di Mantova è intervenuto il presidente del Consiglio comunale Massimo Allegretti. “La commemorazione di Hofer è per voi motivo di orgoglio e di rinnovato spirito d’identità culturale – ha sottolineato Allegretti –, ed è per Mantova una tradizione che è cresciuta con il passare degli anni. Poi, grazie a Euregio, all’impegno di questa amministrazione comunale e all’Associazione Porta Giulia Hofer stiamo realizzando uno spazio culturale in ricordo dell’eroe tirolese. Le diversità che nell’Europa di ieri erano fonte di divisione e conflitti – ha poi concluso –, siano nell’Europa di oggi patrimonio di tutti, per guardare con la necessaria convinzione e fiducia al nostro comune percorso europeo”.

La cerimonia a Cittadella in memoria di Andreas Hofer

Poi sono intervenuti il Console Generale d’Austria Wolfgang Spadinger e il LKdt-StVtr Heinrich Seyr. Dopo la messa, la posa di una corona sul monumento dedicato ad Hofer e l’esecuzione della salva d'onore in memoria dell’eroe tirolese da parte del picchetto schierato.

La cerimonia è continuata in piazza Sordello da dove gli Schützen hanno sfilato, con tanto di stendardi e gonfaloni, per le piazze Broletto, Erbe e Mantegna. La marcia, accompagnata dalla musica di gruppi tirolesi e della Val Pusteria, è continuata per le vie Verdi e Fernelli fino a raggiungere Palazzo d'Arco. Qui i discorsi delle autorità, la posa di una corona sulla targa commemorativa dedicata a Hofer e l’intonazione dell’inno del Tirolo.

Hofer fu processato dal tribunale militare a Palazzo D’Arco e fucilato il 20 febbraio del 1810 a Cittadella.

 

Giovedì, 21 Febbraio 2019 12:32
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Sabato 2 marzo è stata inaugurata presso la Casa del Rigoletto la mostra personale di pittura di Evita Andújar che ha per titolo "Memorie liquide".

 Alla presentazione della nuova esposizione, oltre all’artista, erano presenti il curatore Carlo Micheli dell’ufficio mostre del Comune di Mantova e il consigliere comunale delegato alla Cultura Giovanni Pasetti.

La pittura di Evita Andújar è una sferzata rivitalizzante all’intero mondo dell’arte contemporanea. Ne fan fede il cospicuo numero di premi vinti e la frenetica partecipazione a mostre nazionali e internazionali che sottintende un apprezzamento incondizionato del suo fare artistico. Proveniente dal restauro, Evita ha conoscenze approfondite di materiali e tecniche, della classicità come della contemporaneità: ne deriva una proposta artistica che attraversa il Novecento cogliendone gli insegnamenti e le innovazioni, per proiettarsi in un Terzo Millennio all’insegna delle fibrillazioni e dell’inquietudine.


Così ne parla Roberto Gramiccia: “Non solo piega e fonde, con sapienza e duttilità, codici espressivi diversi per confezionare un proprio personalissimo linguaggio unitario, ma, quel che più conta, è capace di mettere in scena la rappresentazione più efficace della vita nel suo divenire imprevedibile, contraddittorio, dialettico.” Le figure femminili, percorse da una vibrazione che le sdoppia, le destruttura, le scioglie, sono immagini paradigmatiche delle eroine inquiete dei nostri giorni, donne “moltiplicate”, preda di un vortice dinamico che ne offusca quasi le sembianze, per trasformarle in archetipi di una nuova femminilità, più complessa, più multiforme, più consapevole. Per Lorenzo Canova quello di Evita è “Un mondo sospeso tra memoria e futuro, una pittura dove il tempo sedimentato e interiore si intreccia al dinamismo contemporaneo della percezione elettronica, uno sguardo in cui la forma si blocca e si disperde in una dialettica costante tra la millenaria fissità dell’immagine e la sua accelerazione contemporanea: l’opera di Evita Andújar si muove su queste coordinate dove la pittura è allo stesso tempo condensata e dissolta in un sistema costruttivo dove i contrari si uniscono e si allontanano in un perenne moto circolare”.


“Memorie liquide” si terrà a Mantova alla Casa di Rigoletto fino al 31 marzo 2019. Rappresenta la prima personale istituzionale dell’artista d’origine spagnola. Il progetto, dell’Ufficio Mostre del Comune di Mantova, si avvale della preziosa collaborazione della Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia e del sostegno di Espoarte. Mediapartner Frattura Scomposta. L'ingresso è libero.




Info: Casa di Rigoletto Piazza Sordello, 23
tel. 0376 288208 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari d'apertura: tutti i giorni dalle 9 alle 18.

Giovedì, 21 Febbraio 2019 08:42
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Caprini interviene alla Sala degli StemmiLe recenti indagini hanno evidenziato che esiste una scarsa consapevolezza dei giovani degli effetti sulla salute dei rischi legati alla dipendenza e che sono sempre più diffuse le dipendenze comportamentali come il gioco d’azzardo, internet, i social network, i videogiochi, eccetera.


Il fenomeno è stato esaminato a Mantova venerdì 15 febbraio in un’affollata Sala degli Stemmi durante il convegno “Le dipendenze spiegate alla popolazione” organizzato dal Comune di Mantova, dal SerD di Mantova e Medicina delle Dipendenze di Verona. I lavori sono stati aperti dall’assessore al Welfare del Comune di Mantova Andrea Caprini e dal direttore socio sanitario dell’ASST di Mantova Renzo Boscaini che hanno espresso preoccupazione per la diffusione delle dipendenze nella popolazione.


L’incontro è stato moderato dal direttore della struttura Ser.D (servizio dipendenze) dell’Asst di Mantova Marco Dagli Esposti che ha dato la parola ai relatori Cristian Chiamulera, Lorenzo Zamboni, Rebecca Casari, Francesca Muraro, Fabio Lugoboni, Gabriele Zanardi e Renzo Segala.


Le dipendenze – hanno evidenziato gli esperti - sono un fenomeno complesso in stretta relazione, oltre alle scelte individuali, con tutta una serie di fattori di ordine genetico, sanitario, culturale, sociale, educativo e legale.
In sostanza, è stato ribadito che la tipologia dei consumatori è sempre più diversificata, coinvolgendo sia i giovanissimi che le persone adulte. Sempre più diversificati sono anche i comportamenti e le nuove modalità di consumo delle sostanze d’abuso legali e illegali. Rispetto al passato oggi si riscontra una sorta di “normalizzazione del consumo”.
Gli operatori hanno messo in particolare evidenza il pericolo di assumere mix di diverse sostanze. Droghe come l’eroina, che sembravano ormai cadute in disuso, stanno ritornando nel mercato miscelate con altre sostanze ritenute erroneamente dai giovani meno pericolose e con l’unico scopo di indurre dipendenza.


Gli esperti hanno sottolineato che per i genitori è di fondamentale importanza distinguere fra uso esplorativo e abuso di sostanze. L’uso, per quanto esplorativo, va sempre scoraggiato, considerato che il cervello di un ragazzo è ancora in fase di maturazione. I danni arrecati dall’assunzione, anche di piccoli quantitativi di sostanze (alcol compreso) possono essere molto seri.


Il convegno si è tenuto grazie alla sinergia tra il Comune di Mantova, SerD di Mantova e Medicina delle Dipendenze di Verona con l’obiettivo di approfondire il tema delle dipendenze fornendo anche una serie di consigli pratici su come affrontarle.

Lunedì, 18 Febbraio 2019 13:35
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

rac defSi informa che, anche per il 2019, sono state approvate le agevolazioni tariffarie riguardanti i rifiuti. Con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 20/12/2018 sono state, infatti, confermate le agevolazioni sociali per nuclei familiari economicamente svantaggiati, musei, organizzazioni di volontariato/Onlus.
Le domande di agevolazione devono essere presentate IMPROROGABILMENTE entro il 31/07/2019 al Gestore Mantova Ambiente (sportello di Vicolo Stretto, 12) utilizzando l'apposita modulistica a disposizione.

Lunedì, 11 Febbraio 2019 00:00
Pubblicato in Ambiente
Leggi tutto...

Pradella, presto le nuove luciE’ stato approvato dalla Giunta comunale il progetto esecutivo di riqualificazione energetica e illuminotecnica di Pradella e piazza Cavallotti. “E’ un intervento importante che si somma all'opera di riqualificazione di Pradella e anticipa il progetto più ampio di riqualificazione illuminotecnica del centro storico – ha detto il sindaco Mattia Palazzi lunedì 4 febbraio -. Con la nuova illuminazione saremo in linea con la più recente normativa sull'inquinamento luminoso, risparmieremo il 37 per cento di costi energetici e Pradella sarà ancora più bella e attraente”.

Inoltre, l'illuminazione stradale sarà più omogenea ed è prevista la possibilità di modulare l'intensità della luce. L'intervento ammonta a 220mila euro, ed è ricompreso nell'ambito del contratto di gestione dell'illuminazione pubblica tra Comune e Tea Rete Luce. L’intervento comporterà la sostituzione degli attuali corpi illuminanti con apparecchi a led. I tempi di esecuzione vedranno la nuova illuminazione attiva già dal prossimo marzo. I proiettori asimmetrici dei nuovi punti luce saranno posizionati "a cornice" nelle medesime disposizioni ora occupate dai proiettori a alogenuri metallici, risolvendo il piano stradale, mentre il proiettore provvisto di ottiche "palco inouf" viene individuato per illuminare i piani verticali. I punti luce eliminati sono tutti quelli che avrebbero creato ombre o inquinamenti luminosi su balconi o terrazze.

Martedì, 05 Febbraio 2019 19:03
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Pienone alla apertura straordinaria della mostra di ChagallSi è chiusa con successo domenica 3 febbraio a Mantova la mostra di Marc Chagall, aperta il 4 settembre. Quasi 75mila visitatori hanno varcato la soglia di Palazzo della Ragione per vedere le opere dell’artista bielorusso. “Abbiamo investito su Palazzo della Ragione quasi 2 milioni per realizzare gli impianti, il nuovo pavimento, le nuove luci e i tendaggi, gli affreschi che sono riapparsi in tutta la loro bellezza – ha commentato il sindaco Mattia Palazzi su Facebook -. Volevamo riaprirlo con una nuova sfida: ospitare esposizioni sulle avanguardie del Novecento. E così è nata la mostra di #chagall, creata da Electa apposta per #mantova. Una mostra inedita che ha riportato in Italia, dopo 19 anni, la serie dei teleri che Chagall dipinse nel 1920 per il teatro ebraico. I russi non pensavano che noi riuscissimo a fare tutto in meno di un anno. Ma ci siamo riusciti. La mostra è stata un vero successo: 74.987 ingressi, non contando la folla della sera di domenica 3 febbraio, nell’apertura notturna gratuita per i mantovani”.


L’afflusso dei cittadini mantovani alla apertura gratuita di domenica sera è stato straordinario. Dalle 19.30 a mezzanotte un’ordinata fila di virgiliani ha formato un biscione che dall'ingresso del Palazzo della Ragione arrivava sino alla metà dei portici Broletto, incrementandosi di minuto in minuto. 700 persone erano in attesa di entrare, mentre nel salone al primo piano del palazzo salivano gruppi di 20 persone.


“Voglio ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questa bellissima impresa per la città – ha proseguito Palazzi - dai settori lavori pubblici e cultura del Comune, a Giovanni Pasetti, l’avvocato Maurizio Alloro, Stefano Benetti, le tante associazioni coinvolte, la comunità ebraica mantovana, le guide, le operatrici e operatori dell’Info Point, Verona 83, Camera di Commercio e le ditte e artigiani che, lavorando anche di notte, hanno rispettato tutti i tempi. È stato rischioso fare la mostra in un palazzo non conosciuto per le mostre, chiuso da due anni. È stata una scelta ambiziosa proporla nei mesi di minor turismo per #mantova, ma l’obiettivo era proprio questo, dimostrare ancora una volta che la cultura promuove partecipazione ed economia per la città. Migliaia di persone sono venute a Mantova per Chagall, ma hanno trovato una città bellissima, pulita e viva. Queste persone torneranno, ma come sempre, dipende da tutti noi, continuare a metterci idee, energia e voglia di fare”.

Lunedì, 04 Febbraio 2019 19:07
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Banner 1024x512

 

SITO WEB

 

La percezione comune considera la combustione domestica della legna una pratica tradizionale, quasi naturale, quindi innocua per la salute. Le evidenze scientifiche mostrano invece che le emissioni di polveri fini e composti tossici dei piccoli apparecchi a legna (caminetti, stufe, inserti) sono molto rilevanti: in molte zone questa è la principale sorgente inquinante per l’aria che si respira. La campagna di comunicazione Brucia bene la legna. Non bruciarti la salute intende fornire al vasto pubblico informazioni e indicazioni utili sul corretto comportamento da adottare nei confronti dell’utilizzo corretto della legna per il riscaldamento.

DURATA: da settembre 2017 a dicembre 2022

Martedì, 29 Gennaio 2019 10:06
Pubblicato in Ambiente

Video collegato

Leggi tutto...

La presentazione del report della Polizia LocalePolizia Locale di Mantova: più sicurezza grazie all’aumentano delle telecamere, dei controlli e soprattutto dei pattugliamenti sul territorio comunale anche in orario serale e notturno. 
Nella mattina di mercoledì 23 gennaio, presso il Comando di viale Fiume 8, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’attività svolta dalla Polizia Locale nel 2018. 
I dati sono stati illustrati dal sindaco di Mantova Mattia Palazzi, dall’assessore alla Polizia Locale Iacopo Rebecchi, dal comandante Paolo Perantoni e dal vice Luigi Marcone.

Il sindaco Palazzi ha sottolineato l'aumento dei pattugliamenti e anche del personale: “Dal 2015 abbiamo assunto cinque agenti e altri tre entreranno in servizio quest'anno – ha detto il sindaco –, un dato molto rilevante che contribuisce al ringiovanimento del corpo”. La città è anche più sicura, osserva Palazzi grazie “alle telecamere triplicate in tre anni e al potenziamento dell'illuminazione pubblica: per esempio, la nuova luce ai giardini del Te e a quelli Nuvolari”.

Le ore di pattugliamento serale/notturno sono passate da 6.362 a 7.849, mentre il numero delle pattuglie impiegate è salito da 308 a 380 con un incremento del 23%. Grande attenzione è stata posta alla sicurezza urbana con l'applicazione del decreto Minniti che ha portato a 52 daspo urbani, gli ordini di allontanamento di persone moleste. Aumentato anche il numero delle telecamere di sorveglianza (da 341 a 432), così come sono cresciute del 32% le sanzioni in materia ambientale (da 107 a 142).
“Ambiente, telecamere, sicurezza urbana e presidio del territorio. Su questi punti è stata posta maggiore attenzione da parte dell'amministrazione comunale – ha sottolineato l'assessore alla Polizia locale lacopo Rebecchi –. Le pattuglie serali e notturne hanno registrato 1.500 ore di lavoro in più l'anno scorso rispetto al 2017, a cui vanno aggiunti i presìdi di aree a rischio, 6.680 ore rispetto alle 5.942 di un anno fa”. 
Sul fronte delle sanzioni amministrative le multe nel 2018 sono state 57.012 contro le 55.937 dell'anno precedente (+ 1,92%), di cui 29.975 accertate tramite telecamere, per un totale di entrate derivanti da verbali notificati pari a 5 milioni e 18mila euro (+4,5%).

“Il dato interessante è aver liberato risorse e personale con i guardiani dei parchi – ha detto il comandante della Polizia locale Paolo Perantoni –, tant'è che si è potuto incrementare oltre al controllo del territorio anche la sicurezza stradale, col 36% in più di interventi riferiti alla viabilità”.
Bene e in crescita anche l'attività nei quartieri con gli appositi vigili, altra testimonianza di maggiore presenza sul territorio. Sul fronte della sicurezza urbana particolare attenzione è stata data alla circolazione stradale con l'impiego di nuove tecnologie come il targasystem. “Ci siamo anche concentrati sia sugli attraversamenti pedonali – dice il vicecomandante Luigi Marcone –, dove abbiamo registrato un incremento del 38,46% di veicoli che non danno la precedenza, sia sui passaggi col rosso: questa violazione grave è cresciuta del 46,27%, passando da 1.824 a 2.668, con 7 veicoli multati al giorno ai 3 semafori controllati con le telecamere”.

Per quanto concerne le tipologie di reati accertati nel 2018 sono stati 13 i sequestri penali effettuati (+225%), 3 le misure cautelari applicate (+200%), 85 i deferimenti all'autorità giudiziaria (30,89%) mentre sostanzialmente immutate le denunce-querele presentate dai cittadini nel 2018 (232 contro le 231 del 2017). Importante infine anche il dato relativo a quantitativo di stupefacenti recuperato nel 2018 dalla Polizia locale: 1.440 grammi tra hashish e marijuana contro i 510 sequestrati l'anno precedente.

Giovedì, 24 Gennaio 2019 13:58
Pubblicato in Polizia locale
Leggi tutto...

Il momento in cui è stato aperto il parcheggioE’ stato inaugurato il nuovo parcheggio per i residenti in vicolo Stretto (area Tea spa). Alla apertura del nuovo spazio pubblico, lunedì 21 gennaio, c’erano l’assessore alla Polizia Locale del Comune di Mantova Iacopo Rebecchi e il presidente e il direttore di Aster Michele Chiodarelli e Ildebrando Volpi. Aster avrà in gestione il parcheggio e verserà a Tea 25mila euro all’anno per l’affitto dell’area. Nel cortile della sede della multiutility sono stati ricavati 51 posti auto gratuiti riservati ai residenti con il pass ztl A. Sono stati effettuati i lavori di tracciamento delle nuove strisce bianche per delimitare i posti auto. L’accesso al parcheggio verrà regolato da una telecamera di videosorveglianza per tutelare chi abita in zona per evitare che quei posti auto siano utilizzati dagli abusivi. Il parcheggio è stato recintato e illuminato. Per realizzare questo intervento Tea spa ha speso 19mila euro.

Sempre da lunedì 21 gennaio ha preso il via l’allargamento della ztl in via Calvi e in via Bertani (dall'intersezione con via San Francesco da Paola, verso il centro). Per il momento non ci sarà la telecamera a sorvegliare l'accesso alla zona a traffico limitato. Saranno collocate tra due o tre mesi per abituarsi al nuovo regime di circolazione nei tratti di strada interessati. A presidiare il varco ci sarà comunque un agente della Polizia locale che fornirà agli automobilisti tutte le informazioni utili.
Da notare che, grazie all'allargamento della Ztl in via Calvi e in via Bertani, d’ora in poi si potrà contare su 57 stalli che in precedenza erano a pagamento e che erano blu e ora sono diventati bianchi, cioè gratuiti. Si tratta di nuovi posti riservati ai residenti con il pass ztl A.


Il pass ztl A adesso può essere richiesto anche da chi abita o ha la sede della propria attività nelle vie limitrofe e, in particolare, nella prima parte di via Bertani e via Calvi non ricompresa nella Ztl, in via San Francesco da Paola, via Pomponazzo, piazza Arche e piazza Viterbi.


“Questo è il primo parcheggio che inauguriamo in questo mandato – ha sottolineato l’assessore Rebecchi -. Entro il 2019 allargheremo il parcheggio libero di Campo Canoa e inizieranno i lavori per il nuovo parcheggio su due piani sul Lungolago Gonzaga che metterà a disposizione 140 posti. Intanto, in queste prime settimane del 2019, registriamo il dato positivo riguardante l’utilizzo della navetta Aster del Campo Canoa. Abbiamo il 30 per cento in più di utenti. Tutto ciò conferma la validità della scelta di adottare il servizio bus gratuito in collegamento con il parcheggio scambiatore. Infine, vorrei ricordare che entro l’anno sarà abbattuto il vecchio Palasport e saranno liberati altri spazi per il parcheggio delle auto”.

Martedì, 22 Gennaio 2019 17:29
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version