Switch to desktop
News Cultura

Il sindaco di Mantova Mattia Palazzi ha disposto il prolungamento dell’orario di apertura fino a mezzanotte del museo Civico di Palazzo Te tutti i mercoledì di luglio, che cadono il 7, il 14, il 21 e il 28.

Questa disposizione è coerente con la proposta della Fondazione Palazzo Te di estendere i tempi di visita della villa giuliesca per promuovere al meglio la mostra attualmente in corso dedicata a Venere, per favorire il turismo e per aumentare l’offerta rivolta agli operatori culturali.

La visita a Palazzo Te sarà possibile fino a mezzanotte, ma l’ultimo ingresso aperto al pubblico sarà alle 22.50.
Ulteriori informazioni: www.palazzote.it

Martedì, 06 Luglio 2021 16:06
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Scaietta e RebecchiDal 7 luglio al 18 agosto, quattro appuntamenti, di mercoledì, nelle piazze meno note della città rivissute per una sera in una modalità, culturale, diversa e sorprendente. Le piazze da sempre, sono teatri a cielo aperto in cui tutto può accadere, sono anche dei musei, con una loro storia, o dei salotti.

Per questa ragione, in tempi di pandemia e di difficoltà ad incontrarsi in spazi chiusi, l’Associazione Amici di palazzo Te e dei Musei Mantovani, grazie al contributo e al supporto del Comune di Mantova, nei mesi estivi propone una fruizione nuova e diversa di alcune piazze, del centro storico della città, da conoscere e vivere in modo inusuale dai cittadini e dai turisti, luoghi non topici ma tutti da scoprire.

Un ciclo di eventi diffuso e partecipato, in zone diverse della città, in piazze che, almeno per una volta, verranno valorizzate viste in una chiave diversa anche grazie al contributo degli artisti mantovani.
Un evento destinato a diventare annuale, e che ad ogni edizione proporrà luoghi diversi, che parte con le piazze 80° Fanteria, San Leonardo, Dante e Aporti.

Gli eventi sono stati presentati dall'assessore comunale Iacopo Rebecchi e dal presidente degli Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani Italo Scaietta.

In ogni spazio si susseguiranno tre eventi culturali di danza, teatro, letteratura e musica, appuntamenti agili, da strada, in moduli distinti, a ingresso gratuito ma con obbligo di prenotazione a causa delle normative anti Covid.

“Questi quattro eventi pensati dagli Amici di Palazzo Te – sottolinea l’assessore comunale Iacopo Rebecchi - permetteranno di far vivere piazze importanti cittadine che sono ai margini della zone più frequentate. Sarà un modo per far rivivere la città dopo il lockdown e far capire ai cittadini come possono essere animate con eventi culturali anche zone della città che non sono mai state oggetto di festival o spettacoli. Coinvolgeremo anche gli esercizi pubblici vicino a queste piazze affinché l’appuntamento sia un’occasione anche per loro”.

“Una serie di festa di piazza, come recita il titolo di una canzone di Edoardo Bennato, per l'estate mantovana ancora limitata dalla pandemia – dice Italo Scaietta, presidente dell'associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani -. Una serie di occasioni in cui si potrà conoscere i risvolti storici di luoghi abitualmente sotto agli occhi dei cittadini ma mai colti nei rispettivi aspetti culturali e godervi di eventi proposti da formazioni e compagnie mantovane, tanto penalizzate a causa del Covid, e che finalmente potranno tornare ad incontrare il pubblico in presenza e in sicurezza”.

Gli appuntamenti sono realizzati anche grazie alla collaborazione di libreria Coop Nautilus, Accademia Nazionale Virgiliana, Politecnico di Milano - Polo Universitario di Mantova, ristorante Coracino, Fondazione Mazzali, Biblioteca Comunale Teresiana, Tea S.p.a.

 

IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

MERCOLEDI’ 7 LUGLIO – PIAZZA 80° FANTERIA

• 21:00 Saluti istituzionali, presentazione del progetto e 13° compleanno del Sito Unesco Mantova e Sabbioneta
• 21:30 “Mantova 1866-2016. Una storia urbana dall'Unità ad oggi” di Francesco Caprini e Eugenio Camerleghi edito da Accademia Nazionale Virgiliana. Presentazione a cura di Federico Bucci pro-rettore Politecnico di Milano sede di Mantova e Roberto Navarrini Presidente Accademia Nazionale Virgiliana in collaborazione con libreria Coop Nautilus
• 22:15 Musica Jazz con il duo Luca Scardovelli e Matteo Vallicella a cura di Arci Jazz Festival Young

MERCOLEDI’ 21 LUGLIO – PIAZZA SAN LEONARDO

• 21:00 “Set point” a cura di Juvenis Danza
• 21:45 “Pillole di teatro comico” a cura di Accademia Teatrale Campogalliani
• 22:15 "Black Cat & Dirty Blues" a cura di MantovaBlues

MERCOLEDI’ 4 AGOSTO – PIAZZA DANTE

• 21:00 “D.D. Donne di Dante” a cura di Teatro Magro
• 21:45 "Omaggio ad Astor Piazzolla” a cura Mantua clarinet quintet - Conservatorio Lucio Campiani
• 22:15 “Due voci per Dante” a cura di Ars Creazione e Spettacolo
Visite guidate all’Accademia Nazionale Virgiliana e alla Biblioteca Comunale Teresiana

MERCOLEDI’ 18 AGOSTO – PIAZZA APORTI

• 21:00 “Tre sagome”a cura di Teatro all’improvviso
• 21:45 “Starman”a cura di Cod Danza
• 22:15 “Pop Strings” a cura di Quartetto d'Archi Musica Nuova

 

PRENOTAZIONI E INFORMAZIONI

Tutti gli eventi, della durata di 40 minuti circa, sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria del singolo appuntamento all’agenzia OkViaggi in viale Gorizia 21 a Mantova.

Orario: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19, il sabato dalle 9 alle 12:30.


L'agenzia resterà chiusa dal 9 al 15 agosto compreso.

Tel: 0376/288044 – 0376/ 288089
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
info: www.comune.mantova.gov.it
tel: 0376/288044 – 0376/ 288089

Sabato, 03 Luglio 2021 00:00
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Torna la nuova edizione di "Mantovaincanto", la rassegna ideata dall’Associazione Amaremantova. In programma due eventi: 18 giugno e 19 agosto.La rassegna MANTOVAINCANTO2021 è resa possibile grazie al consueto contributo del Comune di Mantova e si fregia della collaborazione del Centro Antiviolenza “Telefono Rosa” di Mantova, dell’Associazione “Nazionale Italiana Cantanti” e della “Partita del Cuore”.

Gli eventi della rassegna “Mantovaincanto 2021” sono stati presentati, martedì 8 giugno, nella sala Consiliare del Comune di Mantova, dall’assessore Iacopo Rebecchi, dal presidente dell’Associazione Amaremantova Angelo Goffredi e dal presidente di Telefono Rosa Mantova Paola Mari.

Per questa 9ª edizione sono presenti due eventi in cartellone:

• Venerdì 18 giugno, ore 21: “LA RITA”, opera lirica di Donizetti, messa in scena nel ma-gnifico Teatro Bibiena e trasmessa gratuitamente in streaming sulla pagina Facebook di Amaremantova (www.facebook.com/AMAREMANTOVA) e sul canale Youtube di Angelo Goffredi (www.youtube.com/c/AngeloGoffrediTenore). Quest’opera è caratterizzata da un forte messaggio sociale, vede come tratto narrativo, il contrasto alla violenza di ge-nere, in particolare contro le donne e sottolinea il mantra di AMAREMANTOVA: la divulgazione dell’opera lirica, quale magnifico genere musicale, ma anche eccellente strumento sociale. “Sono orgoglioso del lavoro di squadra che ha visto la realizzazione di una scenografia originale, ma anche una nuova traduzione del testo originale francese che farà emergere chiaramente il messaggio dell’opera troppo addolcito dalla traduzione italiana ottocentesca, costumi ecosostenibili creati con materiali di riciclo secondo il metodo ECOTEATRO che ha improntato l’opera verso il dogma del recupero e della trasformazione in modo che il teatro sfrutti e ricicli il più possibile così da fondere teatro, società e ambiente. Quindi un mix esplosivo che spero vi terrà incollati allo schermo e vi farà sentire a Teatro”, ha commentato il presidente Angelo Goffredi.

Con La Rita nasce la prima opera della storia dove si ribalta lo schema tipico della violenza di coppia: infatti è la donna che picchia il suo uomo. Nell’antefatto Rita sposa un marinaio di nome Gasparo che, il giorno delle nozze, dopo averla picchiata come di consueto l’abbandona e fugge. Rita, convinta della morte del neo sposo in un naufragio, decide di ri-sposarsi con Beppe, un ragazzo timido che questa volta è lei a picchiare. Inaspettatamente, ritorna Gasparo che nel frattempo si è fidanzato con una canadese e da questo punto in poi ne vedrete delle belle! Il personaggio di Rita sarà interpretato dal soprano Federica LIVI, Beppe sarà il tenore Angelo Goffredi mentre il vecchio Gasparo sarà il baritono Roberto Maietta. Al pianoforte e concertazione il maestro Nicola Dal Cero, la regia come di consueto è affidata a Lorenzo Giossi e la scenografia realizzata dallo scenografo manto-vano Gianluca Spaggiari.

• Giovedì 19 agosto, ore 21: “ORIZZONTI ELETTRO-SINFONICI”, evento musicale in presenza nel Cortile d’Onore di Palazzo Te, che punta sull’innovazione e su quanto contraddi-stingue ormai da anni la nostra associazione ovvero: la sperimentazione. Un concerto in cui saranno messi a confronto due generi agli antipodi quali l’Opera e la musica elettronica. Protagonisti della serata saranno il compositore mantovano Filippo Lui – fondatore della Crystal Music Records, il soprano Cecilia Rizzetto e il tenore mantovano Angelo Goffredi. L’evento è a pagamento previa prenotazione via email (nel pieno rispetto della nor-mativa anti-covid19): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

In streaming al Teatro Bibiena con la tecnologia più avanzata e in presenza nel Palazzo Te, simbolo della città, la rassegna è visibile anche su Facebook e Youtube (www.facebook.com/amaremantova, www.youtube.com/c/AngeloGoffrediTenore).

Da Teatro Scientifico Bibiena:
Una commedia musicale contro la violenza di genere
RITA ✩ SMART-OPERA ✩ Produzione AMAREMANTOVA

Segui la DIRETTA:
www.facebook.com/AMAREMANTOVA
www.youtube.com/c/AngeloGoffrediTenore

Con la collaborazione del Comune di Mantova,
“TELEFONO ROSA”, “Nazionale Italiana Cantanti” e “Partita del Cuore”.

Venerdì, 18 Giugno 2021 00:00
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Baratta+ si trasforma nuovamente in “Barattalcubo”: un cartellone ricco di eventi per tutti accompagnerà i cittadini fino ai primi di settembre, per trascorrere insieme un’estate tra libri, letture, cinema e musica. La rassegna estiva è stata presentata lunedì 7 giugno al Baratta dall’assessore alle Biblioteche del Comune di Mantova Alessandra Riccadonna e dalla direttrice del Baratta Francesca Ferrari.

Si inizia martedì 8 giugno alle ore 20.30 con Bat Night. I pipistrelli e gli alberi, primo degli otto appuntamenti della rassegna Giardini di Cultura 2021. Gli incontri, realizzati grazie alla collaborazione con le associazioni del territorio, vedranno il cortile della Biblioteca come luogo per riflettere sulle tematiche del green, alla riscoperta del suggestivo mondo degli alberi e della fauna locale che li popola. (calendario completo della rassegna su www.giardinidicultura.org).

Al giovedì, dalle 18, riparte nel cortile della Biblioteca Libri in giardino, presentazioni di libri promosse insieme ad alcune case editrici mantovane, che ospiteranno tra gli autori anche cittadini mantovani. Primo appuntamento giovedì 10 giugno alle ore 18.00 con Nora di Giacomo e lo psicoterapeuta Giancarlo Madella per la presentazione del libro “Perfetta” (ed. Sometti, 2021).
Da metà luglio, ogni mercoledì sera dalle ore 21.30, l’atteso ritorno de il Cineambulante, a cura de Il Cinema del Carbone, in collaborazione con la Rete Bibliotecaria Mantovana: 7 serate nel cortile della Biblioteca con proiezione di film e documentari sul tema della sostenibilità. Primo appuntamento mercoledì 7 luglio con “Le Traversiadi. Cinque viaggi (più uno) con gli sci al limite delle Orobie” (regia di Maurizio Panseri e Alberto Valtellina, 2020).

A fine giugno e a fine agosto, torna Il mercatino del libro usato: due giornate in cui si potranno acquistare libri usati in buono stato, provenienti dalle donazioni periodiche di libri da parte dei cittadini. Nel corso della giornata, si svolgeranno due laboratori pensati per bambini/e e ragazzi/e con Andrea Vico.
Per bambini/e e ragazzi/e proseguono nel mese di giugno e luglio le Storiecoledì. Le Storie del Mercoledì, letture per bambini/e 3-7 anni con le bibliotecarie Silvia Mengali e Ranjanben Camurri il mercoledì pomeriggio, e le Letture Barattole per bambini/e 0-6 anni, con i lettori volontari dell’Associazione Bibliofficina il sabato mattina.

A fine luglio appuntamento con Alessia Napolitano con “Raccontami”: tre incontri per ascoltare e per scoprire come narrare le fiabe, in tre incantevoli luoghi della città di Mantova. Per i più piccoli appuntamento con Nati per la Musica, insieme a Marina Ielmini, per bambini/e 0-36 mesi.
Da luglio ritorna inoltre il CRED, per bambini/e 8-11 anni, gestito da Cooperativa Alkemica.

Per i ragazzi/e 11-14 anni appuntamento speciale su Dante sabato 26 giugno insieme ad Annalisa Strada, mentre a luglio laboratorio sul gioco di ruolo con Lorenzo Ghetti di Associazione Culturale Hamelin.
Proseguono, infine, per tutta estate gli incontri del Gruppo di Lettura Miraggi al Baratta e dei Gruppi di Lettura per ragazzi/e, Capitan Uncino e Quelli del Baratta, condotti da Simonetta Bitasi.
Tutti gli eventi sono gratuiti ma su prenotazione inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando allo 0376-352732.

Calendario completo degli eventi e tutti gli aggiornamenti su www.bibliotecabaratta.it

“Dopo la Fabbrica dei Libri – ha commentato l’assessora Alessandra Riccadonna – abbiamo voluto costruire una programmazione di attività culturali che dessero l’opportunità ai cittadini di ritrovarsi in presenza e fruire degli spazi e servizi della Biblioteca Gino Baratta, rafforzando le collaborazioni con associazioni e enti per la promozione culturale”.

La direttrice Francesca Ferrari ha aggiunto: “La Biblioteca ha dimostrato di saper accogliere proposte diverse per favorire l’incontro e la crescita culturale dei cittadini. Speriamo che anche dopo l’estate queste attività, ora inserite nel Piano Mantova, possano proseguire e far rivivere appieno gli spazi del Centro Baratta e delle Biblioteche civiche, verso una completa normalità”

Martedì, 08 Giugno 2021 10:27
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Segni New Generations Festival - Festival di teatro e arte dedicato a bambini e bambine, ragazzi e ragazze, famiglie, ma anche operatori culturali e insegnanti - che da sedici anni ha come palcoscenico la città di Mantova, sbarca all’Isola del Giglio dal 21 al 25 giugno, per un’anteprima d’eccezione. Questa solo una delle novità di quest’anno: il festival infatti si sdoppia e si spalma su un periodo più lungo e a cavallo fra due stagioni con oltre 300 eventi. E dopo 5 giorni di teatro tra la natura e il mare dell’Isola dà appuntamento tra i laghi e l’arte della città di Mantova, dal 26 giugno al 17 luglio e poi dal 23 ottobre al 2 novembre. Un festival che si trasforma come strategia di sopravvivenza proprio come fa il Camaleonte, animale simbolo di quest’anno, disegnato da un maestro delle trasformazioni, Arturo Brachetti, artista testimonial di Segni 2021.

Il programma completo del Festival è stato presentato lunedì 7 giugno in conferenza stampa in diretta dall’Isola del Giglio, dalla meravigliosa terrazza con vista mare dell’Hotel Castello Monticello, e trasmessa online su segninonda.org. Un progetto artistico, quello pensato per l’isola, che pone l’attenzione all’ambiente, alla cura e alla simbiosi fra scena naturale e spettacolo, e che è stato ideato dalla Direttrice artistica Cristina Cazzola con la consulenza, in situ, di Andrea Giannoni, attore e regista dell’associazione Hey there! I am using theater. Il programma prevede 40 eventi tra rappresentazioni teatrali e spettacoli itineranti, laboratori artistici e appuntamenti con gli autori, spazi d’incontro e dibattito sulla ripresa del teatro inseriti fra i suggestivi spazi architettonici, panoramici e naturalistici dell’isola, per offrire una proposta culturale di alta qualità che si configuri anche come forte esperienza sinestetica.

"Credo che il valore aggiunto di SEGNI per la nostra città - ha detto l'assessore alle Politiche e Servizi per la Famiglia del Comune di Mantova Chiara Sortino - sia quello di un'offerta socio culturale, educativa, senza pari, un'opportunità per grandi e piccini di stupirsi e lasciarsi incantare. Credo che l'edizione di quest'anno abbia un significato speciale perchè rappresenta davvero un primo vero segnale di rinascita per le nuove generazioni. Come amministrazione continueremo ad essere al fianco di chi come gli organizzatori di SEGNI si spende per la nostra città offrendo opportunità culturali, sempre più necessarie, creatività ed energie positive a bambini e bambine, ragazzi e ragazze, famiglie, recuperando insieme un pezzettino di benessere che è venuto meno, a tutta la comunità, in questo difficile periodo.

"SEGNI d'ESTATE è un augurio, un segno per la ripresa di un periodo più spensierato - ha sottolineato l'assessore ai Nidi, Scuola e Pubblica Istruzione Serena Pedrazzoli -. Mai come in questo momento è importante la collaborazione e la coprogettazione e tra quella che è l'offerta classica, della scuola, e l'offerta del terzo settore, che è un arricchimento per entrambi. E il festival in questo senso è un'opportunità che si apre per la prima volta anche ai campi estivi e offre ai nidi e alle scuole dell'infanzia di chiudere quest'anno scolastico con uno spettacolo di SEGNI."

Il Festival è organizzato dall’associazione artistica e culturale Segni d’infanzia, promosso dal Comune di Mantova e dal Comune di Isola del Giglio, patrocinato tra gli altri da Comitato Italiano per l'Unicef, è sostenuto dal MIC – Ministero della Cultura, da Fondazione Cariplo, Dutch Performing Arts, Fondazione Banca Agricola Mantovana e Banca Monte dei Paschi di Siena, Ambasciata del Belgio, e tra gli sponsor da Tea, Maregiglio, Global Informatica, Levoni.

Qui la cartellina stampa completa di foto e materiali di presentazione del Festival 2021

 

Lunedì, 07 Giugno 2021 15:36
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

I relatori all'inaugurazioneDa domenica 30 maggio presso la Biblioteca Teresiana è in mostra "Un Sedicesimo. 60 e più progetti, 1000 connessioni". La rivista di Corraini Edizioni dialoga con gli antichi manoscritti della Biblioteca Teresiana.

All'inaugurazione sono intervenuti l’assessore alle Biblioteche del Comune di Mantova Alessandra Riccadonna, Pietro Corraini di Corraini Edizioni, la direttrice della Biblioteca Teresiana Francesca Ferrari, Massimo Bini e Elisabetta Zangelmi di Arti Grafiche Castello.

"È una mostra innovativa che mette in comunicazione due mondi e li valorizza entrambi - ha sottolineato l'assessore Riccadonna -. È stato un lavoro grandioso scovare in questo patrimonio immenso che laTeresiana custodisce le relazioni coni la rivista".

Cosa hanno in comune gli antichi manoscritti e gli incunaboli conservati alla Biblioteca Teresiana di Mantova con la rivista Un Sedicesimo? Come si accostano codici ottocenteschi, mappe e libri antichissimi a una rivista di 16 pagine dove ogni numero è affidato a un artista diverso? La mostra cerca di dare una risposta a queste domande affiancando allo straordinario patrimonio della Biblioteca Teresiana la rivista ideata da Corraini Edizioni, che fin dal 2007 dà spazio a illustratori, artisti, architetti, grafici e designer internazionali, chiamati a progettare interamente un numero proponendo soluzioni personalissime e ogni volta diverse.

Nella mostra ogni numero di Un Sedicesimo dialoga con un libro della Biblioteca, con connessioni a volte immediate, a volte dettate da suggestioni.

Un Sedicesimo si trova in libreria e sul sito www.unsedicesimo.it  Ogni numero costa 5 euro, e si può ricevere a casa su abbonamento al costo di 25 euro l'anno.

Gli orari della mostra: da martedì a venerdì dalle 9 alle 18, sabato dalle 9 alle 13.

Accesso è libero.

Le visite guidate sono previste il sabato su prenotazione.

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  tel. 0376 338460, 0376 338450.

Venerdì, 28 Maggio 2021 18:22
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

 mappe

Sabato 12 e domenica 13 giugno 2021 presso il Museo Diocesano a Mantova si terrà la più antica mostra mercato di antiquariato librario e collezionismo cartaceo in Italia, MANTOVA LIBRI MAPPE STAMPE. Primo evento in presenza del 2021 in Europa nel settore della cartografia d’epoca, in Italia per libri d’antiquariato. Attesi collezionisti e bibliofili da tutta la Penisola e da oltreconfine. Più di 40 saranno gli espositori internazionali, tra volumi antichi, mappe introvabili, rarità e capolavori originali, da Dürer a Canaletto, da Burri a Fontana

Volumi introvabili, capolavori di maestri incisori, cartografie d’epoca, testi autografi e pezzi originali da Dürer a Canaletto, da Burri a Fontana: sono solo alcune delle rarità al centro di Mantova Libri Mappe Stampe, la prima mostra mercato dedicata alla carta antica in Italia, che si terrà sabato 12 e domenica 13 giugno nel chiostro del Museo Diocesano Francesco Gonzaga di Mantova (piazza Virgiliana 55, ingresso gratuito; sabato, 10-18.30; domenica, 9.30-13; riduzione sul biglietto del museo per i visitatori della mostra). Organizzata con il patrocinio del Comune di Mantova, la collaborazione del Museo Francesco Gonzaga e dell'associazione Mirabilia, l’esposizione è tra i primi eventi di settore a svolgersi in presenza nel 2021 in Europa.

 

 

Un vasto tesoretto in carta e inchiostro da ammirare e acquistare, tra volumi di pregio, incunaboli e cinquecentine uscite dai torchi di stampatori famosi come Aldo Manuzio e Giunta, assieme ad altre, più numerose e abbordabili, rarità e curiosità bibliografiche dal XVI al XX sec. Ricchissima anche l’offerta cartografica che comprende mappe, atlanti, vedute e piante topografiche, e quella di stampe decorative d’epoca originali. Non mancheranno poi le preziose incisioni degli “Antichi Maestri” come Dürer, Raimondi, Ghisi, Correggio, Parmigianino, Veronese, Canaletto, Piranesi, Rembrandt e Van Dyck ma anche le grafiche dei protagonisti dell'arte del '900 europeo, tra cui Burri e Fontana.

 

 

INFORMAZIONI UTILI SULLA MOSTRA MERCATO
Mantova Libri Mappe Stampe – sabato 12 e domenica 13 giugno 2021
Chiostro del Museo Diocesano Francesco Gonzaga (Piazza Virgiliana, 55 – Mantova)
Orari di esposizione al pubblico: sabato h. 10-18.30; domenica h. 9.30-13
Per i commercianti apertura anticipata venerdì 11 giugno h.15-18.30

Ingresso libero (per i visitatori di Mantova Libri Mappe Stampe riduzione del ticket per visitare la collezione Museo Francesco Gonzaga: ingresso a 6 euro, anziché 10 euro).

 

LA MOSTRA ON LINE
Sito web: www.mantovalibriestampe.com 
Facebook: https://www.facebook.com/mantovalibrimappestampe.fair 

Mantova Libri Mappe Stampe è la prima mostra mercato di antiquariato librario e collezionismo cartaceo in Italia. La manifestazione, a cura di Elisabetta Casanova, è organizzata con il patrocinio del Comune di Mantova, la collaborazione del Museo Francesco Gonzaga e dell'associazione Mirabilia.

Media partner: Maremagnum, Abebooks, Copernicum.

Ufficio stampa Mantova Libri Mappe Stampe
Matilde Cirini t. (+39) 349 822 9299 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Venerdì, 28 Maggio 2021 13:14
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Arturo Brachetti, maestro del trasformismo internazionale, è l’artista testimonial della XVI edizione di SEGNI New Generations Festival al quale regala l’immagine del Camaleonte, animale simbolo 2021. Come da tradizione il festival affida ad artisti, ogni anno diversi, il compito di lasciare un segno che passa attraverso l’immagine dell’animale totemico per caratterizzare il visual dell’edizione in corso.

Quest’anno l’evento internazionale dedicato al teatro e all’arte per le nuove generazioni - promosso e sostenuto dal Comune, dal MiC - Ministero della Cultura, dalla Fondazione Nuovi Mecenati, dal Dutch Performing Arts, patrocinato da Comitato Italiano per l’Unicef e supportato da Tea, sponsor che rinnova l’adesione alla manifestazione - si trasforma, come il Camaleonte, in relazione al contesto proponendo un format completamente rinnovato che si sdoppia tra l’estate e l’autunno: dal 26 giugno al 17 luglio e dal 23 ottobre al 2 novembre.

La manifestazione e l'artista testimonial sono stati presentati, martedì 25 maggio, durante la conferenza stampa online durante la quale sono intervenuti, oltre a Brachetti, l'assessore alle Politiche e Servizi per la famiglia del Comune di Mantova Chiara Sortino, la direttrice artistica di Segni d'infanzia Cristina Cazzola, il presidente Tea Massimiliano Ghizzi e Cristina Reggiani del Comitato Unicef Mantova.

L’artista internazionale. Per un’edizione così camaleontica non poteva che esserci un artista altrettanto mutevole per la capacità di apparire ogni volta in sembianze rinnovate e con un repertorio in continua evoluzione. Famoso in tutto il mondo, Arturo Brachetti, è considerato un mito vivente nel mondo del teatro e della visual performing art, profondo conoscitore del teatro internazionale e dello spettacolo, regista e direttore artistico, ha una galleria di oltre 400 personaggi, di cui 100 interpretati in una sola serata. Arturo non cambia solo colore dell’abito, ma l’intero personaggio, e per il festival 2021 si è mimetizzato nell’animale simbolo, di cui ha realizzato l’immagine, lasciando un segno di riconoscimento: il suo inconfondibile ciuffo. Il Camaleonte realizzato dall’artista appare ben saldo sul suo ramo con le dita simili a tenaglie, la coda attorcigliata e lo sguardo sornione di chi sa di possedere un'arma preziosa: la meravigliosa capacità di adattamento a qualsiasi situazione.
Nell’attesa di rivedere il grande performer in autunno con one man show SOLO – The Legend of quick-change, un vero e proprio assolo già applaudito in tutta Europa da più di 450.000 spettatori, SEGNI invita le nuove generazioni a scoprire la magia delle sua arte e a mettersi in gioco con creatività usando l’immagine del Camaleonte per creare incredibili trasformazioni visive e narrative con cui partecipare al Concorso legato all’animale simbolo.

L’animale simbolo e il concorso. “Il concorso che ti trasforma” è lo slogan del call to action legata all’animale simbolo del festival e alla nuova edizione del contest "Colora (e racconta) il Camaleonte", un’operazione artistica che fin dalla sua nascita favorisce la relazione all’interno della famiglia e nelle classi, coinvolgendo tutte le età nella rielaborazione dell’immagine creata dall’artista.
In questo anno particolarmente complesso in cui le nuove generazioni hanno perso o avuto pochissime possibilità di entrare in relazione, per condividere momenti di aggregazione, il concorso legato al Camaleonte viene rilanciato come momento di grande collaborazione e condivisione in cui ideare, creare e realizzare insieme opere e contenuti artistici.
Il Concorso si evolve. Oltre alla possibilità di raccontare le proprie emozioni e i propri desideri attraverso il disegno e il racconto, alle modalità di partecipazione si aggiunge un nuovo, potente mezzo di comunicazione: il podcast. Non solo atelier di creazione di arti visive, quindi, ma anche produzione di materiale audio.

A partire da Segni Estate fino alla conclusione dell'edizione autunnale del festival, grazie ad un processo di formazione, fatto di clip tutorial a disposizione delle scuole e delle famiglie, si vuole creare un canale di comunicazione e connessione tra bambini e ragazzi che abitano anche in luoghi distanti e diversi, affinché ci sia uno scambio delle storie tratte dalla Bibliografia del Camaleonte che anche quest’anno è curata da Simonetta Bitasi. Il podcast per i più grandi invece diventa il mezzo per raccontare le proprie storie di trasformazione, evoluzione e sostenibilità o per raccontare le emozioni.

"Segni rappresenta per la nostra città un'eccellenza - ha detto l'assessore Sortino -, per le proposte culturali e artistiche uniche nel loro genere rivolte alle nuove generazioni, ma anche a noi adulti che ci appassioniamo ai vostri eventi. Offrendoci ogni anno la possibilità di sorprenderci e stupirci. Quest'anno Segni rappresenta un primo vero segnale di rinascita per i bambini e le bambine. Come Comune di Mantova ci impegniamo a promuove e sostenere ogni azione che investe sul futuro, sui bambini, sulla città e sulla creatività quindi siamo molto felici di essere al fianco del festival e di essere parte della squadra di Segni".

L’immagine del Camaleonte realizzata da Brachetti è il punto di partenza per trovare l’ispirazione insieme ai testi della Bibliografia: questo materiale è disponibile da scaricare su segnidinfanzia.org e nel corso dei mesi sarà implementato da attività dal vivo e da contenuti digitali dedicati visibili su segninonda.org, la piattaforma del festival. C’è tempo fino al 15 ottobre per iscriversi al concorso tramite form e inviare la propria opera.
Vincitori al Giglio. In questa edizione, c'è una sorpresa in più: grazie alla sinergia con il nuovo territorio dell’Isola del Giglio - dove si terrà un’anteprima del festival dal 21 al 25 giugno - i premi del concorso, per la categoria famiglie, prevedono un soggiorno di una notte ed escursioni in barca alla scoperta delle meraviglie dell’isola, offerti da Maregiglio per il 2022. Per le classi, invece, il primo premio sarà uno spettacolo di SEGNI direttamente a scuola nell’anno scolastico 2021-2022 e per il secondo e terzo classificato, una selezione di libri sul tema ambientale. Un premio su misura anche per i ragazzi tra i 12 e 18 anni che partecipano non come gruppo classe: la possibilità di una chiacchierata con il proprio artista preferito.

Info: www.segnidinfanzia.org

Cartella stampa

 

Martedì, 25 Maggio 2021 16:32
Pubblicato in Cultura
Leggi tutto...

Copyright by Comune di Mantova

Top Desktop version