Switch to desktop

I giardini inediti, presentata la seconda edizione di Interno Verde In evidenza

La presentazione della seconda edizione di Interno VerdeEleganti corti rinascimentali, orti medievali nascosti da alti muri di cinta, piccole oasi fiorite di tranquillità e pace domestica, geometrie zen e labirinti di siepi, magnifici alberi secolari e arboreti insospettabili, celati alla vista dei passanti dalle facciate degli antichi palazzi: Mantova custodisce gelosamente, all’interno del proprio centro storico, uno spettacolare patrimonio di giardini privati. Un patrimonio che eccezionalmente, grazie alla manifestazione Interno Verde, si metterà a disposizione della collettività: mantovani e turisti sabato 26 e domenica 27 settembre potranno esplorare quaranta giardini, gentilmente aperti dai loro proprietari. Isole segrete ricche di suggestioni e ricordi, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città.

La “due giorni” è stata presentata giovedì 24 settembre nell’aula consiliare del Comune di Mantova dalla direttrice delle rete bibliotecaria mantovana, in rappresentanza del Comune, Francesca Ferrari, dal presidente dell'associazione Ilturco Riccardo Gemmo, dalla coordinatrice di Interno Verde Licia Vignotto. Ha parlato anche Carla Nicolini per Orti Mantovani.

L’associazione Ilturco, che ha ideato e curato l’iniziativa, ha raccolto la disponibilità di famiglie, istituzioni, circoli e attività commerciali, che per un weekend apriranno porte e portoni, permettendo a chi vorrà partecipare all’evento di esplorare la città dei Gonzaga in modo originale e inedito.

L’obiettivo degli organizzatori è sensibilizzare i visitatori al rispetto e alla valorizzazione del verde, fornire alla comunità una chiave per interpretare più profondamente il senso dello spazio che si attraversa, sollecitare anche nei confronti degli ospiti provenienti da altre città una più completa comprensione del passato e maggiore consapevolezza della ricchezza presente, che necessita di essere tutelata e promossa.

Per questo ogni giardino sarà accompagnato da informazioni di carattere botanico, storico e architettonico, che durante i due giorni saranno a disposizione online oltre che presso i luoghi coinvolti. Le stesse schede, corredate di fotografie, saranno raccolte in un volume a colori che verrà regalato, fino a esaurimento copie, ai partecipanti che decideranno di prenotare la propria visita alla manifestazione. L’infopoint per le iscrizioni si trova in piazza Canossa, presso l’Antica Edicola dei Giornali: venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 settembre sarà aperto dalle 9 alle 19. Il contributo richiesto è di 10 euro a testa, valido per entrambe le giornate, gratis per i bambini fino ai 13 anni.
Interno Verde 2020 è patrocinato dal Mibact, dalla Regione Lombardia, dalla Provincia e dal Comune di Mantova, da ASST Mantova, da Cariplo, dall’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio e dall’Associazione Nazionale Pubblici Giardini.

 

NOVITÀ 2020

Il programma di Interno Verde comprende tantissime iniziative, organizzate in collaborazione con le associazioni e gli operatori culturali del territorio: mostre di arte contemporanea ispirate al mondo dell’entomologia, laboratori per insegnare ai bambini a riconoscere gli alberi, picnic e pranzi all’aria aperta, passeggiate a tema, conferenze e presentazioni di libri. Per conoscere il calendario completo dell’iniziativa e restare aggiornati sugli eventi di Interno Verde 2020 si può fare riferimento al sito www.internoverde.it oppure seguire il festival su Facebook o su Instagram.

 

L’ORCHESTRA IN GIARDINO

Sabato 26 settembre alle 19.30, nello splendido giardino di Palazzo Te, si terrà un concerto eccezionale: sotto la Loggia di Davide si esibiranno i giovani talenti dell’Euyo, ovvero della European Union Youth Orchestra, fondata da Claudio Abbado, che eseguiranno brani di Stravinskij, Bach e Beethoven. L’appuntamento, organizzato da Ilturco in collaborazione con la Fondazione Palazzo Te, è gratuito per gli iscritti a Interno Verde. Non è necessaria la prenotazione ma è riservato a un massimo di 200 spettatori.

 

APPUNTAMENTO AI GIARDINI VALENTINI

Un’occasione unica per chi ama il verde in tutte le sue sfaccettature: sabato 26 settembre per la prima volta l’infopoint di Interno Verde – oltre ad essere presente in piazza Canossa, presso l’Antica Edicola dei Giornali, gentilmente concessa dal Fai - sarà allestito nella suggestiva cornice dei Giovani Valentini. All’ombra degli imponenti alberi che caratterizzano questo luogo, si terrà nella stessa giornata Orti Mantovani, rassegna dedicata ai fiori, alle piante, alle erbe, alla natura in tutte le sue espressioni. Qui si potranno apprezzare le proposte vivaistiche degli espositori, partecipare a workshop e laboratori a tema, rilassarsi e gustare le specialità a chilometro zero preparate da Hortus. Concluderà la giornata la conversazione spettacolo di Luca Nardini, “Nanna, o l’anima delle piante”, e uno sfizioso aperitivo finale.

 

SOSTENIBILITÀ, UN PASSO IN PIÙ

Ilturco ha sempre prestato particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica di Interno Verde, che già nel 2019 è stato inserito nella rete europea C-Change. Numerosi sono i piccoli e grandi accorgimenti adottati già dalla prima edizione per ridurre l’impatto dell’evento e sensibilizzare il pubblico al rispetto dell’ambiente, ed ogni anno l’associazione cerca di fare un passo in più. Nel 2020 ha deciso di realizzare la copertina del libro dedicato ai giardini utilizzando Shiro Alga Carta, prodotto ideato negli anni Novanta, realizzato raccogliendo le alghe infestanti della laguna di Venezia e di altri ambienti umidi il cui ecosistema è a rischio. Il braccialetto dei visitatori è prodotto con una fibra ottenuta dal Pet, quindi riciclando le bottigliette di plastica. Le eccedenze saranno riconsegnate al fabbricante affinché il materiale possa essere nuovamente trasformato.

 

UN FESTIVAL SICURO E ACCOGLIENTE

Interno Verde si impegna per fare in modo che tutti i visitatori possano fruire di questa eccezionale occasione in modo sereno e sicuro. Quest’anno la manifestazione – oltre ad adottare precauzioni specifiche per tutelare la salute di tutti, proprietari dei giardini, volontari, visitatori e staff – ha voluto organizzare un servizio speciale: il QR Code, termine inglese da pronunciare all’italiana. Pubblicato sul programma cartaceo, distribuito a tutti gli inscritti, servirà per monitorare in tempo reale l’affluenza nei vari luoghi del festival. Rimanda infatti alla mappa dei giardini pubblicata online: i segnaposto cambieranno colore - e diventeranno verdi, gialli e rossi - a seconda dell’eventuale coda che si potrà formare all’ingresso. Tutte le misure adottate per rendere questa edizione ancora più accogliente, sicura e inclusiva sono disponibili e si possono scaricare dal sito www.internoverde.it.

 

UN FESTIVAL DI RELAZIONI

Mai come quest’anno Interno Verde rivela la sua vera natura: sembra un festival di giardini, in realtà è un festival di relazioni. Ilturco ringrazia di cuore i proprietari dei meravigliosi spazi che con grande e mai banale generosità hanno aderito all’iniziativa, e gli 80 volontari che accoglieranno i visitatori e custodiranno questi luoghi tanto belli quanto delicati.

La manifestazione non sarebbe stata possibile senza il prezioso supporto dell’amministrazione comunale di Mantova, di Cariplo e degli sponsor che, dimostrando una particolare attenzione e sensibilità nei confronti di questo appuntamento, che tanto significa per la comunità, l’hanno voluto accompagnare e sostenere: Assicurazioni Generali, Bonini Garden, Coop Alleanza 3.0, Gestcav, Lions Club, Lubiam. Tra gli sponsor tecnici: Itaka, Levoni, The Mosshelter.

Fondamentale nella definizione del programma la positiva collaborazione di tante realtà del territorio, istituzioni, musei, aziende, consorzi e associazioni: Archivio di Stato di Mantova, Fondazione D’Arco, Fondazione Palazzo Te, Fondazione Pescherie di Giulio Romano, Palazzo Ducale, Liceo Virgilio, Amici dell’Archivio di Stato di Mantova, Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, C2H4n, Alkemica, Associazione per i Monumenti Domenicani, European Union Youth Orchestra, Fai – Delegazione Mantova, Garden Club, Galleria Disegno, Gli Scarponauti, Hortus, Il Rio Edizioni, Italia Nostra, Jardin Jolie, Mantova Carolingia, Mango Tree Montessori Lab, Orti Mantovani, Spazio Arrivabene 2, Slow Food, Via Carolingia.

Media partner: Igersmantova e Profil Cultura.

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version