Comune Mantova

Switch to desktop

MONTEVERDI alla corte dei Gonzaga

17 giugnoL'Associazione Culturale AMAREMANTOVA presenta il secondo prestigioso appuntamento della Rassegna musicale MANTOVAInCANTO. Il concerto avrà luogo sabato 17 giugno 2017 alle ore 21.15, nella Sala dei Cavalli di Palazzo Te.L’ascoltatore sarà accompagnato in un viaggio musicale celebrativo per il 450esimo anniversario della nascita di Claudio Monteverdi. L’evento, dal titolo Monteverdi alla corte dei Gonzaga, sarà incentrato sul repertorio del celeberrimo compositore, riconosciuto come “padre” del melodramma, e protagonista del passaggio dalla musica rinascimentale a quella barocca. Il programma, eseguito dall’Ensemble NovaManto, proporrà significativi brani della più famosa delle sue composizioni, L’Orfeo, andato in scena proprio a Mantova a Palazzo Ducale, il 24 febbraio 1607. La vicenda del primo e secondo atto, incentrata su Orfeo, Euridice e la Messaggera, verrà riproposta, seppur omettendo le parti corali, nel suo nucleo più pregnante: il clima di festa per le nozze di Orfeo, improvvisamente interrotto dalla ferale notizia della morte di Euridice. Si passa così da una serie di brani di danza con gli splendidi ritornelli dei violini per arrivare al tragico racconto della Messaggera: in questa musica si fa strada il dramma e il cantante è per la prima volta tenuto ad essere attore a tutti gli effetti.

La seconda parte del concerto riguarda i duetti d’amore cui Monteverdi dedica alcune delle sue più belle pagine: “Chiome d’oro” e “Amor che deggio far” dal settimo libro dei madrigali, “Or che Seneca è morto” e “Pur ti miro” dall’incoronazione di Poppea, passando per il duetto del nono libro “Bel pastor” che mostra il lato più divertente del sentimento amoroso visto nelle sue dinamiche quotidiane. La freschezza delle melodie e il pathos delle pagine melodrammatiche rendono il programma adatto sia per il grande pubblico che per gli intenditori di questo genere. L’Ensemble Monteverdi – Cecilia Rizzetto, soprano; Anna Ussardi mezzo-soprano; Angelo Goffredi, tenore; Lorenzo Gugole, violino I; Leonardo Bellesini, violino II; Anna Camporini, violoncello; Marcello Rossi Corradini, clavicembalo, – è formato da musicisti specializzati in questo specifico repertorio, che sarà eseguito, secondo le indicazioni della più recente ricerca filologica, su strumenti antichi, per riproporre fedelmente la timbrica dell’epoca.

L’ascoltatore sarà quindi accompagnato in un percorso di riscoperta di un periodo storico che ha visto Mantova realmente la capitale mondiale della musica.

AMAREMANTOVA beneficia con grande orgoglio del patrocinio del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Comune di Mantova, Provincia di Mantova, Fondazione Umberto Artioli, Associazione Baldassarre Castiglione, Ente Filarmonico Guidizzolo, ed è realizzata grazie al contributo di Comune di Mantova, Orchestra Senzaspine, Liceo Artistico Mantova, Avis e Aido sede di Guidizzolo, Lions Clubs International, Banca Mediolanum (piazza Mozzarelli, n°3), Cavigliano di Europa Srl, Gioielleria Azzali 1881, Ristorante GialloZucca, La Tur da Sucar, Villa Conti Cipolla ed S-Design.

Il biglietto per ogni evento sarà di €15, con riduzione a € 10 per i soci dell’Associazione AMAREMantova e a € 5 per gli studenti fino ai 18 anni d’età. Possibilità di acquistare il biglietto per l’intera rassegna a un prezzo di €50, per gli associati ad un costo di €35.

Per informazioni, prenotazioni e per associarsi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., @AMAREMANTOVA su FB, tel. 329 5655 08 ore  9 - 13 (BLACK&WHITE BAR)

CURRICULA ARTISTI:

Angelo Goffredi, tenore, durante il dottorato di ricerca in Scienze dei Materiali si diploma in Canto Lirico con il massimo dei voti al Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma sotto la guida del M° Lelio Capilupi. Tra i ruoli interpretati citiamo in particolare Alfredo Germont ne “La Traviata” di Verdi al Teatro Regio di Parma (Imparolopera), Camille de Rossillon ne “La vedova Allegra” di Lehar al Comunale di Gorizia, Ferrando nel “Così fan tutte” di Mozart inaugurando la 9° edizione del Festival Euromediterraneo in piazza del Campidoglio a Roma sotto la direzione del M° Paolo Ponziano Ciardi, Edoardo Milfort ne "La Cambiale di Matrimonio" di Rossini a Parma, Mordecai in "Esther" di Haendel al Teatro Malibran (VE), Il Conte d'Almaviva ne “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini sotto la direzione del M° Flavio Orizio e Borsa in “Rigoletto” di Verdi in Teatri del circuito Lombardo e vincitore assoluto del ruolo di Orfeo nel Concorso della Fondazione MCES. Diverse le registrazioni all'attivo tra cui il progetto nell'ambito Pop con la cantante Ivana Spagna e la collaborazione nel Film in Mondovisione “Rigoletto” girato a Mantova con Placido Domingo. Partecipa dal 2008 ai tour mondiali del M° Muti con i “Concerti dell’Amicizia” unitamente all’ensemble La Stagione Armonica . Dal 2014 è Presidente dell’Associazione AMAREMantova creata con l'obiettivo di risvegliare l'interesse  per la musica lirica, con la quale tuttora collabora all’organizzazione della stagione lirica 2015-2016 al Teatro Sociale di Mantova. Nel 2015 viene intervistato quale “giovane tenore emergente” dalla Radio2 Svizzera all’interno della trasmissione "Il Ridotto dell'Opera" a cura del celebre dott. Giorgio Appolonia. Chiude il 2015 con l’atteso Concerto di Capodanno al Teatro Duse di Bologna sotto la direzione del M° Tommaso Ussardi. Nel gennaio 2016 è stato Membro della Commissione esaminatrice insieme alla M° Elena Baggiore e al M° Giampaolo Zennaro per la selezione di  cantanti con la finalità dell’allestimento della Boheme di Puccini al Teatro Sociale di Mantova. Nel 2016 è stato Edoardo Milfort ne “La Cambiale di Matrimonio” di Rossini all’interno della Stagione estiva del Teatro Zandonai di Rovereto con repliche nel Trentino. Un tour in Germania con il gruppo barocco “NovaManto” a novembre, Gastone in “La Traviata” al Sociale di Mantova. A fine 2016 nuovamente chiamato per un grande tour di concerti di fine anno con  i SenzaSpine da Bologna fino al Teatro Sanzio di Urbino. Nel gennaio 2017 è stato Il Conte d'Almaviva ne “Il Barbiere di Siviglia” al Teatro Comnunale di Adria con la direzione del M° Mario Menicagli e regia di Gianpaolo Zennaro; Ferrando nel “Così fan tutte” a Verona nel febbraio 2017. Sempre nel 2017 una lezione-concerto ad aprile in diretta per la radio2 Svizzera al Teatro di Bellinzona. (www.angelogoffredi.it - VideoPromo: https://youtu.be/scGple5dShY).

Cecilia Rizzetto, soprano, ha iniziato lo studio del canto con il soprano Emma Martellini, proseguendolo con il mezzosoprano Adriana Cicogna e successivamente con il soprano Cristina Pastorello presso il Conservatorio "L. Campiani" di Mantova dove si è brillantemente diplomata nel 2010. La sua vocalità le permette di affrontare personaggi delle opere di Rossini, Bellini, Donizetti, Puccini. Si dedica inoltre al repertorio vocale e cameristico preferendo autori come Schubert, Spohr e Mendelssohn, ma anche Crumb e Berio. Ha frequentato varie masterclass con Cinzia Forte, Pietro Spagnoli ed Enzo Dara con il quale ha debuttato il ruolo di Serpina nell'opera "La Serva Padrona" di Paisiello e quello di Elisetta in "Il Matrimonio Segreto" di Cimarosa entrambe rappresentate al Teatro Bibiena di Mantova. Ha debuttato il ruolo di Serpina nell'opera "La Serva Padrona" di Pergolesi, della zingaretta nell "Zingaretta" di Leo, di Gilda in "Rigoletto" di Verdi. Attualmente frequenta il secondo anno di Biennio di Musica Antica presso il Conservatorio "E.F.Dall'Abaco" di Verona sotto la guida del M°Vincenzo di Donato. Si dedica  anche al repertorio  sacro preferendo autori quali Mozart, Haendel, Buxtehude e Bach

 Anna Ussardi, mezzosoprano, dopo la laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia nel 2004, nel 2006 si diploma in canto presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia e nel 2010 consegue il Diploma Accademico Sperimentale di II livello in canto con il massimo dei voti presso il Conservatorio “L. Campiani” di Mantova. Attualmente si perfeziona con Sara Mingardo. Ha vinto il 1° premio all' 8° Concorso Liederistico Internazionale "Giuseppina Cobelli" in duo con il pianista Paolo Piubeni. È risultata vincitrice del VII Laboratorio Teatro Musicale del Settecento "Enzo Dara”. Si esibisce regolarmente come solista in produzioni operistiche e di  recente ha debuttato il ruolo di Rosina nel Barbiere di Siviglia di G. Rossini per il progetto Opera4me organizzato da Gaulitana: A Festival of Music (aprile 2016, Malta) e il ruolo di Flora ne La Traviata di G. Verdi (Rubini Festival, Romano di Lombardia, luglio 2016). Il suo repertorio inoltre spazia dalla musica antica e barocca alla musica sacra, dalla liederistica fino alla musica contemporanea.

Lorenzo Gugole violinista fin dall'età di 10 anni, si diploma in violino al conservatorio di Verona con il massimo dei voti, per poi perfezionarsi alla Leeds University School of Music e a Parigi con il M° J.Lenért. Collabora con alcune tra le più importanti orchestra italiane tipo Rai di Torino, Toscanini di Parma, Orchestra Leonore. Approfondisce la sua passione per la musica specializzandosi nel repertorio barocco a Verona con il M° S.Montanari e all’ ”Accademia di Musica Antica” in Brunico con i docenti Stanley Rithcey e A. Schumann, perfezionandosi nel repertorio classico con Brian Dean, E. Hobarth, E.Citterio. Collabora con importanti ensemble come Cordia, I Barocchisti e Il complesso barocco con tournée in tutta europa ed oltre. Nel 2015 riceve il premio Alois Bachmann con la possibilità di suonare un prezioso violino del liutaio Georg Mair.

Leonardo Bellesini, violinista, inizia lo studio del violino con il M° Nava Lopez al C.E.A. di Villafranca e si diploma presso il Conservatorio “L. Campiani” di Mantova sotto la guida della prof.ssa Fabiana Fabiano nel 2004. Attento alla didattica musicale, consegue sia il diploma in “Didattica della Musica” che il diploma accademico di II livello abilitante (classe A077). Risulta inoltre vincitore del primo premio assoluto, nonché del premio speciale “Nicolino Branciforti”, al Concorso Nazionale “Città di Bardolino” nel 2010. Per quanto riguarda la musica antica approfondisce o studio della prassi barocca con i maestri Stanley Richie e Brian Dean. Fa attualmente parte dei gruppi “Ensemble Dorico” e “Vago Concento”, specializzati nel repertorio barocco. Nel 2015 consegue il diploma accademico di II livello di violino barocco presso il Conservatorio “E. F. Dall'Abaco” di Verona, sotto la guida del M° Stefano Montanari. Nel 2008 fonda l'ensemble “Alma Migrante”, con cui vince il premio Masi al concorso internazionale “Salieri-Zinetti” di Legnago nel 2011. Svolge anche attività didattica presso “IC Bassini” di Vigasio, e docente di violino presso la “Nuova Scuola di Musica” di Mantova.

Marcello Rossi Corradini, si è diplomato in Organo, Composizione, Clavicembalo, si è poi specializzato presso l’ Universität für Musik di Vienna. Ha suonato in vari festival in Italia, Germania, Francia, Repubblica Ceca, Svezia e Lituania nel campo della musica antica. Ha lavorato su Monteverdi con R. Gini suonando l’ “Orfeo” e con M. Longhini registrando l’ottavo libro dei madrigali per Naxos. Con il mezzosoprano Daniela Nuzzoli ha inciso per Tactus gli Offertori per voce ed organo obbligato di G. Giordani e l’integrale delle romanze da camera di G. Verdi. Ha collaborato anche con l’Orchestra “I Virtuosi Italiani”, suonando musica di Pergolesi davanti a Papa Benedetto XVI. Ha fondato nel 2007 l’ensemble “Vago Concento” con cui esegue specialmente musica italiana rinascimentale e barocca.

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version