Switch to desktop
News dal Comune

hoferAndreas Hofer Mantova Mito Memoria Spazio culturale - Info Point turistico

All'interno della cinquecentesca Porta Giulia, attribuita all'opera di Giulio Romano, sorge il nuovo spazio culturale e info point turistico Andreas Hofer Mantova Mito Memoria.
Assieme a tratti di mura, al bastione della Madonna e alla settecentesca polveriera, Porta Giulia nobilita gli obliati frammenti dell’antica fortezza di Porto e, affiancata dall’esteso Parco monumentale Andreas Hofer, è oggi cuore civico del quartiere di Cittadella.
Inaugurato il 19 febbraio 2020, lo spazio culturale Andreas Hofer Mantova Mito Memoria con una meticolosa e ampia ricognizione delle fonti documentarie e iconografiche, con i cimeli e la preziosa collezione di Martin Reiter illumina la figura di Andreas Hofer, uomo, personaggio storico e mito, attraverso un percorso fisico e culturale del contesto mantovano in cui si consumarono gli ultimi giorni dell’eroe tirolese, e attraverso le nuove interpretazioni storiche, politiche e culturali che hanno trasformato Hofer in un simbolo di dialogo tra i popoli, incontro pacifico, arricchimento di conoscenza nella comune casa europea.
Il moderno allestimento museografico permette un inedito itinerario tra Memoria e Mito che oggi si affianca a un più ampio percorso hoferiano, che parte dal tessuto storico del quartiere di Cittadella, caratterizzato dalla Strada Montata, antico ingresso alla città (attraversato dallo stesso Hofer al suo arrivo in Mantova) che dall’esistente ponte levatoio conduce all'antica Porta Giulia. La porzione urbana di Cittadella, alle porte della città, ritrova ideale relazione con il centro cittadino nel neoclassico palazzo d’Arco, luogo del processo ad Andreas Hofer, oggi sede di un museo, e con piazza Sordello, cuore della città storica, luogo delle celebrazioni dell’eroe tirolese, che cadono ogni anno il 20 febbraio, nell'anniversario della sua morte.
hofer2Il progetto museale, promosso dall’Associazione Porta Giulia-Hofer, è nato in particolare in collaborazione con l’Archivio di Stato di Mantova, l’Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, l’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea, il Museo e Fondazione Palazzo d’Arco, il Parco Regionale del Mincio e la Società per il Palazzo Ducale, con il sostegno e il contributo del Comune di Mantova, di GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino e della Fondazione Comunità Mantovana.
Lo spazio culturale Andreas Hofer Mantova Mito Memoria è anche importante info point turistico a beneficio dei turisti provenienti dalle direttrici settentrionali e dal lago di Garda, ma soprattutto diventa crocevia e punto di partenza per percorsi turistici ciclabili e/o escursionistici, che collegano la zona periurbana al centro storico cittadino o alle più importanti ciclovie europee.

hofer2Dal 18 maggio 2020, in seguito all’emergenza COVID-19, per l’accesso è richiesta la prenotazione tramite il sito ufficiale: www.andreashofermantova.it 

Informazioni
Andreas Hofer Mantova Mito Memoria
Spazio culturale – Info Point turistico
Piazza Porta Giulia, 8
46100 Mantova

tel. 0376 220016
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sito ufficiale: www.andreashofermantova.it 

 

Orario di apertura
febbraio-maggio: sabato 15.00-17.00; domenica 10.00-12.00 e 15.00-17.00

giugno-ottobre: sabato 16.00-18.00; domenica 10.00-12.00 e 16.00-18.00

da lunedì a venerdì su prenotazione; ulteriori aperture su prenotazione

 

Ingresso e modalità di visita
La visita si svolge liberamente durante gli orari di apertura
I visitatori potranno essere anche accompagnati da guide abilitate esperte del territorio (Guide GAM)
Le visite su prenotazione e/o guidate possono essere richieste telefonando alla Segreteria (tel. 0376 220016) o via mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il biglietto d’ingresso consente uno sconto sulla visita del Museo di Palazzo d’Arco

 

Sabato, 30 Maggio 2020 11:33
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Il logo di MantovarchitetturaHa preso il via la settima edizione di Mantovarchitettura, con una nuova modalità, senza la presenza del pubblico e dei relatori nei luoghi più belli della città, ma attraverso collegamenti on line. Le lezioni in streaming sono rivolte a un vasto pubblico anche di non addetti ai lavori. Il Politecnico di Milano e il Polo territoriale di Mantova, pur nelle oggettive difficoltà del momento dovute all'emergenza coronavirus, sono riusciti a organizzare un programma con un'ampia partecipazione di architetti che arrivano da molte parti del mondo.

La rassegna, che gode anche del patrocinio del Comune di Mantova, prosegue fino al 12 giugno con ventisei conferenze e con ospiti italiani e internazionali.

Vai al sito per leggere il programma e altre informazioni.

Giovedì, 28 Maggio 2020 18:14
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

MascherineIl sindaco Mattia Palazzi lo aveva promesso e in queste settimane si è mobilitato per reperire mascherine chirurgiche in quantità sufficiente per una nuova fornitura ai cittadini mantovani. Da giovedì 28 maggio e per tutto il fine settimana, il Comune, il sindaco e la Giunta al completo, insieme associazioni di protezione civile e numerose altre associazioni che svolgono attività di volontariato, distribuiranno a tutti i cittadini mantovani un secondo kit di mascherine.

Ogni kit conterrà due mascherine chirurgiche certificate e un cartoncino con le istruzioni per l’uso. Come per la prima distribuzione anche questa vedrà recapitare casa per casa un totale di 100 mila mascherine chirurgiche suddivise in 50 mila kit.

“Grazie ai volontari – ha detto il sindaco Palazzi – che ci aiutano anche questa volta a distribuire casa per casa due mascherine per residente. La solidarietà è un valore straordinario della nostra città”.

La distribuzione, coordinata dal Comune, avverrà per zone secondo un calendario che prevede la consegna a partire iniziando dal centro storico per proseguire poi in tutti i quartieri. ‬‬

Ecco il cronoprogramma indicativo di maggio:

Giovedì 28 e venerdì 29: centro storico, Borgo Angeli, Belfiore, Te Brunetti, Due Pini, Pompilio, Cittadella, Gambarara. ‪‬

‪Venerdì 29: Valletta Valsecchi, Fiera Catena, Ponte Rosso, Colle Aperto, Trincerone.‬‬

Sabato 30: Valletta Paiolo, Castelletto Borgo, Formigosa, Valdaro, zona Industriale, Montata Carra, Rabin.

La prossima settimana, a partire da lunedì 1° giugno, sarà la volta di Frassino, Lunetta, Virgiliana, Boccabusa, Castiona, Borgochiesanuova.

Giovedì, 28 Maggio 2020 11:34
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

apartments 924786 640Il Comune di Mantova organizza un nuovo evento di comunicazione e formazione sul tema della riqualificazione energetica degli edifici nell’ambito delle attività del progetto europeo “Innovate” di cui è partner.

Martedì, 26 Maggio 2020 12:43
Pubblicato in Eventi Innovate
Leggi tutto...

apartments 924786 640Il Comune di Mantova organizza un nuovo evento di comunicazione e formazione sul tema della riqualificazione energetica degli edifici nell’ambito delle attività del progetto europeo “Innovate” di cui è partner.

L’evento, rivolto a professionisti, tecnici, amministratori comunali, funzionari pubblici, imprese e cittadini, è l’occasione per approfondire il tema dell’efficientamento energetico in un momento in cui i lavori di riqualificazione energetica, già agevolati da Ecobonus, diventano ancora più convenienti con il Decreto Rilancio. Dal 1° luglio 2020, infatti, questi interventi godranno del Super Ecobonus del 110 %, bonus che potrà essere utilizzato come detrazione fiscale in 5 anni oppure con cessione del credito all’impresa che ha realizzato i lavori o ad altri intermediari finanziari. Il webinar sarà l’occasione per approfondire queste nuove agevolazioni.

Verranno inoltre illustrate le politiche di rinnovamento dei condomini in Europa e i buoni esempi di progetti realizzati, nonché i meccanismi per garantire la qualità nei progetti di efficienza energetica.

Tra i relatori si segnala Davide Sabbadin, responsabile delle politiche per il clima e l’economia circolare dell’Ufficio Europeo dell’Ambiente, la principale federazione ambientalista europea, nel campo dell’efficienza energetica, decarbonizzazione dell’industria e dei consumi domestici a Bruxelles, Paolo Michele Sonvilla di Creara Energy Experts, società di consulenza ambientale di Madrid e Chiara Wolter di Ambiente Italia. Interverranno anche rappresentanti di ENEA e della Città Metropolitana di Milano per illustrare i progetti congiunti di ENEA e CM Milano per il sostegno ai cittadini nella trasformazione energetica dei condomini.

Per i partecipanti iscritti all’Ordine degli Architetti e PPC, all’Ordine dei Periti Industriali, al Collegio dei Geometri e G.L. verranno riconosciuti 2 crediti formativi.

Per la partecipazione è necessario iscriversi inviando un’email entro il 3 giugno 2020 agli indirizzi riportati nella locandina dell’evento.

Martedì, 26 Maggio 2020 11:14
Pubblicato in News Innovate
Leggi tutto...

Il sindaco di Mantova Mattia Palazzi, lunedì 25 maggio, ha ricevuto Giovanni Scutteri manager di Ni Hao Mantova, per ringraziare l’azienda a nome dell’Amministrazione per aver donato 26.000 mascherine alla città. Un dono prezioso che permetterà, insieme a quelle già raccolte dal Comune, di effettuare una nuova distribuzione gratuita ai cittadini mantovani.

 

Martedì, 26 Maggio 2020 09:45
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

E’ partito lunedì 25 maggio il primo ciclo di interventi di disinfestazione contro le zanzare voluto dal Comune di Mantova nelle aree verdi pubbliche, a cura del Servizio Verde di Mantova Ambiente.

Il calendario
- Lunedì 25 maggio: Bosco Virgiliano, Fiera Catena, Zona Te, Te Brunetti, Valletta Valsecchi
- Martedì 26 maggio: Cittadella, Colle Aperto, Mantova Nord, Virgiliana, Gambarara, Castelletto Borgo, Lunetta Frassino, Formigosa
- Mercoledì 27 maggio: Centro città (lungolaghi Mincio e Gonzaga), Fiera Catena, Valdaro
- Giovedì 28 maggio: Borgo Pompilio, Belfiore, Borgo Angeli, Borgo Chiesanuova, Dosso del Corso, Due Pini
- Venerdì 29 maggio: Centro città (giardini e viali alberati), Lago Paiolo, Valletta Paiolo

In distribuzione gratuita il larvicida, presso:
- il Club delle Tre Età in via Indipendenza 2, tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 11.30 e dalle 14.30 alle 18.
- lo Sportello Tea, in vicolo Stretto 12 il lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8 alle 13.45, mercoledì dalle 14 alle 18:30, sabato dalle ore 8 alle 12.45.

I cittadini dovranno presentarsi con un documento che attesti la residenza a Mantova.

Martedì, 26 Maggio 2020 09:41
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Dopo quasi due mesi di chiusura, lunedì 25 maggio, è stato riaperto il portone del Comune di Mantova in via Roma 39. La sede comunale, chiusa dal 23 marzo scorso a causa della situazione emergenziale Covid-19, è tornata ad essere accessibile al pubblico anche se su appuntamento e con particolari soluzioni organizzative per la sicurezza dei lavoratori e dei fruitori stessi. Anche la maggior parte dei dipendenti degli uffici dell’Ente sono tornati alle loro postazioni, ma anche in questo caso con particolari misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro. Per alcuni, invece, continua per ora il lavoro di smart working o la turnazione tra colleghi. Tutto il personale è stato informato delle misure di prevenzione adottate, indicate tramite apposite informative pubblicate sulla rete intranet dell’Ente o sul sito Internet.

All’ingresso di tutte le sedi di lavoro nonché ai vari piani degli edifici sono apposti cartelli informativi destinati al personale dipendente, agli utenti ed ai soggetti esterni che per ragioni di lavoro devono entrare negli uffici (ad esempio, dipendenti delle imprese che devono consegnare o ritirare merce, o che devono eseguire interventi di manutenzione di attrezzature presenti negli uffici, quali le macchine fotocopiatrici o gli ascensori, ecc.). Tali cartelli riportano in maniera sintetica ed efficace le regole di sicurezza da adottare per prevenire la diffusione del virus.

All’ingresso delle sedi comunali, quindi, sono allestite apposite postazioni con cartelli informativi per l'accesso, per l’utilizzo dei Dpi, disposti dispenser di prodotti igienizzanti per le mani e cestini portarifiuti. Inoltre, il personale addetto, munito di appositi dispositivi di protezione, rileverà la temperatura con un termoscanner a tutti quelli che entreranno nelle sedi comunali, sia pubblico esterno che dipendenti, che non dovrà essere superiore a 37.5°, altrimenti sarà negato l’accesso. Per tutti gli utenti, i fornitori di beni e prestatori di servizi, è fatto obbligo prenotare appuntamento o di avvisare prima di entrare negli uffici comunali ed attendere le istruzioni del personale preposto. L’accesso a persone esterne, comunque, è contingentato allo stretto necessario e sarà subordinato al rispetto delle medesime regole previste per il personale dipendente (igienizzare le mani attraverso la soluzione idroalcolica disponibile agli ingressi, indossare la mascherina chirurgica) ed in particolare di mantenere la distanza interpersonale minima di 1 metro.

Si fa presente che sarà attuata la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica degli uffici, dei locali di ricevimento del pubblico, dei servizi igienici e delle altre aree di più frequente utilizzo (ingresso, timbratori, ecc.).

 

Lunedì, 25 Maggio 2020 18:20
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

italia nostraLa cultura non si ferma e Italia Nostra Mantova presenta sui propri canali social (Facebook, Instagram e Youtube) video e interviste dedicati a curiosità e storie della nostra città. Ti racconto una storia è un appuntamento settimanale domenicale che presenta racconti brevi e “interviste al telefono” con studiosi e storici dell’arte.

TI RACCONTO UNA STORIA. La peste di San Carlo a Mantova
di Daniela Sogliani
https://www.youtube.com/watch?v=TRk1ROtlHbI 
Comprendere il più possibile che cosa succede durante un’epidemia può aiutare a ridurre la mortalità in futuro. Anche la famiglia Gonzaga vive la tragica esperienza della pandemia, la più grave nel 1630 durante la guerra di successione del Monferrato. Prima di questa data ci fu la cosiddetta “peste di San Carlo” che colpì il territorio nazionale tra il 1576 e il 1577. Il contagio si verificò durante l’episcopato milanese di san Carlo Borromeo ed è citato nel capitolo XXXI de I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni per introdurre quello abbattutosi in Lombardia nel 1630. Diversi documenti dell’Archivio di Stato di Mantova presentano le misure di contenimento del contagio adottate e propongono “intrugli da bere” come possibili rimedi.

TI RACCONTO UNA STORIA. La misura del tempo
di Daniela Sogliani
https://www.youtube.com/watch?v=b8o2KXIYtv0 
Come misura l’uomo il suo tempo? Dopo la meridiana e la clessidra nasce l’orologio meccanico che non indica un tempo astronomico, né un tempo terreno ma astratto e intellettuale. La storia delle visioni del tempo e dei modi della sua misurazione è la storia degli orologi, molto amati dalla famiglia Gonzaga come si legge nei documenti dell’Archivio di Stato di Mantova. Isabella d’Este chiede un orologio con “lo resvegliatore” mentre suo figlio Federico II Gonzaga possiede disegni di Giulio Romano per orologi. Giocattoli bizzarri frutto dell’ingegno umano, gli orologi sono ospitati nei Gabinetti delle curiosità delle corti europee e anche nella celebre collezione gonzaghesca.

TI RACCONTO UNA STORIA. Il Museo digitale: la Loggia di Amore e Psiche nella Villa Farnesina a Roma
di Daniela Sogliani e Virginia Lapenta
https://www.youtube.com/watch?v=-o0UZ7oqdSU 
In occasione della Giornata Internazionale dei Musei, che si è tenuta il 18 maggio 2020, abbiamo dedicato una puntata alla Villa Farnesina a Roma con un’intervista telefonica a Virginia Lapenta, Conservatore della villa. Abbiamo chiesto a Virginia Lapenta di presentarci il progetto del sistema interattivo della Loggia di Amore e Psiche. Villa Farnesina ospita la sede di rappresentanza dell’Accademia Nazionale dei Lincei, che ha voluto il progetto e che ha reso disponibile on line uno dei tesori artistici più belli della Capitale. L’apposito web digitale, sviluppato in collaborazione con Eliana Siotto e Gianpaolo Palma del Visual Computing Lab ISTI‐CNR, consente all’utente di immergersi e navigare liberamente negli affreschi della Loggia dove sono state individuate 170 specie botaniche e 50 specie animali. I collegamenti con Mantova sono molteplici perché la Loggia fu affrescata da Raffaello e da Giulio Romano che ripropone, nella celebre sala di Psiche a Palazzo Te, lo stesso tema letterario.

 

fb: Italia Nostra Mantova

Martedì, 19 Maggio 2020 09:47
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

zavanellaIl centro Studi Leon Battista Alberti, a fianco dell’amministrazione del Comune di Mantova, si è occupato di dare alle stampe uno studio di Davide Allegri dedicato ai lavori dell’architetto mantovano Renzo Zavanella. La pubblicazione è il risultato dello studio organico e completo sulla figura di questo professionista, delle sue connessioni e dei suoi rapporti con gli altri Maestri dell’architettura moderna e con le avanguardie artistiche del Novecento, con particolare riferimento all’amicizia con Lucio Fontana. L’opera di Zavanella – attraverso i suoi intensi e duraturi rapporti con la grande impresa italiana, i capitani d’industria pionieri della moderna produzione – è inoltre strettamente connessa con la storia sociale, culturale ed economica della Lombardia tra le due guerre, fino al boom economico e al miracolo italiano degli anni Sessanta. 
Il progetto è sostenuto anche dal Politecnico di Milano e dal Ministero dei Beni Culturali.

Il volume indaga la multiforme e variegata produzione di Renzo Zavanella (1900-1988), architetto e designer mantovano che ha operato a Milano tra la fine degli anni Venti fino alla morte. Nel suo piccolo studio domestico (via Pancaldo prima e via Tiepolo poi) con la sola sorella Bice come unica e fedele collaboratrice Zavanella progetta visionari padiglioni fieristici, oggetti e mezzi di trasporto dal design straordinariamente innovativo, residenze, uffici, tombe (piccoli capolavori tra arte astratta e razionalismo purista realizzati con Lucio Fontana) intessendo, lungo una carriera professionale ultradecennale, rapporti con i maggiori protagonisti della cultura architettonica e artistica del Novecento italiano.

Renzo Zavanella costituisce un importante satellite di quella costellazione tipicamente lombarda e milanese che fa riferimento alla variegata galassia del professionismo colto, all’interno della quale si sono poi riscoperti, spesso con ritardo, progettisti di indubbio valore. Figura spuria che “non si è mai vista riconoscere il suo giusto posto nella storia dell’architettura contemporanea”, è stato però qualcosa di più e di diverso anche rispetto a questa definizione. Nato a Mantova allo scoccare del Secolo breve la sua vicenda, che si svolge quasi tutta a Milano, costituisce un capitolo sostanzialmente obliterato del grande romanzo dell’architettura del Novecento. Tra le due guerre collabora con Gio Ponti e Luciano Baldessari ed è “compagno di strada” di alcuni dei maggiori protagonisti della cultura architettonica e artistica italiana: più direttamente con Enrico Ciuti, Lucio Fontana (col quale realizzerà piccoli capolavori di architettura funeraria al Monumentale di Milano), Raffaello Giolli, Giulio Minoletti, Giuseppe Pagano, Edoardo Persico, Agnoldomenico Pica; più marginalmente Franco Albini, Ignazio Gardella, Giancarlo De Carlo, Carlo De Carli, Ernesto Nathan Rogers, Marco Zanuso. Nel secondo dopoguerra è, tra gli architetti, uno dei maggiori protagonisti del “miracolo economico” italiano, disegnando i nuovi spazi e gli oggetti simbolo della società del consumo di massa e concentrando la propria attività professionale su diversi fronti: dall’architettura espositiva (che sarà, per tutta la sua carriera, settore privilegiato di sperimentazione), al design di interni, dal nascente settore dell’industrial design (dove l’oggetto “di serie” sarà da lui concepito come “pezzo unico” dalla raffinata artigianalità del dettaglio, in un approccio sospeso tra Albini e Mollino), fino ad arrivare allo studio e alla realizzazione di prototipi da prodursi in serie per abitazioni-tipo e per gli edifici a servizio della meccanizzazione diffusa (stazioni di rifornimento, autogrill).

Giovedì, 21 Maggio 2020 08:53
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Parte la disinfestazione antizanzareIl Comune darà inizio lunedì 25 maggio alla disinfestazione delle zone verdi, ma un ruolo determinante nel contrasto alla proliferazione delle zanzare deve essere svolto dai cittadini. Per questo, abbiamo messo in distribuzione presso uffici comunali, biblioteche e scuole, volantini esplicativi su come evitare lo sviluppo di focolai di infestazione.

Inoltre, è in distribuzione gratuitamente un prodotto larvicida di ultima generazione per il controllo ecologico del ciclo vitale delle zanzare. Nei tombini e nelle caditoie, laddove non è possibile rimuovere i ristagni d’acqua, sarà possibile intervenire con questo larvicida eco-friendly che, formando un film sottile su tutta la superficie acquatica, impedisce alle larve e alle pupe di svilupparsi per un periodo di quattro settimane.

Cosa è utile fare
Per evitare la nascita e la proliferazione delle zanzare occorre evitare i ristagni d’acqua in bottiglie, barattoli, lattine, bicchieri, annaffiatoi, secchi e bacinelle, sottovasi, bidoni e vasche, teli di plastica che coprono cumuli di materiali, abbeveratoi per animali, grondaie otturate, pneumatici, anfore, rocce ornamentali. I bidoni e gli altri recipienti che non possono essere vuotati dovranno essere coperti da una zanzariera.
La zanzara comune (Culex pipiens molestus) e la zanzara tigre (Aedes albopictus) sono vettori di malattie anche gravi come West Nile, Dengue, Chikungunya, Zika e la filariosi per gli animali, è quindi indispensabile adottare misure che ne contrastino la proliferazione. Alle zanzare basta pochissima acqua per riprodursi, dalle uova si sviluppano larve che si trasformano in pupe, queste in poco tempo diventano individui adulti; questo processo dura dagli 8 ai 15 giorni a seconda della temperatura.

L’adulto di Zanzara Tigre non presenta particolare attitudine al volo, gli spostamenti delle femmine sono solitamente di qualche centinaio di metri dal focolaio di sviluppo delle larve. A volte, grazie all’azione del vento, possono andare anche più lontano, anche se mai oltre un chilometro dal luogo di origine.

Nei centri abitati l’infestazione di Aedes albopictus è associata, sul suolo pubblico, ai tombini e alle bocche di lupo per lo sgrondo dell’acqua piovana delle strade.

Dove si trova il larvicida

I cittadini potranno trovare il prodotto larvicida presso la sede del Club delle Tre Età, in via Indipendenza 2, e presso la sede della Tea Spa allo sportello di distribuzione dei sacchetti, in vicolo Stretto 12.
Il Club delle Tre Età è aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 11.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18, gli orari di apertura dello sportello Tea sono: lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle ore 8 alle ore 13.45, mercoledì dalle 14 alle 18:30, sabato dalle ore 8 alle 12.45. I cittadini dovranno presentarsi con un documento che attesti la residenza a Mantova.
Si ricorda che gli animali insettivori come rondini, rondoni, balestrucci e pipistrelli si nutrono ogni giorno di migliaia di insetti. Si tratta di specie in declino fortemente tutelate dalla legge. Distruggere i nidi o uccidere questi animali è un reato penale.

Mercoledì, 20 Maggio 2020 17:50
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Piazzale MontelungoE' stato siglato un accordo tra il Comune e le categorie per spostare temporaneamente il mercato del giovedì in zona Te così da garantire tutte le norme di sicurezza imposte da Governo e Regione. A questo propiosito è stato predisposto un servizio navette gratuito. Dopo un confronto con le categorie del commercio, Confesercenti e Confcommercio, il vicesindaco Giovanni Buvoli ha annunciato l’accordo raggiunto sullo spostamento temporaneo del mercato del giovedì in piazzale Montelungo, zona del Te, a partire da giovedì 21 maggio.

Lo spostamento si è reso necessario dalle stringenti disposizioni emanate dal Governo e dalla Regione Lombardia nell’ambito della Fase 2, prescrizioni considerate inapplicabili per la particolare e capillare disposizione del mercato nel nostro centro storico.

“E’ importante aver trovato questo accordo – ha detto il vicesindaco Giovanni Buvoli -. L’alternativa sarebbe stata rinviare la riapertura del mercato. Dal confronto con altri sindaci di capoluogo ho registrato la medesima impossibilità di dar luogo ai mercati nei centri storici, al punto che in altre città la scelta è stata di non riaprire. Noi abbiamo voluto riattivare subito, anche a costo di uno spostamento temporaneo, il nostro storico mercato, un punto di riferimento tradizionale per tutti i mantovani e non solo”.

Le disposizioni, infatti, prevedono misure che garantiscano il contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi, il mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale, accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita, ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. Oltre che naturalmente l’uso dei guanti "usa e getta" nelle attività di acquisto, in particolare per l’acquisto di alimenti e bevande, l’utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori che da parte dei clienti e sistemi di informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata come ad esempio il posizionamento all’accesso dei mercati di cartelli almeno in lingua italiana e inglese per informare la clientela sui corretti comportamenti.

L’Amministrazione ha predisposto un servizio di bus navetta gratuito che, per tutta la durata del mercato, permetterà di raggiungere piazzale Montelungo partendo da corso della Libertà e ritorno. Saranno utilizzati mezzi che potranno contenere, nel rispetto delle disposizioni, fino a 20 persone alla volta.

IL VIA LIBERA AI MERCATI ALL'APERTO

Sempre sul fronte dei mercati, il sindaco Mattia Palazzi martedì 19 maggio ha firmato l’ordinanza sui mercati che riporta un lungo l'elenco degli obblighi per garantire il distanziamenti. Via libera ai mercati all'aperto, anche quelli rionali, e agli ambulanti. Non c’è più la limitazione della vendita esclusiva dei generi alimentari. Gli ambulanti sono vincolati ad una serie di misure, a partire dal distanziamento interpersonale; dagli accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, dove possibile, i percorsi di entrata e di uscita; ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani, in particolare accanto ai sistemi di pagamento.

Inoltre, è obbligatorio l’impiego dei guanti usa e getta nelle attività di acquisto, particolarmente per alimenti e bevande; l’utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori sia dei clienti. Le informazioni sui comportamenti corretti da osservare sono evidenziati attraverso cartelli in lingua italiana e inglese posizionati all'accesso dei mercati. I titolari di posteggio dovranno provvedere alla pulizia e all'igienizzazione quotidiana delle attrezzature prima dell'avvio delle operazioni di vendita; rispettare il distanziamento interpersonale di almeno un metro dagli altri operatori anche nelle operazioni di carico e scarico. In caso di vendita di abbigliamento bisogna mettere a disposizione dei clienti guanti monouso, da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia la merce. Per i beni usati, igienizzare e sanificare i capi di abbigliamento e delle calzature prima che siano messi in vendita e specificare, attraverso cartelli, che si tratta di merce usata. E’ confermato il trasferimento del mercato cittadino del giovedì nell'area di piazzale Montelungo.

 

RIAPRONO I MUSEI E LE BIBLIOTECHE

Ecco tutte le modalità, le regole e le tempistiche per accessi e visite. Da lunedì 18 maggio riaprono al pubblico i Musei Civici di Palazzo Te e San Sebastiano con le seguenti modalità di fruizione.

Biglietti. L’accesso al museo di Palazzo Te è consentito per un numero massimo di 8 persone con ingresso ogni 20 minuti. Successivamente con lo steso titolo di accesso si potrà visitare Palazzo San Sebastiano e il Tempio di San Sebastiano.
La prenotazione è fortemente consigliata per una migliore gestione dei flussi di visita che avranno inizio sa Palazzo Te.

T + 39 0376 1979020 (lun-ven 8.30/19.00; sab 8.30/14.00)
www.vivaticket.it
I pagamenti si possono effettuare con carta di credito (Visa e MasterCard) fino 24 ore prima della visita, bonifico/vaglia a livello nazionale con pagamento 15 giorni prima della data di visita.
Diritto di prenotazione: € 1,50; € 0,50 (ridotto speciale).

L’accesso è consentito previa misurazione della temperatura del visitatore.

Intero € 12.

Ridotto € 9.
Ridotto speciale € 5.
Biglietto famiglia € 30.

Ingresso Palazzo Te
L’ingresso e il servizio di biglietteria sono trasferiti momentaneamente presso lo Spazio Te (viale Te 17).
I visitatori in attesa del turno di visita possono sostare presso lo Spazio Te, dove sono consultabili contenuti di approfondimenti multimediali sul palazzo, e nel Giardino dell’Esedra.
La visita sarà accompagnata dal personale museale per garantire il rispetto delle misure idonee per tutelare la salute dei visitatori e del personale stesso.

Variazione del percorso di visita
A Palazzo Te, l'accesso è allo Spazio Te, verso il Giardino dell’Esedra dove è possibile visitare la Grotta segreta. Attraverso la Loggia di Davide e il Cortile d’Onore, accesso alla Camera del Sole e della Luna dalla Logge delle Muse. Da qui il percorso prosegue invariato, e comprende la mostra multimediale “Giulio Romano Experience” allestita nell’Ala Napoleonica.
Rimangono chiuse al pubblico le Camere di Tiziano, di Ovidio e delle Imprese.

Palazzo San Sebastiano e il Tempio mantengono percorsi regolari ma sorvegliati.

Comportamenti da osservare. I visitatori devono essere muniti di dispositivi di protezioni individuale e mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro durante la visita al monumento.

Orario
Lunedì 13/19.30
Da martedì a domenica 9/19.30
L’accesso al museo e il servizio di biglietteria terminano un’ora prima dell’orario di chiusura.

Servizi
App gratuita: un’applicazione disponibile su Google Play e su App Store permette di scoprire, conoscere e restare sempre connessi con Palazzo Te.
Non è possibile usufruire degli ambienti dello Spazio Te come sala lettura e consultazione.

 Riaprono anche le biblioteche del Comune di Mantova.

La Biblioteca Mediateca Gino Baratta e la Biblioteca Comunale Teresiana hanno riattivato parte dei servizi al pubblico, in ottemperanza al DPCM 17/05/2020 e all’ordinanza di Regione Lombardia n. 547 del 17/05/2020.La Biblioteca Mediateca Gino Baratta è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18: gli utenti potranno recarvisi per restituire i volumi in prestito e prendere a prestito altri documenti.

Si consiglia di prenotare anticipatamente i materiali da prendere a prestito telefonando al numero 0376 352701.

Il punto di restituzione e/o prestito è stato predisposto nella sala emeroteca e sarà permesso l’accesso contingentato a 2 persone alla volta, nel rispetto del distanza minima interpersonale di almeno 2 metri.
Sono attualmente sospesi i servizio di consultazione, lettura in sala e di navigazione Internet.

Per ogni informazione si prega di contattare i recapiti indicati.
L’accesso alla Biblioteca Comunale Teresiana sarà consentito solo su prenotazione dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 scrivendo all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Sarà ammessa la consultazione di materiale antico e dei volumi moderni in sola consultazione. E’ inoltre attivo il prestito a domicilio.

L’accesso alla biblioteca, per ragioni di sicurezza, è garantito ad un numero massimo di 5 persone alla volta per periodi di consultazione di massimo 3 ore.
E’ obbligatorio l’accesso alle strutture con i dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherine), è inoltre prevista la misurazione della temperatura corporea (non saranno ammessi gli utenti con temperatura corporea rilevata a partire dai 37,5 °C e oltre).

Si ricorda che tutti i materiali restituiti vengono sottoposti a una quarantena di 10 giorni.

Le biblioteche di quartiere (Lunetta, Te Brunetti, Borgochiesanuova, Colle Aperto) avranno invece aperture diversificate: si prega di contattare le singole biblioteche per verificarne l’apertura e gli eventuali orari di accesso del pubblico.

 

PROSEGUE LA RIAPERTURA GRADUALE DEGLI UFFICI DEL COMUNE

Per gli utenti l’accesso sarà ancora tramite appuntamento.

In conseguenza del graduale allentamento delle misure di contenimento dell’emergenza introdotte dal Governo e della graduale ripresa, il Comune prosegue la progressiva ripresa delle attività in presenza per il personale dei diversi servizi e uffici.

L’accesso del pubblico alle sedi comunali, sarà ancora su appuntamento.
Per garantire la sicurezza di dipendenti e utenti in questa Fase 2 dell’emergenza Covid 19, in ottemperanze alle ordinanze regionali n. 546 del 13.05/2020 e n. 547 del 17.05.2020, sarà necessario, per consentire l'ingresso agli uffici, il controllo della temperatura corporea che non dovrà essere superiore ai 37,5°C.

Dovrà inoltre essere indossata la mascherina a protezione delle vie respiratorie.

In caso di temperatura corporea superiore ai 37,5°C e/o in assenza di mascherina, non sarà consentito l'accesso agli uffici comunali ai dipendenti e agli utenti.

Mercoledì, 20 Maggio 2020 17:06
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Palazzo Te   Loggia di Davide

Continua il progetto digitale #sempreconTE, ideato da Fondazione Palazzo Te, per condividere con il pubblico contenuti di approfondimento, lezioni, letture, podcast, musica e materiali di archivio video e audio. Nato come risposta alle gravi difficoltà degli ultimi mesi, il progetto guarda al futuro e offre un contributo concreto attraverso la cultura e la pratica artistica. Utilizzando il lavoro di progettazione e ricerca condotto negli ultimi anni e quello attualmente in corso, Fondazione Palazzo Te ha elaborato 6 percorsi tematici sulla storia del Palazzo, dei Gonzaga e sui contenuti delle attività degli ultimi anni.
In queste settimane, le produzioni si concentreranno su tre nuove serie:
la prima “Gli Dei della volta dei Giganti”, della collana #ilMitoèParolaViva, prende ispirazione dalla volta della stanza dei Giganti di Palazzo Te per raccontare le storie e le vite degli dei, abitanti del monte Olimpo.
La seconda e la terza serie appartengono entrambe al percorso #PalazzoTEeiGonzaga, con i racconti e i segreti di una delle principali corti del rinascimento italiano. Nella prima, “Giulio Romano visto dagli altri”, a cura di Guido Rebecchini, scopriamo come l’artista è stato descritto o rappresentato dal cinquecento al novecento dai brillanti sguardi di Pietro Aretino, Vasari, Tiziano, Heinrich Wölfflin, Bernard Berenson e Ernst Gombrich.
La terza serie, “Giulio Romano: documenti e testimonianze”, a cura di Daniela Ferrari, indaga il felice connubio tra l’artista e il committente Federico II Gonzaga, svelando aspetti della vita di Giulio legati non soltanto alla sua produzione artistica e architettonica.
Questi nuovi contenuti, insieme agli oltre 40 già pubblicati sui canali social della Fondazione, sono raccolti nella nuova sezione Mnemosyne del sito www.fondazionepalazzote.it , un luogo dedicato alla memoria e alla creazione, un prezioso canale per restituire al pubblico l’attività di progettazione della Fondazione.
Il progetto social #sempreconTE e la nuova sezione web Mnemosyne di Fondazione Palazzo Te  propongono un modo nuovo di custodire il rapporto con la città, attraverso parole e immagini che possono accorciare le distanze, rompere la lontananza e mantenere vicini.

 

Mnemosyne: la nuova sezione del sito di Fondazione Palazzo Te
Una raccolta di contenuti sull’arte e la cultura accessibili a tutti

I contenuti social proposti da Fondazione Palazzo Te, ideati per il progetto #sempreconTE per offrire un contributo concreto attraverso la cultura, sono raccolti e disponibili online nella nuova sezione Mnemosyne del sito www.fondazionepalazzote.it : in allegato è scaricabile il Comunicato stampa 

 

I PERCORSI TEMATICI

Palazzo Te e i Gonzaga: negli anni del suo splendore, la famiglia mantovana è stata una delle più importanti e machiavelliche corti del Rinascimento. In questa pagina sono proposti racconti e segreti della vita a corte, approfondimenti su Giulio Romano e sul palazzo.

Spazio Te: si riconferma anche digitalmente uno spazio di condivisione, di ricerca e di rilancio del fare arte, un luogo in cui le capacità creative della città trovano legittimazione. Qui sono disponibili contributi musicali, produzioni teatrali e performance di artisti che si sono esibiti a Palazzo Te e allo Spazio Te.

Scuola di Palazzo Te: è stata creata nel 2018 con il progetto di accrescere le capacità di azione, di pensiero e di sviluppo nel campo della produzione cultura. In questa pagina sono proposte interviste agli artisti che sono intervenuti come docenti, testimonianze dei percorsi formativi e approfondimenti sui temi affrontati durante le lezioni a Palazzo Te.

Il mito è parola viva: Palazzo Te, nel Cinquecento, è stato pensato e realizzato come luogo di rappresentazione e di ospitalità, segreto e pubblico nello stesso tempo. Le Metamorfosi di Ovidio e molti altri miti della tradizione greca rivivono nelle sale del museo con narrazioni che rilanciano il mistero della distanza del divino e della sua prossimità. In questa pagina sono disponibili i video-racconti di famosi miti come Amore e Psiche nell’omonima sala, La Caduta di Fetonte nella camera delle Aquile, Aci e Galatea nella sala di Amore e Psiche, Orfeo ed Euridice nella sala di Ovidio.

Trilogia sul femminile: l’Annunciazione e la trascendenza, la rappresentazione erotica e del desiderio, e il mito di Venere sono le componenti di un programma espositivo dedicato all’esplorazione del femminile nei suoi diversi aspetti. L’Annunciazione è stato il primo capitolo, con la mostra “Tiziano/Gerhard Richter. Il Cielo sulla Terra”; “Giulio Romano. Arte e desiderio” è stato il secondo passo, in cui si è esplorato il riflesso della donna nello sguardo maschile; Venere sarà il terzo capitolo, che aprirà una ricerca sull’origine della figura di Venere e sulla permanenza della “forma” del suo mito nell’arte rinascimentale. Nella pagina sono condivisi pensieri, conferenze, immagini sul mito e sulla realtà del femminile.

Arte e follia: sono proposte riflessioni sul rapporto tra arte, marginalità, follia e cura, a partire dall’esperienza della mostra su Carlo Zinelli, che ha offerto l’occasione di esplorare la frontiera tra la pratica artistica e la pratica psicoterapeutica.

Info: www.fondazionepalazzote.it 

Mercoledì, 20 Maggio 2020 10:56
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

libriaperti

Da lunedì 18 maggio 2020, le Biblioteche Baratta e Teresiana riaprono le proprie porte agli utenti.
La Biblioteca Baratta sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00: l’accesso sarà consentito solo per la restituzione e/o prestito del materiale (libri e dvd). Per evitare tempi di attesa, è consigliata la prenotazione del materiale che si intende prendere a prestito: per prenotare, è possibile mandare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure telefonare allo 0376-352701.


La Biblioteca Teresiana sarà aperta dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00: l’accesso sarà garantito massimo a 5 persone per volta a turni di 3 ore ciascuno solo su prenotazione per i servizi di prestito e consultazione del solo materiale della biblioteca.


Per prenotare, è possibile inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure telefonare allo 0376-338450 / 338460.
Maggiori informazioni sui siti delle biblioteche e sulle loro pagine social.

Lunedì, 18 Maggio 2020 10:56
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

miocinemaLa multisala Ariston va online e regala un biglietto per tornare al cinema
Da lunedì 18 maggio andrà online la nuova piattaforma digitale della multisala Ariston, MioCinema.it, progetto nato da un’idea della casa di distribuzione Lucky Red, assieme a Circuito Cinema e My Movies: è la prima piattaforma di cinema d’autore in Italia, che mette al centro la sala cinematografica e il suo pubblico, non ponendosi come antagonista ai cinema, ma come servizio complementare. Non un servizio streaming come gli altri quindi, qualsiasi attività che verrà svolta al suo interno sarà collegata all’Ariston, permettendogli di continuare ad esistere in questo momento di difficoltà e di raggiungere comunque i suoi spettatori. La stessa piattaforma diventerà poi un supporto alla normale programmazione quando il cinema potrà riaprire, creando una ​dinamica costante con il pubblico e integrando l’offerta in sala con quella domestica. In questo modo sarà possibile visionare i film che non trovano normalmente spazio al cinema, ​ma gli spettatori potranno anche assistere ad ​eventi esclusivi come anteprime, masterclass e incontri con i talent, avere informazioni aggiornate su tutte le uscite, retrospettive e avvenimenti significativi in ambito nazionale e internazionale.
Al momento dell’iscrizione alla piattaforma, totalmente gratuita e senza abbonamenti, verrà chiesto di scegliere il cinema di riferimento e per Mantova bisognerà indicare come cinema di riferimento la multisala Ariston: in questo modo sarà possibile usufruire di tutte le promozioni legate alla successiva riapertura del cinema, dato che gli eventuali film noleggiati all’interno della piattaforma sarà come se venissero scelti all’interno dell’Ariston stesso. Si comincia con il lancio de I Miserabili di Ladj Ly, Premio della giuria al Festival di Cannes 2019, Miglior film francese ai Premi Cesar 2020 e candidato agli Oscar 2020 come Miglior film straniero, il cui noleggio farà ricevere allo spettatore un biglietto omaggio da poter utilizzare le prime due settimane di riapertura dell’Ariston.
Tra le prime visioni (che saranno in esclusiva, non potranno essere trovate su altre piattaforme), seguiranno I miserabili il film Dopo il matrimonio, con Michelle Williams e Julianne Moore (30 maggio); Il meglio deve ancora venire, con Fabrice Luchini e Patrick Bruel (13 giugno); Matthias & Maxime, l’ultimo film di Xavier Dolan (27 giugno).

Gli spettatori potranno contemporaneamente accedere a una library altamente selezionata di film di qualità, provenienti da festival, apprezzati dalla critica, vincitori di premi e di grande interesse per il pubblico appassionato, da ​vedere o rivedere (anche in modalità condivisa) ​in italiano o in lingua originale.
Il noleggio dei film è valido per 30 giorni e dal primo play ci saranno 48 ore per vederlo. Il prezzo del biglietto delle prime visioni sarà di circa 7€; per i titoli in catalogo varierà tra i 2,99€ e 3,99€.

Mercoledì, 13 Maggio 2020 14:50
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Dopo la firma dell’accordo per la sburocratizzazione tra Comune di Mantova, Ordini Professionali e Associazioni di Categoria, dall’11 maggio 2020 al via la realizzazione dei primi punti dell’intesa. Con le videochiamate gli utenti risparmieranno tempo e avranno un servizio di assistenza più efficiente e tempestivo.

Il Piano Mantova, finalizzato al rilancio della città dopo il blocco dovuto all’emergenza Covid-19, ha visto la realizzazione di due accordi strategici. Il primo per snellire e velocizzare la burocrazia a favore di imprese e professionisti, il secondo dedicato al sostegno delle attività del commercio e artigianato, del turismo, degli studi professionali e più in generale di tutte le attività costrette alla temporanea chiusura a causa dell’emergenza, un accordo che agisce in particolare sulla esenzione, riduzione e dilazione di tasse, tariffe e tributi come Imu e Tasi, Tari e Cosap e che rappresenta complessivamente un costo da parte del Comune di circa 1 milione e 700 mila euro. Per quanto riguarda questi ultimi interventi le attività interessate godranno immediatamente dei benefici, mentre i passaggi amministrativi seguiranno gli iter necessari. Ad esempio rispetto alla Tari beneficeranno da subito dell’esenzione del pagamento di tre mesi e verrà loro comunicata la dilazione di 18 mesi della quota restante. Così per la Cosap e l’Imu, provvedimenti che passeranno prossimamente in Giunta per poi andare in Commissione e Consiglio Comunale.

Per quanto riguarda l’alleanza per la sburocratizzazione tra Comune, Ordini Professionali e Associazioni di Categoria, a distanza di pochi giorni dalla firma i punti definiti nell’accordo iniziano a tradursi in azioni concrete.
Da lunedì 11 maggio infatti riprenderanno gli appuntamenti con i tecnici dello Sportello Unico dedicati a imprese e i cittadini, all’insegna della velocità, del risparmio di tempo e della comodità.
Si tratta di un servizio di assistenza diretta e personalizzata che, in virtù dell’accordo, sarà raddoppiato rispetto al periodo precedente all’emergenza pandemica. Più appuntamenti dunque e più velocità nell’ottenere risposte e indicazioni operative.

Il tutto naturalmente nel rispetto delle disposizioni che impongono il distanziamento sociale. Gli appuntamenti infatti potranno essere svolti telefonicamente, oppure in videochiamata, mediante la piattaforma TEAMS. Ciò consentirà di condividere video, documenti, planimetrie, e tutto il materiale necessario per la pratica, rendendo così lo scambio di informazioni più efficiente e tempestivo.

 “Il Piano Mantova si fonda su due pilastri - ha sottolineato il vicesindaco Giovanni Buvoli -. Il primo agisce direttamente sul piano economico con l’alleggerimento per le attività delle tasse e lo slittamento dei pagamenti all’anno prossimo. Il secondo riguarda la semplificazione burocratica che permette di accelerare e alleggerire i passaggi burocratici per qualsiasi pratica inerente l’avvio o l’ampliamento delle attività economiche. Come Amministrazione mettiamo a disposizione nuove risorse economiche e umane, per permettere a imprese, professionisti e cittadini di comunicare in modo più tempestivo ed efficiente con lo Sportello Unico. In un momento come questo velocità e rapidità nell’individuare la soluzione ai problemi è fondamentale per il futuro delle nostre attività economiche”.

“Le misure adottate per dimezzare i tempi delle procedure comunali e offrire una migliore assistenza a cittadini e professionisti - ha detto l'assessore Andrea Murari - nascono come risposta all’emergenza ma resteranno anche dopo, come risposta strutturale alla richiesta di semplificazione per chi vuole investire a Mantova”.

Come prenotare un appuntamento

L’appuntamento potrà essere richiesto dalla pagina dedicata del sito al link http://urbis.asimantova.it:8888/urp/ oppure inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., sarà inoltre possibile anche telefonicamente chiamando il numero 0376/3456 dove i nostri operatori risponderanno dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.00.

Nella richiesta dovrà essere precisato:
- l’oggetto dell’appuntamento (ad es: numero pratica, dati catastali dell’immobile, materia del quesito, etc.);
- l’indicazione della preferenza tra appuntamento telefonico e videochiamata;
- il numero telefonico e l’indirizzo mail.

Chi richiede la videochiamata deve essere in possesso di smartphone o tablet, oppure pc con videocamera e microfono.
L’Utente riceverà una mail con un link per accedere alla videochiamata.
All’ora dell’appuntamento, l’utente dovrà cliccare sul link, il tecnico del Comune procederà a farlo entrare nella chat dedicata a lui.
TEAMS è una tra le più utilizzate e avanzate piattaforme di videocall e può essere utilizzata scaricando l’app (disponibile sia per PC che per smartphone iOS e ANDROID), oppure in versione web senza scaricare l’applicazione.

Lunedì, 11 Maggio 2020 15:59
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Virgilio in cattedraVirgilio in cattedra al Palazzo San Sebastiano di Mantova #museichiusimuseiaperti

Il Museo della Città ha riaperto e vi aspetta a Palazzo San Sebastiano in questi giorni di primavera riscoprire dal vivo le sue collezioni. Lo stesso biglietto è valido anche per Palazzo Te.
Venerdì 29 maggio, uno dei nostri appuntamenti sul web sarà dedicato all’opera più simbolica per i mantovani: il Virgilio in cattedra conservato proprio in San Sebastiano con Monica Benini, coordinatore biblioteca museale.
Questa meravigliosa scultura medievale policroma era un tempo posta sull’arengario di Palazzo della Ragione a Mantova e molti studiosi concordano nel considerarlo il simbolo stesso della città. Virgilio, il più alto esponente della poesia latina, è il nume tutelare di Mantova, sua città natale, come indirettamente dimostrato anche dalla fitta presenza di questa stessa effigie nella monetazione comunale del XIV secolo.
Video: https://clikka.net/Kg0Pu 


Sarà possibile vedere i particolari dell’opera e approfondirne la storia accedendo online ai canali istituzionali dei musei civici: www.palazzote.it  , Facebook,/Instagram (palazzotemuseicivicimn) e su youtube (Musei Civici Mantova).

L’iniziativa che stiamo facendo sui canali digitali in questo difficile momento non ha lo scopo di sostituire in alcun modo l’esperienza della visita “reale”.
Desideriamo tenere viva l’attenzione e stimolare la curiosità con nuovi spunti che portino le persone a riscoprire le opere nel loro contesto anche con l’aiuto indispensabile dei professionisti che da sempre si occupano di accompagnare nelle visite il pubblico e di rendere, con la loro professionalità, i nostri Musei Civici un luogo di condivisone che rappresenta il senso del Museo. Pertanto viviamo lo stesso senso di disagio di tutti coloro che confidano e sollecitato l’apertura dei Musei.
Siamo al lavoro per rendere possibile quel giorno garantendo la massima sicurezza che sarà, insieme all’immutata bellezza dei Palazzi e delle opere, l’unica garanzia per l’attrattività.

 

QUESTI I VIDEO GIA' DISPONIBILI


"Il Gatto", collezione egizia Palazzo Te con il Direttore dei Musei civici, Veronica Ghizzi
https://clikka.net/rsNPN  

"Al Caffè" di Federico Zandomeneghi con il Conservatore dei Musei civici, Roberta Piccinelli
https://clikka.net/MXQKl 

I Vasi Canopi della Collezione Egizia di Palazzo Te con il Direttore dei Musei civici, Veronica Ghizzi
https://clikka.net/lwgfV 

"Il mattino" e "Bambina tra i fiori" di Armando Spadini con il Conservatore dei Musei civici, Roberta Piccinelli
https://clikka.net/bcGsu  

Il busto di Francesco II Gonzaga di Palazzo San Sebastiano con il Conservatore dei Musei civici, Roberta Piccinelli
https://clikka.net/YS6Fq 

Il Cupido dormiente di Palazzo San Sebastiano con il Direttore dei Musei civici, Veronica Ghizzi
https://clikka.net/eZrbk 

Rappresentazione di Roma, dipinto su tela, con Antonella Cancellara, coordinatore attività didattica
Video: https://bit.ly/2TwvEb7 


PER I PIU' PICCOLI

Segnalibro in geroglifico
https://clikka.net/6YM1v


Costruiamo insieme la croce egizia!
https://clikka.net/OSz2D 

Mercoledì, 27 Maggio 2020 09:12
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

LocandinaLa Biblioteca Mediateca Gino Baratta attiva da giovedì 7 maggio, e per tutto il mese di maggio, un nuovo progetto, “A scuola di Biblioteca”, per supportare le attività di didattica dei docenti delle scuole primarie e delle scuole medie (o secondarie di primo grado) del Comune di Mantova: agli insegnanti dei vari istituti verranno proposti momenti di formazione, approfondimento e collaborazione sulla promozione della lettura e sulle attività già in essere della Biblioteca.

“Il progetto nasce dalla volontà di fornire un sostegno agli insegnanti – ha detto l’assessore alla Pubblica Istruzione Marianna Pavesi - in una fase di profondo cambiamento delle modalità didattiche, in cui svolge un ruolo fondamentale l’utilizzo delle piattaforme digitali, e consente al contempo di sfruttare queste risorse per una trasmissione innovativa dei contenuti”.

“Le biblioteche - ha aggiunto l’assessore alle Biblioteche Paola Nobis - contribuiscono pertanto a fornire suggerimenti per il coinvolgimento dei bambini e dei ragazzi nella lettura. Partendo da questo presupposto hanno sostenuto il progetto elaborato dalla biblioteca”.

Le scuole primarie saranno coinvolte nel progetto #perfareunlibro, la campagna social in cui i bambini, singoli o come classe, sono invitati a creare un proprio libro, grazie ai consigli che settimanalmente vengono forniti loro, e che verranno poi esposti in mostra al Baratta. Verrà predisposta anche una selezione di libri da leggere ad alta voce e creato un percorso di conoscenza della letteratura contemporanea.

Per le scuole medie gli insegnanti si confronteranno con da Simonetta Bitasi nell’ambito dell’iniziativa ‘Prof. mi leggi una storia?’ per conoscere libri, letture e nuove idee di promozione alla lettura.
Infine, per entrambi i livelli di studio, verrà proposto un approfondimento sui servizi e sulle collezioni della Biblioteca e per le varie fasce di età verranno presentate una serie di bibliografie, anche tematiche, utilizzabili come proposte di lettura estiva.

Il corso si svolgerà in videoconferenza. I docenti interessati a partecipare sono invitati ad iscriversi compilando il modulo che si trova a questo link.

Mercoledì, 06 Maggio 2020 12:49
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

La cerimonia nel giardino Pasolini di Palazzo SoardiE’ stato celebrato lunedì 4 maggio nel cortile verde di Palazzo Soardi, in via Frattini 60, il primo matrimonio civile a Mantova da quando è scoppiata l’emergenza sanitaria. A dire i fatidici sì davanti al vice sindaco Giovanni Buvoli, nel primo giorno della fase 2 di coronavirus, sono stati Sylvia Bernardelli e Francesco Francesco Ponzoni, tutti rigorosamente con la mascherina, compresi i due testimoni. Nel rispetto delle disposizioni, il pubblico non poteva partecipare al rito. I due coniugi hanno dovuto rinviare di un mese la loro volontà di unirsi in matrimonio, e finalmente lunedì, dopo il secondo tentativo andato a vuoto, ci sono riusciti.

Prima della celebrazione e delle firme nel giardino intitolato a Mauro Pasolini, Buvoli si è congratulato ed ha letto due poesie dedicate all’amore e ai valori umani, da preservare anche nella vita quotidiana. “E’ un momento di speranza e di felicità, il segno positivo che nella fase 2 ci stiamo avviando verso una vita pseudo normale – ha commentato Buvoli -. Dobbiamo far sì che tutto quello che abbiamo fatto fino ad ora non sia vano e proseguire con grande cautela. In questa fase anche gli atti quotidiani sono importanti”. Al termine la cerimonia si è chiusa con un applauso e gli auguri di un felice matrimonio.

Martedì, 05 Maggio 2020 11:54
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

LogoSono state decise ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19 con l’ordinanza regionale di domenica 3 maggio che interviene ancora in materia di igiene e sanità pubblica.

 

Lunedì, 04 Maggio 2020 11:27
Pubblicato in Governo
Leggi tutto...

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version